Creato da darrsy il 21/01/2007

Cogito..

Ergo sum

 

 

Ho ascoltato l'Embrione!

Post n°6 pubblicato il 20 Giugno 2007 da darrsy

Ha parlato al mio Cuore e lo ha fatto battere forte!

Ha parlato ai miei Polmoni e mi sono commosso!

Ha parlato al mio Fegato e ho sentito il mio orgoglio di Uomo!

Ha parlato ai miei Reni e ho avuto paura che non continuasse il suo cammino verso la vita!

Ho sentito la vita nascere nelle parole di un sempre entusiasta relatore olandese.

Ho visto le sue mani che mimavano la vita, il cammino dello spermatozoo e la tenacia dell’ovulo nel cercare la Madre.

L’ho vista la cellula uovo e poi ho visto l’Origine della Vita.

Dopo un’ora già non è più ovulo ma due cellule e poi dopo un giorno… due giorni… tre giorni…

Ho passato tre giorni ad ascoltare le prime tre settimane di vita del Mio Embrione, perché il relatore è stato capace di farci tornare all’origine.

L’avventura, l’epopea, l’inno alla vita di una piccola cellula che ha incontrato un’altra cellula ancora più piccola!

Vorrei essere capace di parlarvene quando ci incontreremo di nuovo.

Vorrei sentiste come batte il mio Cuore in questo momento.

 

 
 
 

Oh quante Belle Fate Madama Dorè...

Post n°5 pubblicato il 31 Maggio 2007 da darrsy

“Il lettino lo possiamo mettere qui all’entrata oppure in infermeria!” La padrona di casa (Donna Sole) e il padrone di casa (Falco Imperatore) erano molti efficienti e pragmatici.

L’entrata mi sembrava piccola ma l’infermeria era di un freddo che gelava il Cuore e allora, d’incanto, l’entrata a confronto è diventata calda, grande e accogliente.

Il fatto si è che a Donna Sole l’infermeria non piaceva e il suo messaggio è arrivato forte e chiaro.

“Quando mi tratti?”

“Mi fai riposare un po’!”

“Allora nel pomeriggio?”

“Appena mi sveglio!”

Appena sveglio non ho avuto il tempo di prendere il caffè.

“Andiamo?”, veramente avrebbe detto: “Andiamo!!!” ma sono una persona per bene e non parlo mai male delle donne.

Le nostre superbe Fatine mi hanno fatto impazzire.

Tensioni nascoste, paura, ansia, rabbia, tristezza.

Dritte come un fuso, “Perché tu non mi vedi barcollare!”, eppure così dolorosamente umane e piegate in due.

Donne Fatine dolci e forti, impaurite e coraggiose, piegate e mai vinte.

Fianchi bloccati, mascelle serrate, cervicali dolenti.

Le nostre Fatine se le son prese tutte le gioie della vita.

La paura nei fianchi bloccati.

La rabbia repressa nelle mascelle serrate.

I “no” che diventano “si” nella cervicale dolente.

“Non sento il dolore!” Il terapista non si deve commuovere.

“COME NON SENTI IL DOLORE!”

“No, non sento il dolore!”

Una smorfia improvvisa, ingoia ripetutamente ma la Fatina non riesce a trattenere le lacrime che hanno sorpreso anche lei.

“Lascia andare le tue lacrime! Rispetta la tua tristezza!”

La Fatina ha pianto ma per poco “Perché tu non mi devi vedere quando piango!”

Fatine confuse, ansiose, deluse, disincantate eppure tanto vive da intimidire.

Splendide, dolci, umani, dolenti e struggenti Fatine!

Sì, voi Fatine siete il sale della mia vita.

Con ammirazione infinita,

Vincenzo

 
 
 

Post N° 4

Post n°4 pubblicato il 20 Aprile 2007 da darrsy

Sapevo, ero certo che se fossi riuscito a correre

Correre anche per qualche minuto la mia gamba avrebbe smesso,

smesso di farmi male, smesso con le sue fitte.

Rimesso giudizio insomma!

Dodici minuti per la mia gamba dolente

Dodici minuti e molte delle sue tensioni si sono sciolte

Poi i miei Polmoni hanno detto basta!

L’eucalipto mi attendeva.

Ho alzato la testa e guardato lungo il tronco.

Enorme, forte e protettivo.

“Chiedi permesso!” mi aveva detto l’amica saggia

“Posso prendere un po’ della tua Energia?”

Ho accarezzato la corteccia ruvida e ho avuto il permesso

L’abbraccio dell’albero amico!

I suoi rami su di me, mi proteggevano.

Tutto è stato veloce… io non volevo… io non piango…

Io non piango se c’è gente intorno a me!

L’eucalipto voleva le mie lacrime, me le ha succhiate dagli occhi.

Poi ha preso i miei Polmoni e li ha gonfiati d’aria

come non sono mai stato capace di fare.

Singhiozzavo e tremavo, la testa china e sorretto dal tronco.

“Tutto bene?”

“Sì, grazie! Tutto benissimo!”

“Adesso va’! lasciami le tue lacrime e vattene!”

Non volevo lasciare l’abbraccio ma potevo disobbedire?

L’ho guardato di nuovo, l’ho accarezzato.

“VA’!”

Sono andato ma le mie lacrime non erano finite.

La lunga scia mi ha seguito fino a casa.

Sto bene!

Sto bene?

Forse, chissà, spero!

 
 
 

Post N° 3

Post n°3 pubblicato il 07 Marzo 2007 da darrsy

Dio conta le lacrime delle donne! *

A voi donne che del cielo siete la metà più luminosa.

A voi donne che siete il rifugio e l’abbraccio.

A voi donne che avete la forza, la dolcezza e l’amore.

A voi donne che sapete gioire.

A voi che sapete ridere e piangere.

A voi che sapete sorridere quando vorreste urlare.

A voi che sapete riflettere.

A voi che conoscete la tristezza.

A voi che sapete dire sì quando vorreste dire no.

A voi che sapete amare anche quando è il momento di odiare.

A voi che conoscete la paura ma non vi fermate.

A voi che barcollate ma continuate ad andare.

A voi che chiedete una mano tesa e ricevete una mano chiusa.

A voi che perdonate.

A voi che conservate la dignità anche quando chinate la testa.

A voi che parlate con uno sguardo.

A voi che frenate la rabbia.

Donne nobili e furenti.

Donne frustrate e fiere.

Donne incomprese ma che dovete capire.

A voi donne i miei auguri.

E vi prego, continuate a volare.

Vincenzo

* Il titolo è un versetto della cabala ebraica

 

 

 
 
 

'Ste donne!

Post n°2 pubblicato il 30 Gennaio 2007 da darrsy

Mentre la donna al banco della pasticceria tenacemente faceva il contrario di quello che le chiedevo di fare, in modo assolutamente non pensato dissi:

“Amo le donne perché non ascoltano mai!”

Dopo qualche secondo di silenzio dalle mie spalle un uomo rispose:

“È vero!”

Lo guardai e avessi potuto seguire il suo sguardo certo sarei arrivato sull’immagine della sua donna che gli stava dicendo: “No!”

Ieri pomeriggio una giovane donna, con sulle labbra il più dolce e affascinante sorriso che mi sia capitato di vedere negli ultimi anni, tenacemente (anche lei) sosteneva un insostenibile punto di vista sistematicamente opposto al mio.

Tutto quel che mi è passato per la mente è stato:

“Voglio bene a questa ragazza!”

Sono certo di essere un uomo normale che ha della vita una visione serena e canonica.

Il fatto è che le donne sono così.

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

massi.russoIl_Pianista80criceto66antennavolantefiorenza.grassoCoulomb2003wiola.cvita1954csoulplacesimoneaugil_presidente77guitarandvoicetari86Colombina2002my_instant
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom