Creato da dunhilludine il 14/08/2009
alla mia età o si ha il blog meno commentato di Libero o un'amante :-D

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

ale.burattolstranomoonflower.czPer_lecarlo91franco.ferraro_1960anto_6310solrumshhinpuntadipiedifaustorigollggvvenricocerretomiki300diana_89
 

Ultimi commenti

ma quella è la parola più difficile...
Inviato da: only4words
il 09/11/2010 alle 14:24
 
..c'è un tempo giusto per tutto....anche per i...
Inviato da: amarablack
il 20/06/2010 alle 23:44
 
dunque...considerando la tua affermazione nella...
Inviato da: unadonnaperAMICAdgl
il 24/04/2010 alle 15:24
 
...un vero letargo!!!;))
Inviato da: mythodea6
il 08/04/2010 alle 22:22
 
c'ho la malattia del sonno... sono incapace di...
Inviato da: dunhilludine
il 23/03/2010 alle 08:55
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« l'amore che finisceil segno »

le due poesie

Post n°311 pubblicato il 12 Marzo 2010 da dunhilludine

I nostri cuori ardono
dicevi, mentre io cominciavo a riempirti di baci inesperti. 15 anni io e 16 tu. Acerbi come limoni di agosto.
Senti qui il mio cuore –continuavi- lo senti? È tra le fiamme incandescenti
ed io appoggiavo la mano ben attento a toccare solo metà del tuo piccolo seno sodo e ancora non maturo, non pronto a sentire il piacere di una carezza.
Tu che dici, ci ameremo per sempre?” sussurravi.
Ed io facevo si con la testa, per non tradire l’emozione con la voce spezzata dalla felicità”
Voglio 3 figli. Sceglieremo i nomi insieme ma una bambina deve chiamarsi Gioia
e per non farmi dire di no appoggiavi le tue labbra che sapevano di liquerizia, alle mie.
Andiamo adesso, è tardi. Tanto dovremo stare insieme tutta la vita
Ti alzavi ed io ti seguivo. L’ultimo bacio veloce ben lontano dal lampione e via a casa a cena.
Poi un giorno sparisti insieme alla tua famiglia: bisognava cercare il futuro in altri luoghi. Per un po’ ci scrivemmo, poi il tempo fece il suo dovere.
Restò la bellezza di un amore fatto di parole e piccoli baci. Solo uno sfiorarsi le labbra. Solo tenerci la mano.
Tu eri una piccola, lieve, poesia “tocco insicuro - dolce di liquerizia – cuore che batte”.
Adesso, tra baci roventi e lussuria, ne ascolto altre, forte e eccitante: “carezza profonda – salata di umori – dischiusa vengo”.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog