Creato da: Emily_D il 02/06/2006
ovvero, note su vuoti a perdere, lune spente & immagini riflesse

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

Emily_De.d.aragazzo_64mabeldellecastellegui07rosarioforinoLaManu76Sylia81NicholaiHelconteoliver6
 

Ultimi commenti

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Messaggio #903.06.2006  ore 21:12 »

03.06.2006 ore 18:50

Post n°10 pubblicato il 09 Giugno 2006 da Emily_D
 
Foto di Emily_D

Notte di festa nelle Terre di Quinnipak, iniziata già nel pomeriggio, nei vicoli della parte vecchia del centro, che oggi brulica di vita, veloce. Il tempo sembra essersi calmato dopo la pioggia della scorsa notte, ma la terra è ancora impregnata d’acqua,

il profumo di terra bagnata entra dalla finestra aperta della libreria del signor Bloom insieme alle voci dei bambini che urlano per la strada lasciando dietro di sé il presagio di una mamma arrabbiata che più tardi li sgriderà per i loro pantaloni nuovi sporchi di fango. Già ora la festa è iniziata,

festa di Pentecoste nelle terre di Quinnipak.

Ma il pezzo forte ci sarà questa notte.

Oggi come tutti gli anni, nel giorno di Pentecoste, il signor Gustav Penish aprirà i suoi giardini per noi,

gente di Quinnipak,

aprirà i suoi cancelli in ferro battuto, e anche noi,

per una notte,

potremo godere dello spettacolo di quelle vie di selve strappate alla natura, delle scale di pietra illuminate dalle antiche lampade della famiglia Penish, della terrazza interna, grande, con i suoi tavoli imbanditi,

a festa, dello sfarzo dei saloni interni,

ma soprattutto della disordinata armonia delle sculture di pietra, vetro, e fiori, frutto della personale pazzia del signor Gustav Penish. Tutti nascono con una personale pazzia, chi non la conosce sa soltanto che sta cercando qualcosa, chi la conosce ha in genere due scelte assecondarla o tentare di fuggirle. Comunque nessuno può sfuggire alla sua personale pazzia, prima o poi la dovrà guardare negli occhi, potato fino a lei dalla ponderata casualità del destino. Il signor Gustav appartiene alla prima tipologia, ed oggi, in questo giorno di Pentecoste, a Quinnipak,

si festeggia perché esattamente 50 anni fa il signor Gustav Penish è riuscito a dare una forma alla sua personale pazzia: statue di pietra, fiori, e vetro.  

Questa notte ci sarà una grande festa nei giardini del signor Penish,

ci saranno i musicisti della Muffins Band,

ci saranno birra, vino, cibo,

gratis,

per tutti,

ci saranno persone che non si incontrano da tanto tempo, tutti qui, a festeggiare nei giardini del signor Penish.

 

Chissà se  un giorno  anche io riuscirò a dare una forma compiuta alla mia…

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog