Cureprimarie

Considerazioni e riflessioni sulla medicina del territorio

 

ORARI DI AMBULATORIO

Ambulatorio di Flero -Via S.Martino 33

tel. segretaria 0302761962 (8.00-9.45)

-su appuntamento tutti i giorni, tranne il sabato, 8.45-10

-accesso libero: Lun-Merc-Ven 17-19

E-mail: giuseppe.belleri@crs.lombardia.it

Ambulatorio di Fenili Belasi (Capriano d.c.)

Via Chiesa 31

Tutti i giorni, tranne mercoldì e sabato, 10.45-12.15

Su appuntamento dalle 11 alle 11.40

Tel. infermiera 3331790880 (10.30-12)

 

SPAZIO WEB DEDICATO AGLI ASSISTITI DEL SSN

http://digilander.libero.it/bellegi0/

Tel. cellulare 3288337643

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fra.doctorladyred1mauri.laudaliuf.08castolfacoconaamauri.claemilytorn82roelefmapabAntonioAPapagnitrigroambrosiadossi88sali29giorgiagambarelli
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

 

« Linee Guida Europee 2013...Rinnovo della Convenzion... »

Linee Guida sulla gestione delle malattie croniche: declino del "fare sempre di più"?

Post n°41 pubblicato il 24 Novembre 2013 da bellegi0

In questo scorcio di anno assistiamo ad una fase di assestamento nella gestione di alcune patologie croniche, che potrebbe avere un impatto notevole sulla pratica clinica ambulatoriale, vale a dire:

-la revisione al rialzo del limite di normalità della P.A., con l’abolizione della pressione normale-alta, e soprattutto dei target terapeutici più ambiziosi, modificati dalle ultime linee guida europee, che innalzano a 150 l’asticella della “lotta” all’ipertensione nella popolazione geriatrica (http://careonline.it/wp-content/uploads/2013/10/21_angolo_sitecs_care_4_2013.pdf);

-un fenomeno analogo riguarda la gestione del rischio CV, in particolare per il target di LDL nel trattamento dell'ipercolesterolemia (vedi le recenti linee guida americane ATP-IV: http://www.medscape.com/viewarticle/814152?src=stfb) con la messa in soffitta degli obiettivi di trattamento più ambiziosi negli assistiti a maggior rischio;

-anche nel settore diabetologico è in atto una riconsiderazione degli obiettivi di riduzione della glicata, con una diversificazione dei target in relazione all'età dei pazienti, sotto la spinta di studi come la ricerca ACCORD, già recepita in Linee Guida "minori", come quelle scozzesi, ed in varia misura anche dalle Linee Guida delle maggiori Società diabetologiche dei due continenti ( http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=5568 ).

Questi fatti segnalano un’inversione di tendenza piuttosto significativa: dopo un decennio di continue revisioni al ribasso delle soglie di malattia e dei target delle cure farmacologiche assistiamo ad una revisione critica di certi eccessi del passato, all'insegna di un approccio più slow e meno medicalizzante, che enfatizza il ruolo degli stili di vita; in modo indiretto si recepisce l'approccio soft tipico della MG, dopo un lungo periodo di "furori" terapeutici estranei alla cultura delle cure primarie, ispirati a quella sorta di legge ferrea che imponeva di fare “sempre di più”.

In che misura e in che tempi questi cambiamenti culturali e pratici verranno recepiti dalle diverse società scientifiche e dalle commissioni di ASL, incaricate di ridefinire indicatori e standard di qualità dei diversi PDTA territoriali per la gestione delle patologie croniche?

Infine come interpretare questa inversione di tendenza? Le ipotesi sono varie:

1-per qualcuno si è preso semplicemente atto della irraggiungibilità pratica di certi target "astratti", se non a rischio di effetti collaterali o avversi specie negli anziani, peraltro non supportati da solide prove EBM;

2-per altri forse c'e' lo zampino della crisi economico-finanziaria, che attanaglia i paesi occidentali e che sconsiglia, per ora, atteggiamenti terapeutici drastici e con benefici dubbi;

3-c'e' chi sottolinea l'implicito declino delle Linee Guida schematiche e impositive, calate dall'alto e valide indifferentemente per tutti, a favore della personalizzazione degli obiettivi di cura e della modifica degli stili di vita;

4-infine non si può trascurare il fatto che le linee guida sono il punto di riferimento per ogni valutazione medico-legale, per cui forse non vale la pena procurarsi preventivamente potenziali grane giudiziarie, imponendo a tutti obiettivi troppo ambiziosi che condizionano le attese e le valutazione degli assistiti e, soprattutto, dell'eventuale giudice. 

Insomma, un po' di sana medicina slow non puo' che far bene a tutti quanti!


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/cureprimarie/trackback.php?msg=12524227

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
paco953
paco953 il 24/11/13 alle 22:34 via WEB
Tutto condivisibile con l'aggiunta della necessaria e sempre più importante condivisione degli obiettivi effettivamente perseguibili con il paziente che in questo modo si responsabilizza e collabora, o desiste ma senza accusare il medico di inadeguatezza Paolo Colorio Trento
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: bellegi0
Data di creazione: 08/09/2012
 

MI PRESENTO....

Sono un medico di Medcina Generale che esercita la professione dal 1981 in un paese alle porte di Brescia in medicina di gruppo. Da anni svolgo anche l'attività di animatore di formazione nei ranghi della SIMG (Societa' Italiana di Medicina Generale), di ricercatore in Medicina Generale (audit, governo clinico, formazione sul campo, ricerche epidemiologiche ed osservazionali) tutor del tirocinio valutativo per l'esame di stato e docente alla scuola di formazione in Medicina Generale di Brescia.

Ho collaborato con le principali riviste Italiane della MG, come Occhio Clinico, Medicinae Doctor e rivista SIMG. Dall'inizio del secolo modero e partecipo alle discussioni pubbliche su Mailing Lista locali (rete UNIRE di Brescia), nazionali e sui gruppi professionali di FaceBook. I miei interessi spaziano dalla metodologia clinica alla psicologia cognitiva, alle medical humanities in generale, con paticolare riferimento alla diagnosi e all'errore in MG.

Sito Web personale: www.giuseppebelleri.it

 

INDIRIZZI SI POSTA ELETTRONICA E NUMERI DI TEL.

-Studio di Flero tel 0302761962

e-mail: giuseppe.belleri@crs.lombardia.it

-Abitazione tel. 0302762039

e-mail: giusbel@teletu.it

-Spazio WEB

http://digilander.libero.it/bellegi0/

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.