Creato da enca4 il 15/02/2010
PENSIERI E PAROLE
 

W. Allen

NON E' CHE HO PAURA DI MORIRE.

E' CHE NON VORREI ESSERE LI'

QUANDO QUESTO SUCCEDE.

W. Allen

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
 

CANZONE

Che giorno è

E' tutti i giorni

Amica mia

E' tutta la vita

Amore mio

Noi ci amiamo noi viviamo

noi viviamo noi ci amiamo

E non sappiamo cosa sia la vita

Cosa sia il giorno

E non sappiamo cosa sia l'amore

Jacques Prévert

 

I ragazzi che si amano si baciano

In piedi contro le porte della notte

I passanti che passano se li segnano a dito

Ma i ragazzi che si amano

Non ci sono per nessuno

E se qualcosa trema nella notte

Non sono loro ma la loro ombra

Per far rabbia ai passanti

Per far rabbia disprezzo invidia riso

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno

Sono altrove lontano più lontano della notte

Più in alto del giorno

Nella luce accecante del loro primo amore.

Jacques Prèvert

 

DALLA - CANZONE

 

N. de Chamfort

CHE COSA DIVENTA UN PRESUNTUOSO

PRIVO DELLA SUA PRESUNZIONE?

PROVATE A LEVAR LE ALI AD UNA FARFALLA:

NON RESTA CHE UN VERME.

N. de Chamfort

 

GLI APOSTOLI DIVENTANO RARI,

TUTTI SONO PADRETERNI

A. Karr

 

 

« IL MONDO CHE VERRàSPERIAMO BENE.... »

UN POMERIGGIO DI NOIA

Post n°377 pubblicato il 01 Novembre 2011 da enca4

Il pomeriggio, questo pomeriggio, sembra non aver mai fine. Scorre lento, noioso, uggioso con il cielo pieno di nuvole che non garantiscono niente di buono.

Sono solo a casa. Da molto tempo tento di completare un presepe che, ne sono certo, non finirò neanche quest’anno. E’ lì, davanti a me che mi guarda sconsolato, quasi volesse dirmi: “Dai, se ci metti un po’ di volontà riesci a finirmi.”

E’ che a me il presepe, come l’albero di Natale, piace costruirmelo pezzo per pezzo. Cartoncino, compensato, carta di giornale, un po’ di colla e qualche chiodino. Il resto lo lascio fare alla mia fantasia, ai miei ricordi più che altro.

I ricordi… sono tanti, ma tra loro non c’è mio padre ad aiutarmi. Non abbiamo mai fatto un presepe insieme, io e mio padre. Crescendo ho imparato come fare, cosa utilizzare, ed allora ho sempre fatto da me. Quando ho avuto mio figlio vicino, beh lui non era proprio portato per certe cose. A lui, come a tutti i bambini, il presepe serviva solo per avere un punto dove avrebbe sicuramente trovato dei regali.

Qualche volta mi è tornata alla mente la commedia di Eduardo De Filippo, Natale a casa Cupiello, dove il protagonista cerca in tutte le maniere di coinvolgere il figlio nella costruzione del presepe, senza però ottenere alcun risultato. “Te piace ‘o presepe?” “No!” A lui, il figlio interessava solo il fatto che a Natale avrebbe avuto qualche lira in regalo da spendere.

A pensarci bene, e volendo essere un po’ critico con me stesso, debbo ammettere a malincuore che il tempo passa, inesorabile, per tutti e per tutto. Anche le tradizioni hanno fatto il loro tempo, e questo nonostante l’impegno economico che viene messo da chi, dal Natale, ricava bei guadagni.

Fra qualche giorno inizierà il bombardamento pubblicitario annuale. Sempre i soliti spot. Sempre i soliti prodotti, sempre i soliti personaggi, sempre i soliti film. Niente di nuovo.

Però, a pensarci bene, un personaggio nuovo che da qualche anno ci augura Buone Feste, c’è.  Non veste la casacca rossa e grossolana di Babbo Natale (i suoi abiti sono fatti su misura adoperando stoffe particolarmente morbide e calde), non ha barba e capelli bianchi, anzi i suoi capelli sono frutto di uno studiato e costoso trapianto. Neanche il sorriso, a sessantaquattro denti, lo fa somigliare a Babbo Natale. All’angolo della bocca ha un ghigno sospetto che non riesce, per quanti sforzi faccia, a nascondere.  

Ci parlerà di sacrifici a cui andremo incontro (come se non bastassero quelli che abbiamo fatto fino ad ora); di progetti per il futuro  (sperando in cuor suo che qualche rimbambito ancora gli creda);  ci racconterà quello che è stato fatto di buono da lui e da chi gli sta intorno (e questa parte sarà la più corta del suo discorso); cercherà, per ciò che non è stato fatto, di dare la colpa a chi non la pensa nel suo stesso modo (così farà sentire in colpa tre quarti dell’Italia); racconterà delle sue disgrazie giudiziarie, e del fatto di essere continuamente perseguitato dalla Magistratura. Avete capito certamente che sto parlando del primo burattinaio e, nello stesso tempo, burattino italiano.

Al termine, dirà a tutti: “Buon Natale e Felice anno nuovo.” Lo dirà con quel suo sorriso che sorriso non è perché vorrebbe anche aggiungere: “… a tutti meno che a chi non la pensa come me.” Ma non può farlo altrimenti perderebbe del tutto il consenso popolare che gli è rimasto. Ma state tranquilli che quello che non può dire, lo pensa. Però mi permetto di dare un suggerimento a chi avrà la disgrazia di sentire le sue baggianate: toccatevi dove sapete, perché secondo me, il tizio porta anche disgrazia e, allora, meglio prevenire che curare.

Poi prenderà la via di casa dove ad attenderlo non troverà figli o nipoti intorno al presepe e all’albero pieno di luci e regali. Ma tante belle escortine travestite da Babbo Natale, pronte a togliersi, come regalo di Natale, quell’ingombrante casacca rossa. Enrico

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: