Creato da enca4 il 15/02/2010
PENSIERI E PAROLE
 

W. Allen

NON E' CHE HO PAURA DI MORIRE.

E' CHE NON VORREI ESSERE LI'

QUANDO QUESTO SUCCEDE.

W. Allen

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
 

CANZONE

Che giorno è

E' tutti i giorni

Amica mia

E' tutta la vita

Amore mio

Noi ci amiamo noi viviamo

noi viviamo noi ci amiamo

E non sappiamo cosa sia la vita

Cosa sia il giorno

E non sappiamo cosa sia l'amore

Jacques Prévert

 

I ragazzi che si amano si baciano

In piedi contro le porte della notte

I passanti che passano se li segnano a dito

Ma i ragazzi che si amano

Non ci sono per nessuno

E se qualcosa trema nella notte

Non sono loro ma la loro ombra

Per far rabbia ai passanti

Per far rabbia disprezzo invidia riso

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno

Sono altrove lontano più lontano della notte

Più in alto del giorno

Nella luce accecante del loro primo amore.

Jacques Prèvert

 

DALLA - CANZONE

 

N. de Chamfort

CHE COSA DIVENTA UN PRESUNTUOSO

PRIVO DELLA SUA PRESUNZIONE?

PROVATE A LEVAR LE ALI AD UNA FARFALLA:

NON RESTA CHE UN VERME.

N. de Chamfort

 

GLI APOSTOLI DIVENTANO RARI,

TUTTI SONO PADRETERNI

A. Karr

 

 

« GESU' MIOCHI LI VENDE? »

CAMBIARE SI PUO'! CAMBIARE SI DEVE!

Post n°372 pubblicato il 18 Agosto 2011 da enca4

Un vero guerriero, un guerriero munito dei così detti attributi, riesce a fronteggiare più nemici nello stesso tempo. Li affronta a viso aperto, senza ombra di paura o di timore per la sua vita. Riesce, un vero guerriero, ad essere presente su più campi di battaglia, senza timore alcuno. Questo è un “vero” guerriero! Io, invece, non lo sono. Io sono un uomo qualunque, con i miei limiti, le mie paure, con le mie angosce.

La lotta, che fino a poco tempo fa mi vedeva impegnato contro un unico e temibile nemico, adesso mi vede impegnato su tre fronti. Un tumore, una nefrologia renale, un aneurisma che potrebbe, di colpo, trasformarsi in ictus.

Ho fatto il pieno. Gratis, per giunta. Non ho speso nulla per riempire il serbatoio, a dispetto dei continui aumenti dei carburanti.

Adesso mi chiedo: “Ce la farò? Quale, dei tre nemici, devo affrontare per primo? Quante speranze ho di riuscire ad uscirne con le ossa meno rotte possibile?”

Fino a cinque anni addietro potevo dire di non conoscere dottore. Le solite cose che tutti hanno: qualche influenza, un raffreddore perenne, qualche doloretto dovuto al correre degli anni. Un paio di ossa rotte (da giovane, i soliti incidenti di gioco). Ma niente più. Dimenticavo: due denti del giudizio estratti. Tutti nemici facilmente affrontabili, vi pare?

Un giorno, quando  meno me lo aspettavo, ricevetti la visita (indesiderata) del mio “cane nero”.  Dalla sera alla mattina tutto  cambiò. Affetti, stato economico, modo di agire e pensare, tutto ciò che riguardava il mio essere Enrico, di colpo non esistette più. Sparito! O forse cambiato? Non lo so, e non è importante che lo sappia. Il fatto è che iniziai un nuovo modo di vivere (se si può chiamarlo così), quasi senza che io me ne accorgessi.

Inconsciamente sapevo di essere sempre lo stesso.  Ma allora, perché mi sentivo diverso in modo così significativo?  Perché, di colpo, tutto quello che fino al giorno prima era una normale normalità divenne quasi una diversità?

E’ possibile mai che una persona muti il proprio carattere in modo così repentino e risoluto da non accorgersi quanto sia stupido tutto ciò?

Eppure, per quanto mi riguarda, le cose sono andate proprio così. Ieri ero una persona disponibile al dialogo; una persona pronto a comprendere prima che a condannare; una persona disponibile e sensibile. Oggi, viceversa, sono una persona, a volte, chiusa, insensibile ai problemi degli altri. A volte egoista, prepotente con me stesso e con gli altri; egocentrico fino all’ennesima potenza.

Tutto questo perché? Perché la malattia ha preso il sopravvento su di me, o perché il male ha messo a nudo quelli che sono sempre stati i miei difetti. Difetti che ho cercato, fino ad allora,  di nascondere anche a me stesso?

Una volta, mi ricordo era un giorno di Pasqua, durante l’Omelia, un giovane prete disse: “Dobbiamo capire chi soffre. Il male cambia le persone, le fa diventare aride, a volte meschine, prima che con gli altri, con loro stessi.”

Adesso mi chiedo: “Ora che debbo lottare su tre fronti. Ora che il nemico non è più uno solamente, ma tre, coalizzati tra loro, “uno e trino”, come si dice in Sicilia. Adesso cambierò di nuovo? E, se cambierò, quale lato del mio essere si trasformerà?”

Non ho paura di combattere una guerra che so già persa in partenza. Ho timore di essere abbandonato a me stesso. Di perdere l’opportunità di scaldarmi a quella fonte di benessere che si chiama “calore umano”, e che solo chi ama veramente può trasmettermi, sia essa moglie, amante, compagna, amica, amico, fratello o sorella.

Non vorrei diventare peggio di quanto già sono. Anzi, vorrei tornare ad essere la persona che ero una volta. Ma so anche che oramai non è più possibile. So che indietro non si torna. Posso cercare di addolcire quegli angoli acuti e puntiti che hanno distinto il mio modo comportamentale negli ultimi anni. Posso addolcirli, quegli angoli,  con tanta buona volontà, ma non posso certamente far finta che non siano mai esistiti o che non ci siano più. Ci sono ancora, ci sono stati. Hanno influito sulle mie scelte, sulle mie decisioni. Hanno condizionato negativamente le mie facoltà, le mie risorse interiori.

Perché dovrei nascondermi dietro un dito? Perché dovrei dirmi, e dire: “Non farò più questo, non farò più quest’altro” , quando so che è  difficile poter mantenere certe promesse?

La mia mente pensa costantemente a come poter uscire dalla situazione in cui mi trovo. I miei pensieri sono perennemente rivolti alla ricerca di una soluzione che possa aiutarmi nel soffrire il meno possibile.

Io ho sempre rifiutato il detto: “Mal comune mezzo gaudio”. Non godo certo nel sapere che milioni di persone soffrono come e più di me. Vorrei che tutto il mondo fosse sereno e felice come lo sono stato io, qualche volta, nella mia vita. Ma, nello stesso tempo, l’aridità che alberga dentro di me mi porta a pensare prima di tutto a me stesso.   

Lo so che questo è egoismo puro. So che non dovrei essere così. Ma non riesco ad essere in altro modo.

                                                                                                                                             Enrico

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/fermati/trackback.php?msg=10515811

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
raggiodisoledgl20
raggiodisoledgl20 il 18/08/11 alle 22:47 via WEB
mio caro enrico mi dispiace tantissimo sapere che soffri così tanto e che sono tre le cause della tua sofferenza......cmq come ti ho sempre detto non devi abbatterti e non devi arrenderti.....so che non è facile perchè la tua vita è cambiata.....i tuoi affetti sono cambiati.....ma chi ti vuole bene veramente è al tuo fianco.....sicuramente la malattia cambia le persone......e forse anche tu sei cambiato ma non credo che sei diventato un egoista come tu affermi di essere.....e sai perchè....? perchè le lettere che scrivi sono la testimonianza di una persona sensibile e altruista......e che ha tanto bisogno d'amore.......cmq se posso darti un consiglio rivolgi le tue preghiere a Dio e Padre PIO......e vedrai che sopporterai meglio tutto quanto....fidati......dolce notte e un bacio......con affetto cinzia
 
lucia1958
lucia1958 il 19/08/11 alle 00:16 via WEB
***caro Enrico... sei un guerriero e so che mai deporrai le armi... vorrei sottoporti a tal proposito un mio scritto al riguardo... dal titolo "Oltre le parole" Il guerriero, a passo stanco procede, segue il sentiero, verso l'isola remota da pochi eletti, suoi pari, conosciuta, cerca quiete, ristoro e nuova energia, sfinito dalla lunga battaglia, dilaniato nel corpo e nell'anima, prosciugato da ogni più piccola energia, esangue nello spirito e nel cuore, prontamente le forze deve recuperare, sa già cosa fare e come agire, cospargerà di sale ogni ferita, sarà forte il bruciore da lui scatenato, ma anche rapida la cicatrice sarà nel formarsi, berrà l'acqua di fonte, nutrirà la sua anima di nuova energia, ridarà forza al suo cuore, laverà e scalderà il suo spirito, rafforzerà e riprendera l'armatura, facendola aderire totalmente... non vi sarà alcun pezzetto lasciato alla luce, la corazza che con tanta difficoltà era stata dismessa, al suo posto abituale tornerà, un nuovo guerriero... nasce dal vecchio, più forte il suo spirito sarà, dopo ogni battaglia c'è il riposo e il guerriero ha lungamente riposato. Rialzati dunque e procedi il cammino, quel cammino chiamato destino, nato con te e per te, nessun tentennamento o remora, la battaglia è ardua ma tu sai come agire, avviati dunque e non indugiare, troppi in te hanno riposto la loro fiducia, sii te stesso e ciò per cui sei nato, un guerriero dal cuore impavido, dal nobile animo e dallo sguardo pulito, Vai guerriero... Vai!!! Ricomincia la battaglia della vita!!! (Lucia) un abbraccio...
 
alaska_ice
alaska_ice il 19/08/11 alle 01:41 via WEB
Carissimo amico, tu stai giudicandoti con troppa severità. Tutti sanno che la vita ci cambia, ma quando c'è di mezzo la salute, allora ci si trasforma completamente. E' un fatto naturale che riguarda tutti coloro che soffrono nella mente o nel fisico.Aveva proprio ragione quel prete. Tu devi continuare per la tua strada: hai tre nemici da combattere, e non puoi permetterti il lusso di disperdere le tue energie nei sensi di colpa. Il vero Enrico è quello di oggi, ma non temere di perdere per questo il "calore umano" di cui in questo momento hai particolare bisogno. Chi veramente ti vuole bene,lo sa, e non ti lascerà mai solo. Parola della tua amica Silvana. Un grandissimo abbraccio.
 
babyin71
babyin71 il 19/08/11 alle 07:43 via WEB
Caro Enrico,non esser così duro con te stesso,giacchè non lo meriti,quale esempio di coraggio,sincerità,tenacia,speranza,perseveranza,ricerca interiore.Non sempre troviamo soluzione a tutti i problemi,nè risposta a tutte le domande,nè rimedio a tutti i mali,e non esiste persona senza pregi o difetti.Ci insegni a guardarsi dentro con umiltà,autocritica,sentimento acceso,al fine di migliorarsi,al cospetto degli altri e di se stessi,perchè è ciò che rende significato alla vita,ci rincocilia ad essa,lenisce ferite ed accomuna. Ti voglio bene,con un immenso abbraccio,bry
 
ironwoman63
ironwoman63 il 19/08/11 alle 12:07 via WEB
non e' egoismo, Enrico caro, e' disperazione.... la disperazione di sapere che si sta lottando contro un nemico piu forte, la disperazione che ci prende quando non sappiamo piu a che santo votarci... ma la vita e' anche questo, purtroppo..ti abbraccio!!!! lulu'
 
joeblackfg
joeblackfg il 20/08/11 alle 22:23 via WEB
Il male "oscuro" è quello che alberga nell'anima....non c'è male fisico che tenga con lui...da quello il più delle volte si riesce a guarire anche quando i casi sono disperati ma...quello dell'anima...se non salvi te stesso nessuno può aiutarti...se non ami te stesso e trovi il coraggio e la forza di alzarti anche se hai fatto un botto e ti fa male il sedere nessuno può farlo...puoi diventare cinico..egoista...insensibile e tutto ciò che può fare più male che nonostante tutto le persone che ti amano sul serio resteranno sempre vicino a te anche se la tendenza a far del male potrebbe portarti a pensare che nessuno può capire e nessuno può amarti.Quando la paura la fa da padrona non riesci più ad essere lucido,pensi solo a come finirà e/o quale modo migliore sia quello di risolvere una o più situazioni che ti fanno vivere male....beh Enrico sicuramente una persona che deve lottare contro mali fisici sta male ma...prova a pensare a come può stare un'altra che è lì impotente,che vorrebbe e darebbe la Vita per non vederti soffrire...pensa all'amore che mette in tutto ciò che fa e non per "dovere" ma per AMORE....questo sentimento l'UNICO a fare davvero MIRACOLI....I tuoi mali "uno e trino" come li hai difiniti tu...beh se non puoi combatterli insieme separali e combattili uno alla volta....una cosa è certa la volontà ,il coraggio ma soprattutto la voglia di vivere e l'amore per se stessi fanno MIRACOLI...un abbraccio forte....^__*...jo
 
raggiodisoledgl20
raggiodisoledgl20 il 27/08/11 alle 23:03 via WEB
buon fine settimana mio caro enrico......un bacio con affetto....cinzia
 
joeblackfg
joeblackfg il 28/08/11 alle 00:04 via WEB
ciao Enrico...buon week end.....un sorriso,jo
 
babyin71
babyin71 il 02/09/11 alle 21:32 via WEB
Un rinnovato caro saluto Enrico e fortissimo abbraccio,con affetto,bry
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.