Blog
Un blog creato da caselladiposta106 il 09/11/2007

Farfalle di seta

Nasciamo bruchi, moriamo farfalle.

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

AREA PERSONALE

 
tracker
 


 

ULTIMI COMMENTI

ciao...ho letto un po' d dediche k hai scritto...e...
Inviato da: elena grandi
il 12/10/2011 alle 21:46
 
ciao...sai io mi sn staccata dal mio raga gg è partito x 3...
Inviato da: Miriam
il 22/07/2010 alle 23:55
 
Strano a dirsi, ma anch'io da ieri ho ricominciato a...
Inviato da: carlo_morelli
il 21/01/2010 alle 14:02
 
ma...ma...ma...
Inviato da: via_rigola
il 23/08/2009 alle 10:54
 
:)
Inviato da: marjka_1969
il 13/06/2009 alle 00:26
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

antonio61zappalastudio.diloretotizygalicigiancarlocerroneviki640luna.negramax140464caselladiposta106albert.bregant1963gennaroleardital.giuseppenadiastucchi85rossopositivo53mariapialettieri99fabiofda
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 

Da quando te ne sei andato non la smette più di piovere!!!

 

Ti aspetto...

 
Quando non ho avuto più niente da perdere, ho ottenuto tutto. Quando ho cessato di essere chi ero, ho ritrovato me stesso. Quando ho conosciuto l'umiliazione ma ho continuato a camminare, ho capito che ero libero di scegliere il mio destino. Non so se sono malato, se il mio matrimonio è stato solo un sogno che non sono riuscito a comprendere fintantochè è durato. So che posso vivere senza di lei, ma vorrei incontrarla di nuovo, per dirle ciò che non le ho mai detto mentre stavamo insieme: "Io ti amo più di me stesso". Se riuscirò a dirle queste parole, allora potrò andare avanti, in pace.
 

 

"Tutta quella città, non se ne vedeva la fine...per
cortesia, la fine, si potrebbe vedere la fine?!?!?
E il rumore..
Su quella maledettissima scaletta era tutto molto
bello..ed io ero grande nel mio cappotto cammello,
facevo un figurone, ed ero sicuro che sarei sceso,
garantito, non c'era problema...
Ma poi...primo gradino, secondo gradino, terzo
gradino...
Primo gradino, secondo gradino..
Non fu quello che vidi che mi fermò, fu quello che non
vidi...quello che non vidi...
Riesci a capirlo???.quello che non vidi...
La cercai.. la cercai ma non c'era, in tutta quella
sterminata città c'era tutto ma non c'era una fine.
Quello che non vidi è dove finiva tutto quello. La
fine del mondo...
Prova ad immaginare un pianoforte..:i tasti iniziano,
i tasti finiscono. Tu sai che sono 88 e su questo
nessuno può fregarti...Non sono infiniti loro, Tu sei
infinito e su quegli 88 tasti infinita è la musica che
puoi suonare..Questo a me piace, questo sì, si può
vivere..
Ma se salgo su quella scaletta e davanti a me si
srotola una tastiera con milioni di tasti, milioni e
miliardi di tasti, che non finiscono mai e questa è la
verità, che non finiscono mai..beh, allora quella
tastiera è infinita..ma se quella tastiera è infinita
non c'è musica che puoi suonare...ti sei seduto sul
seggiolino sbagliato: quello è il pianoforte su cui
suona Dio..
Ma le vedevi le strade????.
Anche solo le strade, ce n'erano a migliaia...come
fate voi laggiù a sceglierne una???..
A scegliere una donna...
Una casa che sia la vostra, un paesaggio da guardare,
un modo di morire....
Tutto quel mondo addosso che nemmeno sai dove
finisce...o quanto ce n'è...
Ma non avete paura, voi altri, a finire in mille pezzi
solo a pensarla quell'enormità??..a viverla..."

Baricco-Novecento

 

 
Sembra che un pittore
abbia disegnato il cielo
stasera
per te.
Sembra che domani
tu non possa più partire
Fa male allontanarmi
da te.
Come salire,
come volare,
come decidere
di scegliere qualcuno
per cui vivere.
Fa male starti accanto
fa male se sono solo
fa male che domani
vai via.
E ora che ti perdo
non riesco a starti accanto
se questa è la tua vita
o la mia.
Come salire,
come volare,
come decidere
di scegliere qualcuno
per cui vivere.
Tienimi le mani
e stringile sul cuore
non lasciarmi adesso
amore...
Fa male starti accanto
fa male se sono solo
fa male che domani
vai via
Come salire,
come volare,
come decidere
di scegliere qualcuno
per cui vivere.
Ti lascio e poi ti perdo
a che serve ora pregare
se scegli di partire
o restare
Non posso dirti niente
in fondo l ho voluto
se non ti facessi male
ti terrei qui, con me
Come salire,
come volare,
come decidere
di scegliere qualcuno
per cui vivere.
 

 

Post N° 233

Post n°233 pubblicato il 20 Gennaio 2012 da caselladiposta106

Un gran finale...

Quanto tempo che non passavo di qui, eppure la vita è andata avanti anche se non ho più scritto niente.
Come nelle più belle favole c'è sempre il "e vissero per sempre felici e contenti.." ed è così anche nella vita, solo che è molto più faticoso.

Ci stiamo preparando per un gran finale, che in fondo è solo il principio!

 
 
 

Post N° 232

Post n°232 pubblicato il 12 Agosto 2010 da caselladiposta106

Adesso che conviviamo...

E' così strano, tornare in questo blog, ritornare a scrivere ora che tutto è cambiato...
Scrivevo da una cameretta, un letto la scrivania ed un armadio, vivevo da sola e mi addormentavo da sola... Avevo nostagia di lui..spesso..sempre ogni volta che non lo vedevo...
Litigavamo, gli chiudevo il telefono, non rispondevo ai suoi messaggi..poi dopo qualche ora, ci riparlavamo...
Adesso scrivo dallo studio, una scrivania per me, una per lui... ci sono ancora gli scatoloni qua e là...in questa casa grande, le mie scarpe ovunque, trucchi e smalti, borse e gonne, ho riempito un bagno di tutte cose mie.

Sono cambiate le prospettive? SI - Sono cambiate le certezze? SI
Ho meno paura di prima (del rapporto, dei caratteri, delle differenze)? NO, ne ho di più.

Prechè quando ti addormenti nello stesso letto, non puoi andare a dormire senza risolvere le cose. Non puoi girarti dall'altra parte e cercare di essere arrabbiata, non puoi mettere tutto in discussione per qualche cavolata di tutti i giorni...

Siamo fatte di dubbi ed
 incertezze, ci straniamo per niente, siamo sempre diffidenti spesso scontrose, allegre e sorridenti ma lunatiche...e siamo donne, il ciclo, il meteo...

Quando vivi insieme a lui, non puoi più uscire sbattendo la porta, ti puoi arrabbiare ed urlare, non essere d'accordo o fare finta di niente, e poi pensare "guarda che ci vivi insieme"..
Ti insegna a sorvolare, non si può sempre puntualizzare.
E ti scontri con l'orgoglio, perchè tu hai diritto di arrabbiarti, e ti stressi e non serve a niente.

Per far funzionare tutto, ci vuole pazienza. Ma anche con la pazienza non sempre funziona.
Allora ci vuole tempo. Ma soprattutto, mettere l'orgoglio da parte, perchè se si tiene l'uno all'altro non c'è cosa che non si può superare. E quindi ci vuole Fede.

Avevo convissuto in passato, e forse ogni esperienza è diversa, ma quasta mi sembra così diversa da non riuscire a chiamarla convivenza.
Mi sembra così normale, forse è stato tutto così graduale, forse sono successe così tante cose che mancava solo questa, o forse e più semplicemente stiamo bene insieme.

Ammettere di aver sbagliato in passato mi ha aiutato molto a capire che non sono proprio una personcina facile facile, ed avere un uomo vicino che è stracomplicato mi appaga e mi protegge dalla mia autocritica, perchè non ho occhi che per lui e lo ammiro in ogni cosa che fa!
Di conseguenza se lui è un casino più di me, io non sono poi così male

Domani ancora in ferie, a completare le faccende di casa.
Quanto mi piace preparare cenette, in una grande cucina attrezzata di tutto!

BUONA NOTTE!

 
 
 

Post N° 231

Post n°231 pubblicato il 12 Marzo 2010 da caselladiposta106

Con questo freddo..
vorrei stare tra le tue braccia

 
 
 

Post N° 230

Post n°230 pubblicato il 11 Marzo 2010 da caselladiposta106

A volte sembra impossibile...

Perchè abbiamo vissuti diversi, storie passate e complicazioni che ci portiamo dietro, perchè la differenza d'età, e non abbiamo gli stessi gusti, perchè per sceglire un film che vada bene ad entrambi impieghiamo ore, perchè tanto uno dei due rinuncia.
E poi ci sono gli orari diversi, stili di vita diversi, amici diversi. Tempi di reazione diversi, problemi diversi, cerchiamo conferme diverse.

A volte sembra essere impossibile.

Eppure c'è qualcosa che non ha niente di razionale, è solo sintonia.
Ci lega come una corda stretta, e superiamo i limiti che non ci fanno arrivare all'altro e improvvisamente ci accorgiamo di essere davanti ad un specchio.
Sono sempre le stesse cose chiamate con un nome diverso.
In fondo lui fa parte di me, è
la persona che io vorrei essere e
quella che un po' sono anch'io.

 
 
 

Post N° 229

Post n°229 pubblicato il 11 Marzo 2010 da caselladiposta106

(di nuovo)Fasi...

Tutti abbiamo le nostre fasi, nelle ragazze sono più accentuate e spesso vengono scambiate per lunaticità...ma sono FASI solo FASI.
Possibile che è così difficile dare un po di certezza, perchè è così difficile dire quella parola giusta al momento giusto che calmerebbe tutto..
Sarebbe tutto più semplice se ricevessimo in cambio le conferme tanto sospirate.
Attenzione a non superare le dosi consigliate, potrebbe causare effetti collaterali.

In fondo sono solo fasi, l'incertezza e i dubbi continui, il "fuori tutto" di allegria e sorrisi, le litigate 3x2, eccetera eccetera..

Io in questo momento passo dalla fase, "dubbi e incertezze" alla fase "ok va tutto bene". Quando torniamo a riprendere il controllo dei nostri pensieri, riprendiamo anche il controllo della nostra vita, e dormiano sonni più tranquilli.

Tutto sta nel superare la Fasi Critiche. E ritorni a sorridere.
Ogniuno ha i suoi tempi e le sue fasi.

 
 
 

Post N° 228

Post n°228 pubblicato il 11 Marzo 2010 da caselladiposta106

Mi sono innamorata...

oramai è da un po, sono quasi due anni..
Sai quando ti fermi a gurdarlo ed è come se fosse diverso dal solito, come se avesse uno sguardo più dolce, occhi più luminosi ed un sorriso che.. woow!
Oggi mi sono innamorata di lui come se fosse stata la prima volta che lo vedevo, una freccia al cuore.
Chissà cosa aveva di diverso, forse niente, forse ero più tranquilla io.
Però, che bella sensazione!

 
 
 

Post N° 227

Post n°227 pubblicato il 10 Marzo 2010 da caselladiposta106

The new world (the new words)

 
 
 

Post N° 226

Post n°226 pubblicato il 01 Marzo 2010 da caselladiposta106

Non ho più molto da dire..

nel senso che per fortuna è un periodo di pace e quiete, con alti e bassi, come la vita richiede; la solita stanchezza che passa dopo un sorriso, uno sgurado..

Non credevo che potesse curare tutti i miei malumori, ma sto imparando che molte cose non sono come io credo che siano, dovrei lasciare un po più di possibilità ed intervento dall'esterno...ma con il tempo..

Per adesso mi compiaccio del momento che sarà pur passeggero, ma quanto mi rilassa..anche solo starmene buona, senza pensare a dover distruggere tutto e poi ricostruire, senza sclerare poi tanto..

Senza ira, rabbia e dolore; senza delusioni alcune. Anche se ci sono, in fondo in fondo, si riescono a controllare.

Resto ferma così senza nemmeno saper che fare, senza guai da aggiustare, soltanto pensare al mondo come lo vorrei..

Buona notte

 
 
 

Post N° 225

Post n°225 pubblicato il 19 Febbraio 2010 da caselladiposta106

Spesso mi fermo a pensare..

che spesso le cose le capisci dopo anni... Lunghi periodi a pensare di aver sbagliato tutto, notti insonni senza perdonarsi niente, domande incessanti "come sarebbero andate le cose se.." E così passano gli anni, finchè ti ritrovi su una strada che non sai nemmeno come ci sei arrivata, che percorso hai fatto, e ti domandi chi eri, se sei sempre la stessa persona, o se sei cambiata o se le situazioni si sono evolute e così via...Il fatto è che si cresce e tante cose le perdiamo per strada, spesso smettiamo di farci quelle domande..ma poi ci ripenso..
Sorrido... perchè uno scatafacio di eventi, traumi, turbolenze, inverni gelidi, solitudini cercate, delusioni varie, questo mi porta a sorprendermi perchè nonostante tutto
vivi ancora.
Che cosa straordinaria è la vita, ti toglie tutto, ti affonda, ti stende al suolo,
ma
 ti rialzi perchè non è finita.

Migliori e cambi, cresci e vivi..e piano piano tutto si aggiusta.
Ricevi davvero tanto in cambio, più di quello che ripagherebbe quello che hai passato.
E poi all'improvviso, ti fermi a pensare, nonostante fuori piove, tu sei felice.

 
 
 

Post N° 224

Post n°224 pubblicato il 19 Febbraio 2010 da caselladiposta106

Voglio che torni..


...che ritorni da me, senza guardare indietro, senza pensare a quello che è successo;
voglio che dimentitichi il rancore, il dolore che provi...voglio che smetti con le paure e gli stati d'animo tristi...voglio i tuoi passi accanto ai miei e rivedere i tuoi occhi senza doverli ricordare, voglio te che mi sei vicino perchè sei fatto apposta per me..
Voglio che torni, che palchi i miei tormnti, che lasci la realtà per una volta sola e vivi il sogno, voglio che vai contro corrente, che fai il contrario di quello che pensa la gente,
voglio che accetti le mie scuse, che capisci che ho fatto uno sbaglio...
voglio che mi perdoni...

 
 
 

Post N° 223

Post n°223 pubblicato il 03 Febbraio 2010 da caselladiposta106

Blocco dello scrittore....

Ci provo e ci riprovo, ma non riesco più a scrivere ninete. Mi sembra così privo di senso

 
 
 

Post N° 222

Post n°222 pubblicato il 18 Gennaio 2010 da caselladiposta106

Quasi quasi...

...riprendo a scrivere...

 
 
 

Post N° 221

Post n°221 pubblicato il 31 Luglio 2009 da caselladiposta106

Arrivederci...

Oggi 31 luglio, finisce la mia avventura da blogger amatoriale.
Questo, credo sia l'ultimo post.

Ho cominciato questo blog un po per sfogo, un po vedere cosa avrebbero detto le persone di quello che scrivevo, e devo dire che lo sfogo c'è stato, ed è stato una buona cura.
Un post non è un post se non racconta qualcosa...e sia.

Noi viviamo la vita aspettando che passi
Aspettiamo qualcosa e non vediamo l'ora che arrivi, passando le giornate a sperare che sia già domani e così per ogni giorno tranne rare occasioni.
Non vediamo l'ora che finisca la giornata per andarcene a casa, non vediamo l'ora che arrivino le ferie (e lì ci vorremo restare) e quando torniamo al lavoro, giriamo il calendario in cerca della prima festività utile, e viviamo non vedendo l'ora che arrivi.

Ma tutti i giorni che cavolo facciamo?? ce li facciamo passare così?
Inutilmente. Sarebbe bello rendere ogni giorno, speciale, fare qualcosa di buono per noi e per gli altri, tanto perchè non sia uno dei tanti giorni del calendario.

Ogni giorno è unico ed irripetibile, non tornerà indietro, ed il giorno in cui moriremo, quello passerà più in fretta che mai.
La domanda è vogliamo che la vita passi o vogliamo viverla?

Io la vivo a volte la scrivo, e spesso non vedo l'ora che passi.

Il mio ultimo giorno di lavoro 8 AGO 2009, da un lavoro che ODIO, che faccio da due anni e che non sopporto più, un lavoro ingrato stancante e ripetitivo. FINISH!!!
Spero vada meglio con il nuovo.

Che altro dire, ormai sono arrivata quasi a 25 anni, li sento arrivare piano piano, il mio quarto di secolo alla fine di quest'anno, e che posso dire?

- LA VITA è MERAVIGLIOSA SE AMI QUALCUNO
- FAI LE COSE CON IL CUORE E FREGATENE DELLE CONSEGUENZE (avrai tempo per rimediare)
- PRENDITI LE TUE RESPOSABILITà E SII FIERO DI TE
- SOGNA ANCHE SE è IMPOSSIBILE
- PRENDITI GIOIE E DOLORI A PIENO E SENTITI VIVO QUANDO SORRIDI E QUANDO PIANGI PERCHè SIAMO ESSERI UMANI E SIAMO FATTI DI EMOZIONI

Ora che ho detto le mie perle di saggezza, e mi sento un po come Ghandi, posso passare ai ringraziamenti.

In breve:
Grazie a chi mi ha scritto, letto e commentato, grazie a chi è passato di qua e ha voluto lasciare un segno del suo passaggio e grazie anche a chi non ha scritto niente, grazie se vi è piaciuto il mio blog e anche se non vi è piaciuto mi spiace ma grazie lo stesso. Grazie al portale che offre questo servizio gratuitamente, e spero che forse un giorno avrò un altro blog, sicuramente sempre su libero.

Lascio perchè non ho tempo di scrivere e perchè da domani, si aprono le iscrizioni all'università, il mio sogno impossibile.

Un po mi viene da piangere ma.. sono contenta.
Qui resterà un pezzetto di me. Finchè qualcuno non lo cancellerà.

 
 
 

Post N° 220

Post n°220 pubblicato il 09 Luglio 2009 da caselladiposta106

Blog blog blog... e forse ancora blog...

Stasera è una di quelle sere in cui sembra tutto a posto. Volevo scrivere un post, ma poi ci ripenso, poi si poi no, poi si poi no, poi scrivo...
In effetti già ieri avevo provato a scrivere, e Dio ne era uscito un post spettacolare, ma ahimè, ho premuto il tasto per cancellare e non so bene come il cursore è posizionato all'esterno della finestra e booooooom! Tutto a farsi benedire.. poi ti passa la voglia di scrivere.

In effetti mancavo da un po, insomma un post ben fatto non si vede da un pezzo. Speriamo possa essere questo.
Ultimamente mi sono successe un sacco di cose, strane, curiose, inattese, o attese da tanto. Ricordo che agli inizi del blog, spesso mi trovavo a scrivere che mi sarebbe piaciuto mollare tutto e andarmene, una specie di vaffanculo al mondo... tipo che impazzisci in un determinato momento, smetti di fare quello che stai facendo e te ne vai.
Non credevo che sarei mai arrivata a quel punto.....invece...
Ormai credo siano passate circa tre settimane, ma quella mattina me la ricordo come se fosse ieri. Mi sveglio un po strana a dire la verità, ma tutto nella norma, avevo avuto una serie di brutte notizie, almeno tre abbastanza gravi, non sono mai di ottimo umore e forse quella mattina ero anche un po preoccupata. Al lavoro, dopo l'ennesimo diverbio, ho sentito chiudersi lo stomaco e una fortissima voglia di essere altrove. Ho pensato che visto che nella vita la mia è sempre la parte della brava buona comprensiva e lunatica ma sempre responsabile, stavolta era il momento di fare quello che ho sempre sognato, mandare tutti affanculo e senza spiegazioni, mi prendo le mie cose e me ne vado!!!

OH mio DIO!!! L'ho fatto davvero! Un senso di liberazione, lo stomaco che si distende, i nervi pure, respiro profondo e cammino per non so dove, ma in piena e totale pace.
Questa cosa ha avuto le sue conseguenze, ma devo dire che proprio non mi dispiace.
In fondo ho fatto quello che avrei dovuto fare da tempo, "svuotare il sacco"... meglio tardi che mai.
Ho imparato che forse le cose è meglio dirle subito invece che accumularle, e poi sbroccare perdendo i lumi, ma io sono così, accantono, e anche se lo so forse non riuscirò ad essere diversa.
E comunque, mandare affanculo il proprio capo non ha prezzo!!! (Ovviamente era stra-meritato) Per tutto il resto c'è mastercard.

Conclusione, lavoro lo stesso, non ho più una presunta gastrite o nervoso che mi prende allo stomaco, mi sento benissimo, e la mattina sono di buon umore.

Altra news. Devo di nuovo cambiare casa...è vero che mi piace cambiare, spesso, ma..non faccio nemmeno in tempo ad abituarmici che.. CHANGE!!!
Già trovato la nuova casetta, per fortuna, stra-bella e comoda un po distante ma chissenefrega..e soprattutto ADSL!!!
E per me che connessione vuol dire telefonino+pc+cavo usb+programmino lento=stress; una casa con l'adsl è il massimo.

Ok altra news. Università! Si si si...finalmente! Ho i soldi, ho l'università, ho scelto il corso (interamente on line) e se Dio non ha intenzione di fulminarmi, per farmi capire che devo lasciare perdere, oppure se l'università non cancella il corso come ha fatto l'anno scorso...(forse) a settembre mi iscrivo!!!




OK altra altra news. FERIE!!! Il periodo più bello dell'anno. La fine delle fatiche e rompimenti di palle, e di brutte notizie (spengo il telefono, ammazzatevi pure).
Mare, sole, spiagge incontaminate, città vuote e senza traffico, passeggiate fino alle 4 del mattino, dormite fino alle 3 del pomeriggio, pranzi e cene sregolari e sregolati, nuotare, fare nulla tutto il tempo, shopping, leggere, riposarsi il cervello, andare a spasso, annoiarsi e non saper che fare, partire, tornare, fare le valigie, cazzeggiare...
ma soprattutto 3 fantastiche settimane con il mio boy.

In fine, solo se sarete arrivati alla fine, alcune cose fondamentali:
- Fate quello che vi piace
- Non permettete a nessuno di trattarvi di merda
- Anche se quello che volete fare sembrerà pazzo, assurdo, sconsiderato, con zero possibilità di riuscita, fatelo lo stesso. Provateci
- GODETEVI LA VITA (possibilmente con qualcuno che amate)

Di nuovo qui. Prossimamente.

 
 
 

Post N° 219

Post n°219 pubblicato il 21 Giugno 2009 da caselladiposta106

Attimi di vuoto..



In una notte come questa, lasciare che i pensieri scivolino via è molto semplice.. Molto più semplice è pensare a te che sei lontano.
Pensarti non mi avvicina ma accarezza il mio cuore con le note di un dolce pianoforte, come se lo suonassi tu accanto a me.. lascia che il mio cuore smetta di termare e venga a sedersi accanto al tuo, nella fresca brezza di una notte d'estate..ovunque tu sia.
Il passaggio del sole da giorno a notte, e poi notte e poi ancora giorno, senza poter fermare il tempo che trscorre di giornate vuote, e pensarti non basta quando vorrei partire alla ricerca di quel tormento che non mi fa dormire, e a placarmi soltanto tu. Mio solo ed unico pensiero, mio bene, mia quiete, mio amore.
E la notte è quasi finita, dietro ad un pallido sole che si accinge a sorgere, sconusciuta pace per me tanto agoniato sonno che a lascier perdere sarebbe più semplice se non fosse per questi occhi che chiedono riposo, ma solo accanto a te.
Torna da me, senza di te non riesco più a vivere.

 
 
 

Post N° 218

Post n°218 pubblicato il 21 Giugno 2009 da caselladiposta106

L'amore è una cosa seria..

Mi mancava scrivere nel cuore della notte, così di getto, perchè penso qualcosa, perchè voglio dirla ad alta voce.
Amore, amore amore... amore tormentato, amore amaro, avido di felicità, amore geloso, amore sincero, amore sereno, inquieto, amore falso, gioioso, amore triste, non corrisposto, amore sbagliato... amore amore amore...sempre amore.

Quello dei versi delle poesie, non esiste più. Quello delle grandi imprese, dei lunghi viaggi, quello di tenerti una foto nel portafoglio e guardarla un minuto per strapparti un sorriso... è tutto passato.

Ma l'amore non è una cosa banale. L'amore non è la solito presa in giro, quella storia raccontata a cui non crederesti, e chi l'ha provato lo sa, perchè si è scettici all'inizio ma poi si viene travolti dall'amore stesso.
Quella passione irrefrenabile, quel desisderio di possesso, la smania, l'agitazione, l'emozione, il cuore in gola, le farfalle allo stomaco.. questo è l'amore.

L'amore è il pensare che non sia possibile vivere senza quella persona, è quel senso di confusione che ti ferma il cuore ed in un istante capisci che tutto è come vorresti, che quella persona è tutto quello che vuoi e che senza, tu saresti niente.
E la paura di perderlo diventa il tuo tormento, ossessione.
Ed il tempo non è mai abbastanza, perchè ruberesti un angolo di cielo solo per goderti i suoi occhi in pace e lontano da tutti.

La chiuderesti in un scrigno tutta quella meraviglia per poterla ammirare, tu e soltanto tu, lontana da occhi indiscreti e da mani che bramano il desiderio di averla.
Perchè sai di avere la cosa più bella del mondo, ma temi che qualcuno possa portartela via.

A volte si perde il senso della felicità dell'altro, ma solo per eccesso di amore.

 
 
 

Post N° 217

Post n°217 pubblicato il 11 Giugno 2009 da caselladiposta106

Scrivo su questa tastiera, come se fosse quella di un pianoforte, rotto, perchè la mia tastiera non suona più. Scrivevo un tempo versi d'amore, racconti giornate o solo pensieri, e li vivevo qui, all'interno di questo piccolo mondo, dietro questo schermo, lontano dalla realtà, lontano da chi ti può ferire, e senza dolore insegnavo a me stessa a non piangere più. Un giorno ho chiuso questa finestra e ho smesso di scrivere, per vivere fuori le emozioni, per non nascondermi dietro ad una tastiera. E così il pianoforte si è rotto, il cuore si è spezzato alcune volte, e le lacrime sono scese, vere, reali, maledettamente amare, e così ho capito di essere ancora viva.

Sarebbe un bellissimo blog, se di tanto in tanto io ci scrivessi qualcosa. Saggio consiglio, ma ho perso un po l'ispirazione, le giornate vanno tutte di corsa ed il tempo è quello che è, la stanchezza poi è veramente tanta.
Ma visto che stasera, sembro aver ripreso la mano, visto che mi sento quasi in vena, posso raccontare un po di cose.
Un anno fa circa, tornando indietro con i post, scrissi che mi ero fatta male al lavoro tagliandomi su un dito. Tutto bene tutto guarito, 5 punti e un sacco di dolore. A ditanza di una anno e qualche giorno, stesso incidente un po più grave, ma senza punti. Ora è guarito ma stavo meglio prima. Questo che significa? Che sono troppo stanca e che ho bisogno di andare in ferie, o che nel mese di maggio divento imbecille e quasi mi stacco le dita??
Poi...vediamo...Non vedo l'ora di andare in vacanza, ma credo un po tutti...
Alzo gli occhi al cielo e chiedo: per favore un week-end di sole, perfavore!!!

Sto cercando con tutte le mie forze di cambiare lavoro, ho un curriculum che è una bomba, ma non è proprio aria...
Per l'università mi sa che dovrò proprio metterci una pietra sopra, e smetterla di sperarci.

Affari di cuore: ho trovato la mia metà e me la tengo stretta!!!



Tra le altre cose, alcune domande esistenziali che si propongono spesso al nascere del sole: Ma perchè bisogna alzarsi presto la mattina? Non piace a nessuno non vedo perchè tutti ci dobbiamo auto-punire così... vabbè

Domande para-esistenziali un po' più serie:
Sono io che non riesco mai ad essere soddisfatta o siamo tutti un po insoddisfatti?
E se lo siamo tutti, vuol dire che in fondo bisogna accontentarsi?
Il segreto è accontentarsi?

Al prossimo capitolo. A presto (speriamo)
Buona notte

 
 
 

Post N° 216

Post n°216 pubblicato il 08 Giugno 2009 da caselladiposta106

Ore 00.55

Perdo il senso delle cose, quando non ci sei..
Niente equilibrio, ne orientamento...niente sapori ne odori...niente di niente.
Perchè quando non ci sei ti aspetto, e questa lunga pena non mi da pace.

Perchè se fossi qui, ti chiederei solo un abbraccio.


 
 
 

Post N° 215

Post n°215 pubblicato il 08 Maggio 2009 da caselladiposta106



E' un periodo un po strano...pieno di crisi..di pensieri...di tirare le somme
Che cosa ho fatto in questi anni?
Sempre paura di sbagliare, di non essere abbastanza forte..
Un sacco di cose stanno piano piano tornando al loro posto, ma sempre troppo lentamente di quanto vorrei. Vicrei meglio se vedessi un pezzetto della mia vita tra 5-6 anni, per scoprire che magari è andato tutto bene, che gli sforzi non sono stati vani..che tutto sommato ne vale la pena.
In fondo al cuore lo so che ne vale la pena, mi chiedo solo perchè dev'essere così difficile.
Stasera esco, un po di distrazione mi farà bene.

 
 
 

Post N° 214

Post n°214 pubblicato il 07 Maggio 2009 da caselladiposta106

Per ogni sorriso che ti farà star bene,
Per ogni sogno che vorrai realizzare,
Per ogni speranza che ti scalderà il cuore,
Ti stringerò forte...

Ogni pensiero felice, ogni sogno, respiro, foto, ricordo..
Ogni giorno..sempre...TE!

 
 
 
Successivi »
 
 

 

 

***Tweety***


 


Mi manchi, ma dove sei?

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

Non sarò li in quel momento, ma resterò sempre nelle tue vicinanze.
Amico mio, tu e io rimarremo estranei alla vita, e l'uno all'altro, e ognuno a se stesso, fino al giorno in cui tu parlerai e io ascolterò, ritenendo che la tua voce sia la mia voce; e quando starò zitto dinanzi a te pensando di star zitto dinanzi a uno specchio.

 

Il tuo nome è una vecchia ferita che giace profonda
e la sabbia ha coperto il passaggio di fiamme e furori
tutto sembra pulito e quieto a vederlo da fuori
tutto sembra finito
Ho trovato il tuo nome sul manico di una valigia
era scritto in corsivo e pendeva di lato
come un albero al vento piegato
Da lontano il nodo non cede per niente
un serpente che stringe e respira
anche quando mi nomini a mente si sente
Da lontano quel nodo non cede non molla
come colla ogni giorno più dura
anche quando mi nomini a mente si sente
La lontananza sai è come il cielo distanza così grande che non serve l'aereoplano
ma questa leggerissima farfalla sulla mano
fa rivivere il pensiero delicato messaggero
La lontananza sai è come il mare fermo sulla riva con un vaso da riempire
distanza così grande che è difficile spartire
tra chi ha fede di aspettare e chi vuole sparire
Non c'è stato un momento preciso nemmeno un saluto
un regalo sbagliato uno sguardo d'intesa
mi hai lasciato in cucina un biglietto scaduto
Da lontano quel nodo non cede per niente
un serpente che stringe e respira
anche quando mi nomini a mente si sente
Da lontano come in volo
una stella distante e lucente
anche quando mi nomini a mente si sente
La lontananza sai è come il cielo distanza così grande che non serve l'aereoplano
ma questa leggerissima farfalla sulla mano
fa rivivere il pensiero delicato messaggero
La lontananza sai è come il mare distanza che è impossibile da dire
inutile varcare si immagina e ti impone di aspettare
Da lontano tu rimani
come i segni che mi scavan le mani
anche quando mi nomini a mente si sente

 
 

Scusami
Se ho bisogno di chiamarti qualche volta per sentirmi meglio
Se ogni notte io ti sento così forte che rimango sveglio
Se ho lasciato la tua foto accanto al letto e non l'ho tolta mai
Se rileggo quel messaggio che mi hai scritto prima di andar via..

 
 

Luoghi inviolabili... della memoria
soltanto gli urli un po'... sfocati
ma così... indissolubili eh
e così... troppo intensi da dirsi
Dimentica quello che è stato comunque non ritornerà
dimentica le mie parole
se puoi perdonaci
non sempre c'è un lieto fine
Dimentica l'amore e forse
anche il dolore passerà

dimentica le cose belle
e tutto il male sai
di colpo sparirà...
Ovunque io sarò
comunque mi resterà
qualcosa di te
forse... attimi
ma... eterni
Dimentica tutti quei giorni
e anche l'amore fisico
gli addio e i ritorni
era una storia che
viveva in bilico

Un sentimento così forte
che spesso passa il limite
non vuoi lasciarlo andare
perché in fondo sai
che non ti lascerà
Dimentica il dolore e forse
l'amore ti ripagherà
dimentica tu fallo per me
che ancora non so
dimenticare te...

dimentica perché
io ancora non so... dimenticare

 

Per tutti coloro che amano, hanno amato e ameranno. Alle navi in navigazione e ai porti di scalo, alla mia famiglia e a tutti gli amici ed estranei: questo è un messaggio e una preghiera. Il messaggio è che i miei viaggi mi hanno insegnato una grande verità: io ho già avuto quello che tutti quanti cercano ma che soltanto pochi trovano, la sola persona al mondo che ero destinata ad amare per sempre. Una persona ricca di semplici tesori che si è fatta da sola e che da sola ha imparato. Un porto in cui mi sento a casa per sempre e che nessun vento, nessun problema potranno mai distruggere. La preghiera è che tutti al mondo possano conoscere questo genere d’amore ed essere da esso sanati. Se la mia preghiera sarà ascoltata saranno cancellati per sempre tutti i rimpianti e tutte le colpe e avranno fine tutti i rancori.

 
E ogni bacio che hai negato è un po' che hai perso di me
E ogni "ti amo" che ho taciuto è un po' che ho perso di te
Ed ogni tuo sorriso muto era una foto di noi
E ogni sguardo ormai stanco era già la fine
È molto meglio dare un taglio anche secondo me
E meno male perché stavi troppo bene sai e
E mi ringrazi perché sei un po' meno fragile e
E ci sentiamo presto,"chiamami"…così si dice!