Creato da Die972 il 17/07/2006

Corri Forrest Corri!

Mamma diceva sempre che dalle scarpe di una persona si capiscono tante cose, dove va, cosa fa, dove è stata.

 

 

« Pagine d'album: La Fran...A Mario »

Pagine d'album: La Francigena (giorno 3)

Post n°74 pubblicato il 18 Giugno 2008 da Die972
 


27/4/2008 Il misticismo trionfa!
Qualcuno ha detto che camminare leviga anche i pensieri più spigolosi. La terra che passa sotto i tuoi piedi li rende meno acuti, meno pressanti, e quindi riesci a domarli con più leggerezza e particolarità. E' solo una questione di attrito. Ieri sera, nonostante le fresche attenzioni della giovin servente, io e il Demiurgo abbiamo parlato dell'esistenza di Dio e del nostro rapporto col sacro. D'accordo, il luogo, così carico di misticismo, aiutava parecchio. Peraltro dalla finestra della nostra camera old-style si godeva di una superba vista sulla basilica di Sant'Antimo illuminata, vista dall'abside. Però, insomma, non mi era mai capitato di affrontare quest'argomento col Demiurgo, e non a caso è successo nel corso di un cammino. Non a caso. Non sto certo a riassumere le nostre posizioni, dopo tutto non troppo dissimili, nei confronti del sacro e della Chiesa, però due cose le posso dire: 1) è stato un bel momento di confronto ad animo aperto, da ricordare. 2) Ratzinger ci sta sui coglioni a tutti e due.

Castelnuovo dell'Abate
Iniziamo la giornata che è presto, molto presto. Così presto che il titolare della locanda ancora dorme mentre noi lasciamo il nostro silenzioso rifugio (dopo aver pagato la sera prima, ovviamente). Il Demiurgo nel tardo pomeriggio avrà un matrimonio a Roma e secondo i nostri piani dovremo chiudere il cammino entro l'ora di pranzo a Bagno Vignoni, dove ci attendono F1, F2 e dove è parcheggiata la macchina del mio sventurato compagno, che nel giro di poche ore dovrà svestirsi dei panni di viandante per mettersi quelli da gala. Usciamo in cerca di un posto per la colazione. Troviamo un baretto aperto nel paesino, il classico bar-circolo dove i pochi abitanti del borgo si incontrano per scambiarsi quattro chiacchiere in accento toscano. Mi colpisce un angolo della parete, dove sono appese le fotografie di alcuni vecchi frequentatori del locale che ora non ci sono più, ma che gli amici del baretto evidentemente vogliono tener vivi nel ricordo tra un bianchino e un vermuth.

Le due torri
Salutiamo sant'Antimo con un'ultima stupenda vista sulla basilica accesa dalla luce gialla dell'alba. Si procede velocemente tra campi e casali, e ci stupiamo di avere un'andatura che il Garmin segnala vicina ai 7km orari. La strada scende decisa verso il torrente Asso, che superiamo sfruttando il ponte ferroviario facendo attenzione a non farci stirare da qualche treno in corsa. Sia io che il Demiurgo proviamo una sorta di nostalgia per quel che doveva essere spostarsi un tempo con il treno. Quel tratto di ferrovia, ora anonimo e sperduto in uno dei punti più selvaggi della valle, nasconde in realtà una vecchia fermata che riporta il nome del casale che abbiamo appena superato. Una volta dunque il treno fermava appositamente lì... e una volta quel casale non era silenzioso e semidiroccato come ora, ma doveva pullulare di gente, lavoro, vita, storie.
Risaliamo ora sull'altro versante della valle. La fatica si fa sentire e la velocità precipita intorno ai 4km orari. Raggiungiamo Ripa d'Orcia e rimaniamo senza fiato. La torre, come molte altre ora adibita a struttura ricettiva di classe, domina austera e imponente la stretta gola sottostante, dove l'Ombrone si intrufola come in un collo di bottiglia. Dall'altra parte vediamo distintamente il naturale pendant di Rocca d'Orcia. Insieme le due torri dovevano essere una barriera impenetrabile, e certamente chi passava di lì doveva fare i conti con la loro presenza e con la visibile potenza dello Stato senese. Le tolkeniane Minas Tirith e Misas Morgul ci fanno una sega a queste!

Epilogo
Ormai i miei piedi vanno a fuoco per le vesciche, e in discesa il Demiurgo se ne accorge dai miei soffocati lamenti. Ma Bagno Vignoni è vicina e la raggiungiamo in un clima di leggero dispiacere per l'immanente abbandono dell'impresa, ma anche di euforia per un ciclo di cammini che ci si spalanca davanti, ad iniziare dalla prossima estate.
Bagno Vignoni è stacolma di turisti e di bancarelle e noi non siamo pronti a questo. Come schivi aristocratici in calzoncini e scarponi scattiamo giusto qualche foto davanti alla piazza-vasca termale, rintracciamo F1 e F2, e con loro ci rifugiamo lontani dal caos in una trattoria. Il Demiurgo parte per l'Urbe con la testa proiettata al noioso ricevimento del pomeriggio. Ma ha gli occhi che gli brillano, e io lo conosco: entro stasera aprirà non so quale carta topografica sul letto e inizierà a fantasticare sulla prossima avventura.



Lungo la Francigena # 3 Sant'Antimo-Bagno Vignoni at EveryTrailMap created by EveryTrail:Share GPS tracks

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

IO

 

immagine

 

PAROLE...

"Todo pasa y todo queda,
pero lo nuestro es pasar,
pasar haciendo caminos,
caminos sobre el mar.

Nunca persequí la gloria,
ni dejar en la memoria
de los hombres mi canción;
yo amo los mundos sutiles,
ingrávidos y gentiles,
como pompas de jabón.

Me gusta verlos pintarse
de sol y grana, volar
bajo el cielo azul, temblar
súbitamente y quebrarse...

Nunca perseguí la gloria.

Caminante, son tus huellas
el camino, y nada mas;
caminante, no hay camino,
se hace camino al andar.
Al andar se hace camino,
y al volver la vista atras
se ve la senda que nunca
se ha de pisar.
Caminante, no hay camino,
sino estelas en la mar.
[Antonio Machado]

Tutto passa e tutto resta
ma il nostro destino è di passare
passare disegnando percorsi
percorsi sul mare.

Non ho mai rincorso la gloria,
nè voglio lasciare nella memoria
degli uomini la mia canzone;
io amo i mondi sottili,
in assenza di gravità e gentili,
simili a bolle di sapone.

Mi piace vederli mentre si dipingono
di sole e di rosso, volare
nel cielo azzurro, tremare
improvvisamente e svanire...

Non ho mai rincorso la gloria.

Viandante, sono le tue orme
il cammino e niente di più;
Viandante, non c’è una strada,
la si costruisce camminando.

Mentre vai si fa la strada
e voltandoti
vedrai il sentiero che mai
più calpesterai.
Viaggiatore,
non esiste una strada,
ma solo scie nel mare.


"Superba è la notte
quando cadono gli ultimi spaventi
e l'anima si getta all'avventura".
[Alda Merini]

"Le case abbandonate sono come gli uomini. Alcuni tengono duro, altri crollano. Dolore e solitudine fanno cadere uomini e muri."
[Mauro Corona]

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

STO LEGGENDO

Luisito Bianchi, I miei amici, Sironi, 2008

 

AREA PERSONALE

 

UNA SOSTA SOTTO L'ALBERO A...

ULTIMI COMMENTI

Caro Die, come stai? Spero che sia tutto ok e che tu...
Inviato da: Rossella
il 11/04/2009 alle 11:21
 
Mi sono accorta, rileggendo tardivamente, d'aver...
Inviato da: Anonimo
il 21/01/2009 alle 11:42
 
Caro Die, grazie per le belle cose che mi hai scritto e...
Inviato da: Anonimo
il 21/01/2009 alle 11:38
 
Ciao Die :) come stai? Come è iniziato questo nuovo...
Inviato da: Anonimo
il 12/01/2009 alle 00:00
 
LO SO'E' DA MALEDUCATI SCRIVERE IN MAIUSCOLO,MA...
Inviato da: Anonimo
il 01/12/2008 alle 14:23
 
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom