Creato da Pinturicchio94 il 16/07/2012

FOOTBALL SCOUT

UNA LENTE D'INGRANDIMENTO SU GIOCATORI POCO CONOSCIUTI E CAMPIONI DI IERI, OGGI E SOPRATTUTTO DOMANI, MA ANCHE UN FOCUS SU TUTTE LE NOVITA' DEL MONDO DEL CALCIO; PER FINIRE ANCHE UNA FINESTRA SULLE NOSTRE ESPERIENZE CALCISTICHE

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

BlueVelvet69orsetto86albertogiov.siciliasolonoidgl11milan53tesdan.dcontarina5gabriel.burlatabacchi_aldodott.raffaelerusso0iocinquealeparentedeslinegeronimo5dgl0annitospera
 

ULTIMI COMMENTI

Sto preparando alcune cose e vado ci rileggiamo giovedi 27...
Inviato da: ROMA_SPQR
il 21/12/2012 alle 21:40
 
grazie per il bellissimo articolo :)
Inviato da: matteo montorsi
il 05/10/2012 alle 18:51
 
buona serata e un...... buon inizio...
Inviato da: ginevra1154
il 01/10/2012 alle 00:43
 
ciao ragazzo dove sei a cena a piazza venezia??? ahahah a...
Inviato da: ROMA_SPQR
il 24/09/2012 alle 21:01
 
ahahha grazie per la visita!! tanto tu non ci sei xD...
Inviato da: Pinturicchio94
il 21/09/2012 alle 23:29
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Pinturicchio94
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 30
Prov: PZ
 

PAGINA FACEBOOK:

Vincenzo Aregall Gazzaneo

PROFILO TWITTER

GazzaElPelado

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

I MIEI LINK PREFERITI

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

 

« ISCO - SOLO UNA CONFERMAIL MIO CODICE D'ONORE »

RAPHA MARTINHO - BEATO CHI LO ALLEN-A

Post n°20 pubblicato il 21 Settembre 2012 da Pinturicchio94
 

Tutti possono sbagliare, specialmente quando il mondo di cui parliamo è quello del calcio. Succede quindi che il Catania, squadra quasi pronta a trasferirsi in Argentina per via dei tanti sudamericani presenti in rosa, si lasci scappare e consideri normale un giovane talento che normale non lo è, forse perchè fin troppo normale. Tanti sono stati i colpi oltreoceano della squadra siciliana negli ultimi anni, quasi tutti ben riusciti, tanto che i risultati oggi si vedono, e il Catania è grazie a questa politica in pianta stabile in serie A da anni, con un organico sempre più affiatato, che non necessita di rivoluzioni ogni anno come il Genoa di Preziosi (per la sfortuna del suo attuale dg Lo Monaco, il fautore del progetto siciliano qualche anni fa), e capace di migliorarsi anno dopo anno, grazie a talenti come Barrientos, Gomez, Bergessio, Maxi Lopez, che fanno o hanno fatto la fortuna della squadra sicula. Capita, però, che pur perseguendo questa ottima politica, spesso si facciano madornali errori di valutazione. Nell'estate del 2010, il primo tassello sudamericano della stagione catanese è un piccoletto classe 1988, 183x73, prelevato direttamente dal Paulista, squadra della prima serie del campionato brasiliano, dove si era distinto per duttilità e agilità. Sarà per le difficoltà riscontrate ad ambientarsi, sarà per il fisico troppo magro, che il giovane Raphael Martinho (così si chiama) non riesce a sfondare, si accontenta di sporadiche apparizioni, e viene lasciato nel dimenticatoio. L'anno successivo a Catania arriva Montella, che intravede potenzialità nel ragazzo, però ancora troppo acerbe, inadatte per una squadra come il Catania che necessita di salvarsi, e quindi ha bisogno di giocatori pronti, e così manda il giocatore in prestito a Cesena. Gioca di più, ma poco di più, perchè anche Cesena è una piazza non tranquilla, dove la salvezza si gioca domenica dopo domenica (e infatti quell'anno non arrivò), e per Martinho fu un'altra stagione difficile. Ed è così che questa apparente meteora ha detto momentaneamente addio alla Serie A ed è scesa quest'anno di categoria, in un Verona con obiettivi di vetta. "Martinho è bravo ma presenta difficoltà ad adattarsi ad un calcio troppo tattico come quello italiano" disse l'allora tecnico del Cesena Ficcadenti. Tradotto: non sa stare in campo. Peccato che, laddove tutti i suoi allenatori precedenti vedevano dei limiti nel giocatore, quali la pochezza tattica e fisica, ora invece Mandorlini, attuale tecnico dei gialloblu, sta costruendo la sua fortuna. La cosa che sorprende di Martinho è che, rileggendo gli articoli al momento del suo arrivo in serie A, alcuni giornali parlano di lui come di un difensore, altri di un centrocampista, altri ancora di un attaccante. E la realtà non è che si sia fatta troppa confusione sul giocatore e si sia appurato che il brasiliano non è nè uno, nè l'altro, nè l'altro ancora, ma che, in verità, Martinho riesce a fare tutti i ruoli che competono la fascia sinistra: il terzino, l'esterno, l'ala, l'interno, il centrocampista, l'attaccante. E che quest'anno sta dimostrando di saperlo fare anche bene. Per definire il suo ruolo lo si può considerare tornante di fascia sinistra (è solo mancino), che interpreta il ruolo in un modo tutto suo, e per il momento risultante vincente. La caratteristica che subito si evince osservando il giocatore è la sua leggerezza, ma al contempo l'armonia del suo tocco di palla col sinistro, che gli permette quasi senza mai cambiare passo di avere una velocità ed un'agilità in grado di mettere in difficoltà sempre gli avversari che incontra nell'uno contro uno. Pur non usando il destro è imprevedibile proprio per la facilità con cui riesce a cambiare direzione usando solamente il sinistro. Ma Martinho è un peperino di fascia completo: ottima tecnica, bravissimo nei cross, ottimo tiro, mai macchinoso, e soprattutto che gioca per la squadra, sempre. Ciò che inoltre sorprende di lui è la grinta e le determinazione, non appariscente ma efficace. Quelle poche volte che perde la palla, infatti, nonostante il sangue brasiliano, è portato sempre ad andarsela a riprendere. Ed infatti, stranamente per uno col suo fisico, è bravissimo anche nella fase difensiva, pur essendo definito come un esterno con più spiccate doti offensive. E soprattutto è uno che corre, perchè gli piace correre. Alla domanda su quale ruolo preferisse lui ha risposto:"A me piace di più il terzino perchè faccio entrambe le fasi, corro di più e partecipo di più alla partita". Risposta non da tutti, in un calcio diventato troppo fisico in cui si vuole guadagnare di più cercando di stancarsi di meno. Una cosa è comunque certa, che qualunque sia il ruolo nel quale venga impiegato, lui dà sempre il massimo, e se continua così, farà davvero le fortune del Verona, che detiene il diritto di riscatto del giocatore ed è pronto a portarselo in A, per far sì che Martinho possa ultimare la sua rivincita verso i suoi allenatori che non lo avevano tenuto in considerazione. Con la solita naturalezza. E i tanti chilometri macinati.

 
Rispondi al commento:
ROMA_SPQR
ROMA_SPQR il 21/09/12 alle 21:05 via WEB
ma sei arrivato a Roma?? guarda che chiudo i cancelli eh?? ahahah ciao Pintu buon week
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
Get the Ultime notizie sportive - La Gazzetta dello Sport widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

 

 

 

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963