Creato da dunhilludine il 14/08/2009
alla mia età o si ha il blog meno commentato di Libero o un'amante :-D

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

ale.burattolstranomoonflower.czPer_lecarlo91franco.ferraro_1960anto_6310solrumshhinpuntadipiedifaustorigollggvvenricocerretomiki300diana_89
 

Ultimi commenti

ma quella è la parola più difficile...
Inviato da: only4words
il 09/11/2010 alle 14:24
 
..c'è un tempo giusto per tutto....anche per i...
Inviato da: amarablack
il 20/06/2010 alle 23:44
 
dunque...considerando la tua affermazione nella...
Inviato da: unadonnaperAMICAdgl
il 24/04/2010 alle 15:24
 
...un vero letargo!!!;))
Inviato da: mythodea6
il 08/04/2010 alle 22:22
 
c'ho la malattia del sonno... sono incapace di...
Inviato da: dunhilludine
il 23/03/2010 alle 08:55
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« le lacune dell'ingegno umanoRiflessione »

quelle vie

Post n°302 pubblicato il 03 Marzo 2010 da dunhilludine

La Piazza I° Maggio di Udine è un cantiere. Chiuse le strade che la attraversano, non rimane che prendere quella per la Stazione e poi un lungo giro per tornare indietro. Il traffico è lento. Non ho una fretta particolare e quindi non mi disturba neanche tanto lo stare in fila. Ho la radio che copre i rumori di fondo, i rari clacson di nervosismo, il martello pneumatico che sobbalza tra le mani di un operaio, venti metri più in là. Canto con Guccini “il vecchio e il bambino” e non sono distratto dalla gente che passa a piedi, da qualche vaffanculo a bocca spalancata e, probabilmente, da qualche dito medio alzato. Il serpente di macchine si ferma. Guardo davanti a me e nello specchietto di una golf chiara intercetto due occhi di donna. Proprio nello momento in cui lei lo usa per guardare dietro di sè. Restiamo così per un attimo con gli sguardi incollati. Si passa un dito sotto agli occhi, forse per stendere il fondotinta che, si sa, si rapprende sulle piccole rughe. Le ciglia sono ben delineate e gli occhi grandi, da cerbiatta. Resto fisso sullo specchietto. Lei si distrae un attimo per  togliersi dal vestito qualche capello. Li ha lunghi, scuri e lisci. Torna a guardarmi: vedo anche una porzione di fronte e la parte superiore del naso. Non sembra a disagio. Infila le mani nei capelli, poi lancia occhiate a destra a sinistra, ma alla fine torna lì… contro il mio sguardo che non la mollano. Stringo un po’ gli occhi, quasi dovessi metterla bene a fuoco e lei si abbassa per raccogliere qualcosa. Torna su. Ed io sono sempre lì. Guarda avanti qualche secondo, giusto il tempo di vedere se scorre un po’ la fila. Ma la fila è ferma. Mi mordo il labbro e, dai movimenti dei muscoli vicino agli occhi, capisco che sta ridendo. Probabilmente sta pensando che stia fantasticando su di lei, magari la stia immaginando a letto con me. Si passa la mano sul collo quasi a sistemare l’orlo del maglione e  comincia a muoversi come se stesse andando dietro ad un ritmo che la sua radio diffonde. Segue la musica anche con la mano, dando colpetti sul volante. La fila si mette in moto, piano. Gira alla prima via laterale. La seguo solo con lo sguardo. Lei incredibilmente inserisce i segnalatori intermittenti ed agita una mano per salutarmi. Rispondo al saluto e per un attimo mi vien voglia di seguirla, parcheggiare dove lei mi porta, conoscerla, magari invitarla a cena, baciarla, stringerla e e…. Scarto questa possibilità. No, non perché queste cose non è possibile che accadano, anzi. Solo perché la fila si è rimessa in moto ed io, perso nei miei pensieri ho già superato quella via. Chissà quante di "quelle vie" si perdono ogni giorno della nostra vita.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog