Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvforddissecheQuartoProvvisoriofrance20010francotrottakaren_71Silvia11973cassetta2mvwhynotmilano2009kappa10antonio_to1975dra.grassodomenicomorgante1
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 27/09/2023

PROVINCIA/ ORDINANZA CHIUSURA STRADA PROVINCIALE CIVITELLA – PIANO DEI SAGRI DALLO SVINCOLO SS693 ALL’INCROCIO CON LA STRADA PR

Post n°31349 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

PROVINCIA/ ORDINANZA CHIUSURA STRADA PROVINCIALE CIVITELLA – PIANO DEI SAGRI DALLO SVINCOLO SS693 ALL’INCROCIO CON LA STRADA PROVINCIALE SANNICANDRO – TORRE MILETO – STAZ. ISCHITELLA. ATTENZIONE ALLA CIRCOLAZIONE  

Si comunica che il Dirigente del Settore Viabilità della Provincia, arch. Angelo Iannotta con Ordinanza n. 34/2023 ordina: che sulla Strada Provinciale n. n. 42 (Civitella – Piano Dei Sagri) dallo Svincolo SS693 all’incrocio con la Strada Provinciale n.41 (Sannicandro – Torre Mileto – Staz. Ischitella), la chiusura al traffico veicolare per il giorno 28/09/2023 dalle ore 9.00 alle ore 16.00.
Ogni provvedimento in contrasto con la presente ordinanza è da ritenersi, per la durata della presente, decaduto.
La presente ordinanza sarà resa nota al pubblico mediante l’apposizione della segnaletica prescritta e resterà valida sino alla revoca della stessa.
È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare.
Avverso tale Ordinanza si potrà ricorrere al Tribunale Amministrativo Regionale della Puglia.

Ordinanza_n_34_del_2…

 
 
 

VIESTE – Nuova rete acque meteoriche, impianto di accumulo sul lungomare Europa Ultimo aggiornamento Set 27, 2023 274 Condivid

Post n°31348 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

VIESTE – Nuova rete acque meteoriche, impianto di accumulo sul lungomare Europa

274


Verso il completamento i lavori relativi alla realizzazione di sistemi per la gestione delle acque pluviali – meteoriche, che consentiranno di eliminare o attenuare il pericolo di allagamenti, in seguito a piogge abbondanti, nella zona Madonna della Libera – C1Sud – Scialara – Pantanello, quelle, cioè, più maggiormente soggette a tali fenomeni.
Dopo gli ultimi interventi, che hanno riguardato il lungomare Mattei (belvedere di Pizzomunno), la parte interessata attualmente dai lavori (realizzazione vasche di accumulo, decantazione e depurazione) è il piazzale antistante l’ingresso del porto turistico, sul lungomare Europa (incrocio con via della Repubblica). Qui, infatti, come da progetto, è previsto l’interramento di grossi vasconi (in foto) dove convoglieranno le acque di prima pioggia che, previa depurazione da oli, saranno accumulate, così da evitare il ripetersi di pericolosi allagamenti, come spesso accaduto nel quartiere ex Pantanello.

I lavori per la nuova rete delle acque pluviali-meteoriche, realizzati dall’impresa appaltatrice (Impresa Costruzioni Melillo Srl), come detto, sono nella loro fase finale. Dopo l’impianto in fase di realizzazione in questi giorni, si provvederà a completare qualche piccolo tratto della rete e alla sistemazione di tutte le strade interessate dal mega lavoro, con relativo asfalto. E’ inutile sottolineare l’importanza dell’opera pubblica che consentirà di evitare dannosi allagamenti e problematiche varie, derivanti da piogge di particolare consistenza che, tra l’altro, si verificano sempre più spesso a causa dei cambiamenti climatici.

 
 
 

VIESTE – Al consigliere Matteo Petrone la delega ai servizi cimiteriali Il Set 27, 2023

Post n°31347 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

VIESTE – Al consigliere Matteo Petrone la delega ai servizi cimiteriali
291


Il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, nel corso della seduta del Consiglio comunale, svoltasi ieri in modalità “videoconferenza”, ha comunicato di aver conferito al consigliere comunale, Matteo Petrone, capogruppo del movimento “Vieste Sei Tu”, la delega ai servizi cimiteriali, settore precedentemente in capo allo stesso sindaco. Si tratta di una delega importante, poiché il cimitero, e gli annessi servizi, necessitano di una costante attenzione, al fine di rendere quel luogo sacro dignitoso come merita nel rispetto di chi ci ha preceduto.
Matteo Petrone ha ringraziato il sindaco per la fiducia accordatagli e ha manifestato tutto il suo impegno per la migliore gestione del servizio cimiteriale.

 
 
 

Un'estate infinita...

Post n°31346 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

Un'estate infinita...

La sindrome di chi fa «credere cose non vere» indica una situazione emotiva particolare, tipica di chi è consapevole di non possedere le capacità che gli hanno permesso di ottenere successo.

Capita spesso in questo nostro mondo di apparenze e di mostrine luccicanti, di leggere post al vetriolo e messaggi su whatsApp che hanno come obiettivo quello di destabilizzare, minacciare o addirittura depistare...

Una dannata sbornia «da social», al pari della dipendenza dalle droghe, ha invaso i nostri spazi vitali, li ha trasformati in sequenze di immagini e di video senza limiti di tempo e ci ha resi (quasi) schiavi delle moderne forme di comunicazione.

Fortunatamente con le dovute eccezioni.

Non tutti infatti soffrono di «cellularite» e consumano la dose giornaliera di «tastiera» in momenti poco nocivi per la salute.

(Io sto provando a disintossicarmi).

Si è portati a concentrare l’attenzione sul giudizio altrui ed a incrementare i livelli di ansia da prestazione con un occhio ai like e un altro all’orologio.

Un po’ ci scherziamo, «allentando» la morsa della serietà da cravatta blu.

Un po’ ci giochiamo, osservando le reazioni, a volte indecifrabili, di chi consuma la colazione con il mouse o con il cellulare di ultima generazione.

Siamo figli di una cultura contadina, proiettati verso i confini inimmaginabili dell’intelligenza artificiale. Come saranno i prossimi anni?

Sicuramente difficili.

Un paese, il nostro, come tanti altri del sud, che invecchia e non fa figli.

Un paese che non offre adeguati servizi primari e fondamentali. (Sanità in primis).

Un luogo non luogo, dove la discussione è solo chiacchiericcio e il confronto un esercizio «arbitrario» di democrazia.

Con il caldo torrido, persone di ogni età, hanno provato a sensibilizzare tematiche importanti che interessano San Menaio, tra cumuli di rifiuti e binari di ferrovia da eliminare.

Con le infradito e i costumi da bagno, si sono riunite per tentare di dare un senso alle proteste.

Ma è sembrato mancassero i protagonisti, i capi, coloro che devono (dovrebbero) interloquire e rispondere alle domande.

E’ come fare una visita in chiesa per ascoltare la S. Messa per poi accorgersi che manca il prete.


Per leggere il giornale in pdf clicca qui



 
 
 

Vieste – BANDO PUBBLICO PER L’ASSEGNAZIONE, IN LOCAZIONE SEMPLICE, DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PoliticaSocietà

Post n°31345 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

Vieste – BANDO PUBBLICO PER L’ASSEGNAZIONE, IN LOCAZIONE SEMPLICE, DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA
Il Comune di Vieste ha indetto un Bando pubblico integrativo per la formazione di una graduatoria di merito finalizzata all’assegnazione, in locazione semplice, degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica disponibili e/o che si renderanno disponibili nel Comune di Vieste (FG), salvo eventuali riserve di alloggi previste dalla legge.

I cittadini interessati ad ottenere l’assegnazione di un alloggio E.R.P. (Edilizia Residenziale Pubblica) potranno presentare domanda presso il Comune di Vieste (FG), secondo i termini e le modalità contenute nel presente bando di concorso, e potranno partecipare ad una sola assegnazione in ambito Regionale.
Si precisa che, ai sensi dell’art. 20, co.1 della L.R. n. 10/2014, l’occupazione o la cessione senza titolo degli alloggi E.R.P. comporta l’esclusione da ogni ulteriore assegnazione.
L’istanza di ammissione al concorso è scaricabile dal sito internet del Comune di Vieste all’indirizzo https://www.comune.vieste.fg.it, nella sezione “Bandi di Concorso” e potrà essere ritirata anche presso l’Ufficio Tributi del Comune di Vieste, sito al Corso L. Fazzini n. 29, nei giorni di apertura al pubblico. Le domande dovranno essere compilate on-line, scaricate in formato *.pdf, stampate e sottoscritte dal dichiarante, corredate dagli allegati richiesti nonché regolarizzate mediante il pagamento dell’imposta di bollo di € 16,00. 
Tutti coloro i quali hanno presentato istanza di partecipazione al precedente Bando, indetto con determina del Dirigente del Settore Ambiente n. 161 del 12.08.2020, dovranno rinnovare il loro interesse a partecipare presentando, al contempo, una nuova autodichiarazione sul possesso dei requisiti richiesti, compilando una apposita istanza di aggiornamento scaricabile dal sito istituzionale del Comune di Vieste all’indirizzo https://www.comune.vieste.fg.it, nella sezione “Bandi di Concorso”, nei termini e con le modalità previste dal presente bando.
In tal caso, l’assolvimento dell’imposta di bollo di € 16,00, essendo già stato assolto, non dovrà essere ripetuto.
Si precisa che la compilazione dell’istanza di aggiornamento è condizione necessaria per poter accedere al presente bando. In mancanza, l’istante verrà escluso dalla procedura.
Alle domande andrà necessariamente allegata copia del documento di riconoscimento del richiedente, in corso di validità.
I predetti modelli di domanda, compilati in ogni parte e sottoscritti dal dichiarante, hanno valore di autocertificazione dei requisiti di ammissibilità al bando e delle condizioni oggettive e soggettive in esso indicate, in forza di quanto previsto dal D.P.R. 445/2000 e ss.mm.ii.
Le dichiarazioni mendaci determinano la decadenza dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera e sono punite ai sensi della legge penale e delle leggi speciali in materia di falsità degli atti.
 
Le domande di partecipazione, indirizzate al Comune di Vieste – Ufficio Tributi – C.so Lorenzo Fazzini, 29 –  con la seguente causale: “ISTANZA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO PER L’ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI UN ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA”, dovranno pervenire, a pena di esclusione entro e non oltre il 15.12.2023, ore 12.00.

Non saranno considerate ammissibili e, pertanto saranno escluse dal concorso, le domande presentate in data antecedente a quella di pubblicazione del presente Bando nonché quelle presentate dopo la scadenza del termine.

 
 
 

S. NICOLA IMBUTI/ IL PRESIDENTE MATTARELLA ATTESO ALL’EX IDROSCALO MONTI PER L’ESERCITAZIONE DI 500 MILITARI.

Post n°31344 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

S. NICOLA IMBUTI/ IL PRESIDENTE MATTARELLA ATTESO ALL’EX IDROSCALO MONTI PER L’ESERCITAZIONE DI 500 MILITARI. LA SPERANZA È CHE SI TRATTI DI UN’OCCASIONE DI (PACIFICA) RINASCITA DEL SITO
Sarà presente anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il 28 settembre presso l’idroscalo “Ivo Monti” di Cagnano Varano dove si svolgerà una esercitazione che coinvolgerà circa 500 soldati dell’Esercito, provenienti da varie regioni d’Italia con l’impiego di veicoli terrestri, anfibi ed elicotteri.

L’operazione denominata “Leone Alato 23”, fanno sapere dai vertici militari, si svolgerà “nel pieno rispetto delle normative per la tutela dell’ambiente” e vedrà la partecipazione, soprattutto di militari del  Reggimento Lagunari “Serenissima”  l’unico reparto di fanteria d’assalto anfibio dell’Esercito Italiano. 

SAN NICOLA IMBUTI, DETTO ANCHE NICOLA VARANO, È UNA LOCALITÀ DEL COMUNE DÌ CAGNANO VARANO, DA CUI DISTA CIRCA 10 KM, CHE DEVE IL NOME AL­LA CHIESA UN TEMPO IVI ESISTENTE E ALLE AC­QUE DEL VARANO CHE LAMBISCONO LE SUE TERRE, BAGNANDOLE.

 Un sito ameno pun­tellato da sorgenti e polle subacquee, un tempo rivestito da folti canneti e perciò, prediletto dalla Fulica atra, dove amano tuttora sostare piccole comunità di Aironi e Garzette. Un luogo che si ammanta di cespugli spinosi, ciuffi d’erba, asparagi, finocchio selvatico, ulivi, olivastri e altri doni della macchia mediterranea, in cui vi sono tracce della presenza dei monaci benedettini e manufatti riconducibili agli anni del primo conflitto mondiale.

Un luogo della memoria soggetto all’in­curia del tempo, che qualche anno fa – a seguito di un protocollo d’intesa sottoscritto dal sindaco di Cagnano Varano Claudio Costanzucci e il direttore regionale del Demanio di Puglia e Basilica­ta Vincenzo Capobianco, presente Elisabetta Trenta, ministra della Difesa del governo Conte, sembrava dovesse uscire dal “letargo”.

A seguito della concertazione tra comu­ne e agenzia del demanio, non essendo più utile ai finì della difesa, l’area della Marina Militare denominata “ex idrosca­lo Ivo Monti” veniva finalmente ceduta al Comune, affinché la collettività potesse fruirne, creando altresì un’opportunità per rilanciare e fare crescere l’economia locale. La notizia fu accolta con gioia dal­la popolazione di Cagnano. “Siamo or­gogliosi di aver portato a compimento questo progetto, con il quale oggi mettia­mo quest’area a disposizione dei cittadi­ni. Il riutilizzo intelligente di aree militari non più utili ai fini operativi è uno dei prin­cipali obiettivi che la Difesa sta perse­guendo con grande determinazione per il bene del Paese” commentava la re­sponsabile del dicastero.

Il sito, che da sempre ha suscitato curio­sità e interesse nel viaggiatore, da alcu­ne settimane è animato dalla presenza dei giovani dell’esercito italiano che han­no allestito un campo, raso sterpaglie e rovi che occultavano persino le facciate degli edifici e impedito il pascolo alle mucche che prima circolavano libera­mente anche negli edifici tappezzandoli di sterco. Non è la prima volta che i militari giungono sui posto per fare esercitazio­ni, ma è la prima volta che si impegnano a rendere decoroso e accogliente il sito. La ragione dì tanto impegno è dovuta al fatto che si prospetta l’imminente visita dei primo cittadino d’Italia, presidente Sergio Mattarella, nonché capo delle forze armate, precisamente il giorno 28 settembre 2023, esattamente cento an­ni dopo la visita di S. A.R. Umberto di Sa­voia, principe ereditario, alimentando le aspettative dei garganici sulla valorizza­zione del sito.

“L’esercitazione tattica anfibia e aero­mobile Leone Alato 23 prevista nei pros­simi giorni all’ex Idroscalo Ivo Monti di Cagnano Varano, in località San Nicola Imbuti, sul Gargano, coinvolgerà circa 500 soldati dell’Esercito, provenienti da varie regioni ditali, saranno impiegati veicoli terrestri, anfibi ed elicotteri” infor­ma l’assessore Michele Coccia. Uno spettacolo al quale la popolazione non potrà partecipare in diretta.

In altre tre importanti occasioni il sito di San Nicola ha fatto parlare di sé: nell’XI secolo, quando la presenza di un convento benedettino alimento un certo fermento socio-economico-culturale; nel 1915, allorché giunse sul posto il capo di stato maggiore della Regia Marina, l’ammiraglio Paolo Thaon De Revel, per verificare se ci fossero le condizioni per impiantarvi una base militare; nel 1918 quando ospitò sua maestà il re Vittorio Emanuele III. In tutti e tre i casi, fu il pericolo della guerra ad attenzionare le massime autorità verso questo territorio. Ricordo che, nella prima metà dell’XI secolo, all’Imbuti c’era una cellam dipendenza di Kàlena e della badia Tremiti che aveva colonizzato la fascia costiera del Gargano Nord, da Devia (Sannicandro) a Peschici, caratterizzata da una forte presenza di popoli stavi. Il Gargano era allora un crogiolo di popoli di diverse culture (latina, bizantina, longobarda, normanna). Popoli, da “civilizzare”, condurre al vangelo, da assimilare, secondo la logica dei tempo. C’erano, inoltre, specifici interessi economici, collegati tra l’altro alla presenza dei laghi e del pescato che alimentava la “via del pesce”.

Le rinomate anguille, fresche e secche, raggiungevano i mercati di Capitanata, Benevento e Montecassino, come pure le uova di cèfalo trattate in salamoia. Anatre selvatiche, folaghe e cigni, pascoli, vigneti, boschi, rappresentano altre considerevoli risorse. I numerosi ospiti, le chiese, i conventi, che i monaci edificarono nel Gargano, erano infine utili per soddisfare la domanda turistica dei pellegrini che in gran numero facevano visita all’Arcangelo San Michele.

Nove Secoli dopo, nei 1915, dopo avere disatteso le aspettative locali sul porto di Capoiale costruendo, il governo del re Vittorio Emanuele III guardò con interesse il sito di San Nicola Varano, perché la notte tra il 23 e il 24 maggio, quando gli austroungarici lanciarono bombe su Torre Mieto e sulle Isole Tremiti e puntarono i cannoni su Vieste e Manfredonia, mentre le nostre unità navali soccombevano, prese atto che il medio Adriatico era praticamente indifeso. Pochi giorni dopo, infatti, il capo di stato maggiore della Regia Marina, l’ammiraglio Paolo Thaon De Revel, giunse sul Varano e, verificate alcune condizioni, dette il via alla costruzione dell’idroscalo.

I lavori procedettero veloci nella stazione di San Nicola Varano, per tutti gli anni del conflitto un cantiere aperto sotto il comando del tenente di vascello Alberto Ghe. Quando, all’inizio, la guerra prometteva dì risolversi in poco tempo, il contingente di forze militari era esiguo. Allorché, il conflitto si prolungò e l’offensiva s’inasprì, la Regia Marina italiana dette il via ai lavori di ampliamento. Aumentarono i servizi, il personale, i fabbricati. Lungo i viali si allinearono eleganti edifici stile primo Novecento decorati con motivi liberty. Il sito prima deserto in circa tre anni assunse l’aspetto di una nuova ed elegante cittadina. Evolsero altresì i velivoli, nel numero e nella tipologia, Idrovolanti Lohner, FBA, Macchi che, svolgendo compiti di ricognizione, interdizione del traffico navale nemico, bombardamento delle stazioni militari imperiali posizionate sulla costa dalmata, concorsero a porre fine a quella che è stata definita “inutile strage”.

La stazione militare, nel 1921 intestata a ivo Monti, il tenente macchinista che perse la vita in missione, accese l’orgoglio di sua maestà il re Vittorio Emanuele III, che la visitò nel 1918, e del principe Umberto, che vi giunse nel 1923.

La costruzione dell’Idroscalo, era vista come un’opportunità per tutto il Gargano; prevedeva altresì la costruzione del porto militare a Capojale per il naviglio leggero, le opere di bonifica del lago, le strade ordinarie nuove e il miglioramento di quelle esistenti, il tronco ferroviario San Severo-porto di Capojale, l’acquisto dei terreni intorno al lago per favorire la colonizzazione interna, l’agricoltura e la pesca.

Il progetto, insieme all’obiettivo ‘difesa nazionale’, intendeva rigenerare una zona completamente abbandonata. Si è trattato, però, dì un sogno interrotto perché, dopo la piccola parte recitata durante la seconda guerra mondiale, su questo importante tassello del Gargano si sono spenti i riflettori e l’area è ripiombata nell’oblio.

I preziosi doni del famigerato regime fascista ai cittadini del paese – l’acquedotto pugliese, la ferrovia garganica, l’edificio scolastico, il mercato coperto, il macello – e gli interventi successivi dell’Ente di Riforma, che assegnò un fazzoletto di terra ai cotoni, non sono stati sufficienti a promuovere l’agognato sviluppo. Per poter vedere migliorata la propria condizione, i figli della plebe hanno dovuto cercare altrove lavoro e dignità.

È stata in ogni caso la ragion di Stato ad attenzionare le massime autorità verso questo territorio, non invece nel 2019, quando giunse a Cagnano Varano la ministra della difesa Elisabetta Trenta per presenziare al protocollo d’intesa con il quale fu sancita la cessione delle aree ex idroscalo di Varano Ivo Monti – chiesa di Santa Barbara – porto canale di Capojale al comune di Cagnano Varano per un’utilizzazione duale (civile e militare) delle infrastrutture, risultando di altissima valenza strategica per il rilancio dei turismo con notevoli ricadute occupazionali e beneficio per le piccole e medio imprese locali.

La mobilitazione dei sito e la notizia della imminente visita dei presidente della Repubblica a San Nicola Varano si è prestata a diverse congetture. L’augurio è che la forza dello Stato si faccia abbraccio con le energie della comunità per promuovere la rinascita dell’Idroscalo e il suo utilizzo a scopi pacifici, nonché del lago e di tutto il Gargano, sia per dare fiducia ai giovani e porre freno all’emorragia che sta svuotando i centri abitati, sia per arrestare ii degrado, sia per recuperare la fiducia dei cittadini nei confronti dello Stato.

leonarda crisetti grimaldi

l’attacco

 
 
 

COVID E INFLUENZA/ DA LUNEDÌ PARTE LA CAMPAGNA VACCINALE IN PUGLIA CoronavirusSanitàSocietà By Redazione Last updated 27 Settem

Post n°31343 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

COVID E INFLUENZA/ DA LUNEDÌ PARTE LA CAMPAGNA VACCINALE IN PUGLIA
Niente più obbligo, ma la somministrazione sarà gratis per tutti. «Gli operatori sanitari asintomatici possono restare in servizio».

Il vaccino anticovid sarà gratis per tutti, anche per chi non rientra nelle fasce di età per cui è raccomandato. La fine dell’emergenza pandemica apre una pagina nuova, ma da lunedì anche in Puglia riparte la campagna vaccinale che riguarderà, oltre che il Covid, anche l’influenza.

Ieri Pfizer ha confermato alla Regione la prima consegna, a partire da oggi, del vaccino Comirnaty declinato nelle varie concentrazioni in base alle fasce d’età (neonati, bambini e over 12): in tutto arriveranno circa 40mila dosi, di cui 9.600 per uso pediatrico. Le consegne sono programmate ogni settimana, proprio come avveniva durante l’emergenza, ma questa volta sarà tutto diverso e molto più rilassato. «Abbiamo avuto – dice l’assessore regionale alla Salute, Rocco Palese – la fornitura di tutti i nuovi vaccini anticovid aggiornati per le nuove sottovarianti Xbb, e la quantità è sufficiente per partire a favore di chi vuole farlo: ultrasessantenni, fasce deboli, trapiantati, immunodepressi e malati cronici». La campagna vaccinale – sulla base delle indicazioni del ministero della Salute – si basa infatti sulla volontarietà. Per questo non ci saranno liste d’attesa né gli accessi prioritari che tante polemiche hanno causato durante la pandemia: chi vuole potrà presentarsi nei centri vaccinali (sulla base delle indicazioni che arriveranno dalle singole Asl) oppure dai medici di famiglia. In un caso e nell’altro la somministrazione del vaccino avverrà volontariamente previo controllo della data dell’ultima vaccinazione o del tempo trascorso dall’ultimo contagio registrato.

Ieri il dipartimento Salute guidato da Vito Montanaro ha inviato alle Asl e alle associazioni di categoria la circolare con le indicazioni operative per gestire la campagna vaccinale relativa a Covid e influenza. C’è scritto, in particolare, che le Asl dovranno garantire entro lunedì la consegna dei vaccini ai medici di famiglia e ai pediatri di libera scelta, e dovranno far partire la nuova piattaforma informatica Valore che sostituirà il Giava utilizzato durante la pandemia. Ai medici di famiglia dovrebbe inizialmente essere riservata una quota di dosi di antinfluenzale pari ad almeno il 30% degli assistiti over 65 in carico. Per i bambini sarà disponibile il nuovo vaccino spray (ne sono state comprate 50mila dosi), in alternativa al quadrivalente tradizionale. A differenza dell’anticovid, l’antinfluenzale sulla carta è gratis soltanto per le fasce a rischio che sono però estremamente ampie.

La Regione ha dato anche indicazioni relative agli operatori sanitari. Anche in questo caso le regole appaiono meno stringenti rispetto al passato. Resta sempre in vigore l’obbligo vaccinale (previsto dalle norme regionali): chi si sottrae potrà essere dichiarato non idoneo alle mansioni svolte normalmente. La novità è che i positivi asintomatici possono rimanere in servizio, ma se lavorano in reparti sensibili «devono essere adibiti temporaneamente» ad attività a basso rischio, mentre in tutti gli altri casi «devono evitare tassativamente il contatto diretto con tutti i pazienti e gli ospiti e con i colleghi». La vaccinazione deve essere effettuata anche dal personale delle strutture private e delle farmacie.

I dati aggiornati segnalano un aumento dei contagi Covid in tutta Italia, ma con numeri assoluti estremamente bassi. In Puglia risultano al momento 51 ricoveri, di cui due in terapia intensiva. Non c’è dunque alcun tipo di pressione sul sistema ospedaliero. Ma i medici consigliano comunque la vaccinazione in particolare per gli anziani, per i malati cronici e per chiunque si trovi in situazioni di rischio.

 
 
 

PUNTI CARDINALI, VIESTE CORRE VELOCE: “TRA I PRIMI AD AVER COMPLETATO IL PROGETTO DI FORMAZIONE"

Post n°31342 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

PUNTI CARDINALI, VIESTE CORRE VELOCE: “TRA I PRIMI AD AVER COMPLETATO IL PROGETTO DI FORMAZIONE”
Presso la scuola “Spalatro” è stato tracciato il bilancio di lunghi mesi di attività, laboratori e corsi formativi.


Giornata di consuntivi a Vieste dove alla presenza dell’assessore alle Politiche del lavoro della Regione Puglia, Sebastiano Leo, si è chiuso il progetto “Punti Cardinali”. Presso la scuola “Spalatro” è stato tracciato il bilancio di lunghi mesi di attività, laboratori e corsi formativi. A tirare le somme anche il sindaco Giuseppe Nobiletti con l’assessora Graziamaria Starace e l’assessora Rossella Falcone.

“La nostra amministrazione è stata la prima ad avviare Punti Cardinali e tra i primi in assoluto a completare il progetto. Uno strumento importante perchè la formazione dei nostri lavoratori è fondamentale e rappresenta il valore aggiunto delle nostre aziende, sono la forza della nostra impresa turistica. Abbiamo raggiunto ottimi risultati con tante iniziative che hanno favorito l’orientamento al lavoro e allo studio”.

saverio serlenga

 
 
 

CONSIGLIO PUGLIA APPROVA MOZIONE CALAMITÀ DOPO DANNI MALTEMPO Ambiente By Redazione Last updated 27 Settembre 2023

Post n°31341 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

CONSIGLIO PUGLIA APPROVA MOZIONE CALAMITÀ DOPO DANNI MALTEMPO
Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato all’unanimità la mozione per il riconoscimento dello stato di calamità naturale in seguito ai danni provocati dal maltempo sabato scorso e che ha messo in ginocchio il settore agricolo del Nord Barese e del Foggiano.

Primo firmatario della mozione è il consigliere Saverio Tammacco.
    Il Consiglio, partendo dalla constatazione degli effetti devastanti causati all’orticoltura, all’olivicoltura, alla viticoltura e al florovivaismo, ha impegnato la giunta ad attivarsi per il riconoscimento dello stato di calamità da parte del ministero delle Politiche agricole, chiedendo allo stesso ministero e all’assessorato competente l’attivazione di un fondo straordinario.

