Creato da dunhilludine il 14/08/2009
alla mia età o si ha il blog meno commentato di Libero o un'amante :-D

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

ale.burattolstranomoonflower.czPer_lecarlo91franco.ferraro_1960anto_6310solrumshhinpuntadipiedifaustorigollggvvenricocerretomiki300diana_89
 

Ultimi commenti

ma quella è la parola più difficile...
Inviato da: only4words
il 09/11/2010 alle 14:24
 
..c'è un tempo giusto per tutto....anche per i...
Inviato da: amarablack
il 20/06/2010 alle 23:44
 
dunque...considerando la tua affermazione nella...
Inviato da: unadonnaperAMICAdgl
il 24/04/2010 alle 15:24
 
...un vero letargo!!!;))
Inviato da: mythodea6
il 08/04/2010 alle 22:22
 
c'ho la malattia del sonno... sono incapace di...
Inviato da: dunhilludine
il 23/03/2010 alle 08:55
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« il blog del martedìi 5 segreti »

tornare bambino

Post n°316 pubblicato il 17 Marzo 2010 da dunhilludine

Me ne torno a casa a piedi, dall’ufficio, sotto un sole che comincia a scaldare. Il silenzio è quello dell’ora di pranzo. Un pallone colorato rotola dal confine di un prato polveroso con la prima erba verde. Allungo un piede e lo fermo. Lo osservo e rivedo un nugolo di ragazzini di tanto tempo fa’ che instancabili correvano felici, senza problemi, senza pensare al futuro, alla ricerca di un goal che avrebbe colorato i loro sogni di notte. Ed io tra loro.

“Signore mi tira il pallone?”

Mi guardo in giro e lo vedo. 8 o 9 anni, immobile, come uscito da un cespuglio inesistente ,con una maglietta troppo lunga per lui e minuscole scarpe da ginnastica, un cappello rosso da baseball e magre ginocchia coperte da una tuta blu colorata del verde  dell'erba all’altezza delle ginocchia.

”Signore, per favore, il pallone!”

Non c'è nessun altro, solo noi due e il pallone. Mi accorgo che è di plastica e non di cuoio e noto persino i segni dei calci che hanno tolto colore al disegno. E’ leggero come gli uccelli che corrono in un cielo che finalmente sembra azzurro.

”Signore, signore.... il pallone!”

Alzo lo sguardo e fisso il bambino. C’è un profumo intorno di tempo fermato ed una luce lieve e serena. Tutto è immenso, ma rilassante e sembra piacevolmente a portata di mano

”Signore.. mi scusi ....il pallone è mio e...”

Allora mi accorgo che non ha senso continuare a fare riflessioni da “grande” togliendo un pezzo di felicità ad un bambino. Raccolgo quel pallone colorato, insieme a quel che di me ancora c'è di innocente… e chiedo a quei due occhi preoccupati: ”posso giocare per un po’ anch'io?”

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog