Creato da ditantestelle il 31/05/2010

r i s o n a n z e

Okashi O Dozo

 

 

« PFMEloquenze »

Splendi

Post n°162 pubblicato il 14 Giugno 2019 da ditantestelle

 

 

 

 

 

 

Oltre il nulla di ogni dove. Li riascolti e forse è così che si creano poesie sonore come queste, dove la realtà funziona da limite, quasi da prigione. Hanno considerato un oggetto, non lo hanno solo visto. Lo hanno amato e sofferto. Sofferto come pietra. Immaginavano fors’anche un albero messo tra noi e la vita. Quasi un altolà minaccioso. Forse non solo le cose hanno questa malìa, ma tutto, tutto ciò in quel ciascuno che è, a suo modo, di una singolarissima anima. Hanno compreso tutti coloro che riassorbono quel giudizio universale su tutta un’esistenza rendendosi crudi nel rarefarsi di propria solitudine. E compreso anche chi corre a spiare la coscienza nei gesti, nelle espressioni di volti altrui.

 

E, siccome ognuno è affidato alla propria 'psicologica' predestinazione, quel ciascuno si fa isola cogli altri mancando di vera comunicativa.

Hai percepito una mancanza, la reciproca carità. Anche se di questa assenza, è il dramma, il vero protagonista. Talvolta, la tragedia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog