Creato da goblins76 il 23/07/2006

STRISCE BIANCONERE

notizie e commenti sul mondo del calcio e dello sport in generale

 

« Rivoluzione bianconeraI primi calci che contano »

Primi passi juve...

Post n°356 pubblicato il 12 Luglio 2010 da goblins76
 

«Nessun risultato è irraggiungibile. Una sola squadra vince, l’importante è avere obiettivi. La Juve vuole creare una formazione con un’identità di gioco e di mentalità, vuole darsi obiettivi importanti». Gigi Del Neri, allenatore della Juventus, fissa i traguardi del club bianconero che deve riscattare la negativa stagione 2009-2010.

«Partiamo con grande fiducia nella società e nello staff. Dobbiamo assorbire questa mentalità e portarla sul campo. Ogni elemento deve giocare per la squadra, non per sè», dice il tecnico dal ritiro di Pinzolo. «Tutti si stanno applicando con dedizione, sto monitorando tutti. Le voci di mercato non mi condizionano», dice l’allenatore, che sposa in pieno la linea adottata sinora dai dirigenti. «Bisogna acquistare i giocatori che servono. Il mercato è molto difficile, non ha senso spendere solo per spendere», dice Del Neri. Quando la rosa sarà definitiva, il tecnico individuerà uno schieramento "base" che servirà da riferimento per la stagione. «Questa squadra ha bisogno di certezze, non ho intenzione di cambiare ogni domenica», dice.

«Abbiamo lavorato molto in questi giorni e stiamo rispettando i tempi. I giocatori devono caricare il fisico di un lavoro importante in questo periodo, per poi vedere i risultati più avanti», dice Del Neri parla alla vigilia della prima amichevole estiva, che la Juventus giocherà domani a Pinzolo contro una rappresentativa della Val Rendena. Domani, in campo il tecnico vuole «vedere sul campo tutto ciò che la squadra ha provato in questi giorni, anche se inevitabilmente i giocatori saranno condizionati dai carichi di lavoro». «Voglio un impegno massimale da parte di tutti, il rispetto dei ruoli e dei nostri tifosi, che sono fantastici e che ringrazio per l’affetto dimostrato a me e alla mia famiglia. Dobbiamo avere una mentalità di squadra. Il giocatore "nasce" singolo, poi sta all’allenatore assemblare il gruppo - afferma convinto -. Visto che questo è un gioco di squadra, c’è bisogno di lavorare di reparto e con tutti i compagni. Chiaro poi che un giocatore di qualità, all’interno del gruppo, possa fare la differenza».

Nella prima fase della preparazione, Del Neri ha utilizzato Diego come seconda punta. Acquistato un anno fa con l'"etichetta" di trequartista, il brasiliano ha vissuto una stagione complicata. «Deve potersi muovere sul campo liberamente, con pochi compiti tattici. Credo sia più una punta che un centrocampista. Un paragone con Cassano? A me sembra che ricordi più Doni, per parlare di una altro giocatore che ho allenato, anche se Cristiano è più attaccante. Diego è molto bravo quando ha spazio e può attaccare la porta frontalmente», dice il tecnico analizzando la situazione da un punto di vista tattico.

«Mi è parso molto volitivo e potrà avere spazio, come tutti del resto. Ho visto molto motivati i ragazzi più giovani, così come Trezeguet e i giocatori che sono al centro delle voci di mercato. Queste però non mi toccano, io sto monitorando tutti», prosegue. Il discorso scivola poi sul mercato: la Juve, hanno detto e ripetuto i dirigenti, è una sorta di cantiere. «Abbiamo portato nuovi elementi che facessero al caso nostro e ora mancano anche molti Nazionali. La rosa andrà ampliata nei settori che al momento sono deficitari, ma spendere per spendere, meglio tenere i giocatori che già abbiamo perchè sono un patrimonio che non vogliamo disperdere», dice Del Neri.
«La gente ci ama e questo è importante. Vogliamo ricambiarli creando una squadra che abbia cuore, che lotti e che sudi. Vogliamo che la Juve sia una squadra di calcio». «Dobbiamo avere degli obiettivi e creare una squadra che abbia un’identità e una resa importante. Basta dire Andrea Agnelli, per capire cosa rappresentiamo - ripete -. Abbiamo tutti grande fiducia nel presidente, nella dirigenza e nella dirigenza e dovremo portare quella stessa mentalità sul campo».


Nel frattempo iniziano le prime sgambate..o prime partite di preparazione alla nuova stagione che verrà, ed ecco una juventus subito sprintosa..che termina 6-0 la prima amichevole della stagione con Del Neri in panchina. La partita contro una rappresentativa di dilettanti del Trentino è stata interrotta alla mezz'ora del secondo tempo per un violento nubifragio che si è abbattuto sul campo di Pinzolo.

Il brasiliano Diego, su cui Del Neri ha già detto di puntare molto, ha aperto le danze al 16'. Tre minuti più tardi ha raddoppiato Pasquato. Trezeguet, in partenza secondo le ultime voci di mercato, ha firmato una doppietta (29' e 36').

Nella ripresa Grosso (4') e Grygera (16') hanno ampliato il bottino di gol prima che la pioggia costringesse il direttore di gara a sospendere la partita.

All'amichevole hanno assistito circa 5 mila tifosi che hanno letteralmente preso d'assalto lo stadio Pineta per l’esordio stagionale della squadra di Del Neri. La Val Rendena in questi giorni registra praticamente il tutto esaurito dopo un inizio di ritiro tiepido anche per la concomitanza con il finale dei Campionati del Mondo in Sudafrica.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/cuorejuve/trackback.php?msg=9049974

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

JUVENTUS - LAZIO 2- 1

 

UNA NUOVA ERA

 

 

 

 

Oasis frend

Del Piero punisce

 

 

AREA PERSONALE

 

DEL PIERO STORY

Fattore Krasic

 

 

 

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

ULTIME VISITE AL BLOG

francesco.ienzilagreca.valentinosonny15Danydarkjj2Annad26alessandropinatoyakkamattuni72pieroceloriaGiorgio.Bascherinineweletricvindiesel72lucaberardi2000chiccatweetyhimmlischcreacofranco
 
 

LE ROI

 

 

Tributo ad Alex

 

 

 

 

 Del Piero vs Nakamura by Adidas

 

 

Essenzialmente Alex

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAMPIONI

 

 

 

DIVIN CODINO

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

 

PRIMO GOAL

Eri poco più di un ragazzo quando ti buttarono dentro al tuo primo campo di calcio di serie A.

In quel momento, quando il Trap ti disse:"Dai, scaldati che tocca a te", tu non sapevi che pensare, un groppo in gola, le gambe che tremavano, ma ti facesti coraggio.

Alzarsi dalla panchina e iniziare il riscaldamento, una corsa verso l'ignoto.

Pensasti a tuo padre, a tua madre, al fratello che ti aveva sempre sostenuto, ai tuoi amici più cari ai quali sarebbe venuto un'infarto nel vederti entrare in campo, ma  dopo c'era solo l'ignoto.

Non sapevi a cosa seresti andato in contro dentro quel campo da calcio, eppure il terreno di gioco l'avevi calpestato migliaia di volte, in quel momento ti sembrava fosse la prima volta che ti capitava di giocare...

Pensare a cosa fare, a come doverlo fare, pianificando tutto nei minimi dettagli, e  poi l'arbitro fischiò…toccava a te.

Baggio ti sorrise e  strizzò l'occhio, Moeller ti guardò impassibile, Ravanelli ti battè il 5..:"e adesso?.....cosa ne sarà di me", ti chiedesti?...Dribbling di Julio Cesar, palla a Marocchi che dà subito a Baggio,il quale lancia la palla in profondità, sui tuoi piedi..Goal..si Goal...non sapevi cosa fosse...gioia, emozione...cuore gonfio di sentimenti che passano veloci confusi nella mente e nell'animo che sembra poter volare

 

immagine

 

LA STORIA SIAMO NOI

immagine 

immagine

immagine

 

 

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

Juventus is the best team ever.I want Italy to be next...
Inviato da: Juveman
il 16/11/2017 alle 15:37
 
non credo che la juventus intenda invesire su un campionato...
Inviato da: goblins
il 07/12/2010 alle 20:44
 
LA JUVE COMPRERà CASSANO ??? ...
Inviato da: 1carinodolce
il 30/11/2010 alle 13:40
 
"l'unico vero investi­mento economico della...
Inviato da: hopper
il 19/08/2010 alle 19:38
 
Queste intercettazioni si commentano da sole... che altro...
Inviato da: goblins76
il 02/04/2010 alle 21:44