 
 
 

PRESENTATA IN ANTEPRIMA NAZIONALE A SAN MARCO IN LAMIS LA SIISCOF, LA SOCIETÀ SCIENTIFICA INFERMIERISTICA CHE SI OCCUPERÀ DI CO

Post n°31340 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

PRESENTATA IN ANTEPRIMA NAZIONALE A SAN MARCO IN LAMIS LA SIISCOF, LA SOCIETÀ SCIENTIFICA INFERMIERISTICA CHE SI OCCUPERÀ DI COMUNICAZIONE E FORMAZIONE.
Nel corso di un convegno infermieristico svoltosi ieri a San Marco in Lamis, in Puglia, è stata presentata in anteprima nazionale la neonata SIISCOF, ovvero la Società Italiana Infermieri Specialisti in Comunicazione e Formazione.

Ad annunciare la nascita della neonata società il presidente Giulio Ianzano (originario di San Marco in Lamis), Coordinatore Infermieristico e Docente Universitario, e il vice-presidente Angelo Riky Del Vecchio (originario di Rignano Garganico), infermiere e giornalista.

Il sodalizio, formato interamente da Infermieri Magistrali e da Studenti Infermieri del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, avrà lo scopo di:

  • “ripensare” e di “ricostruire” il sistema della formazione universitaria e post-universitaria in tutta Italia;
  • “standardizzare” il sistema della comunicazione e dell’informazione sanitaria all’interno e all’esterno della professione, attraverso linguaggi scientifici certificati e perché no anche di uso comune;
  • istituzione di Unità Operative dedicate alla Comunicazione e alla Formazione nelle Aziende sanitarie ed Ospedaliere pubbliche e private.

L’associazione, che chiederà quanto prima il riconoscimento dello status di Società Scientifica, ha adottato come logo (qui in basso) una “penna” sormontata da una croce di colore rosso, a significare la predilezione della stessa verso gli ambiti della comunicazione sanitaria e della formazione professionale.

Nelle prossime settimane primo congresso ed elezione del primo direttivo del sodalizio.

 
 
 

KARATE – IL MAESTRO ANGELO TORRE PROMOSSO ARBITRO MONDIALE Sport By Redazione Last updated 27 Settembre 2023

Post n°31339 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

KARATE – IL MAESTRO ANGELO TORRE PROMOSSO ARBITRO MONDIALE
La “Shoto Goshin Karatè Do” esprime i suoi più sinceri  auguri al maestro Angelo Torre per  il  risultato ottenuto negli esami di arbitro mondiale WSKA World Shotokan Karate-Do Association. La promozione a giudice sia nel kata che nel kumite, in prima istanza, per niente scontata fino alla fine, è un successo pieno per il maestro originario di Vieste e allievo diretto del maestro Hiroshi Shirai

Keizoku wa chikara nari – Perseveranza è forza  – (proverbio giapponese)

Il presidente della “Kensho Asd Vieste”

Rosiello Pier Paolo

 
 
 

DAL 27 SETTEMBRE ALL’1 OTTOBRE MONTE SANT’ANGELO CELEBRA SAN MICHELE ARCANGELO, TRA GLI OSPITI MAX GAZZÈ E MATTIA ZENZOLA.

Post n°31338 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

DAL 27 SETTEMBRE ALL’1 OTTOBRE MONTE SANT’ANGELO CELEBRA SAN MICHELE ARCANGELO, TRA GLI OSPITI MAX GAZZÈ E MATTIA ZENZOLA. IL PROGRAMMA.
La Festa Patronale in onore di San Michele Arcangelo ritorna a Monte Sant’Angelo dal 27 settembre al 1° ottobre 2023. Gli appuntamenti civili anche quest’anno sono stati organizzati dal Comitato “San Michele Arcangelo” guidato da Antonio Renzulli. Oltre ai sentitissimi momenti religiosi, dedicati al culto di San Michele, con il culmine rappresentato dalla processione della Sacra spada del 29 settembre, la festa ospiterà molti eventi musicali, ricreativi e sociali.

Il momento più atteso sarà il concerto di Max Gazzè in programma sabato 30 settembre, a partire dalle ore 22.00, in Piazza Papa Giovanni II.

L’appuntamento, che rientra nelle progettualità di #Michael365, rappresenta un primo momento di festa – dedicato a tutti i pugliesi – per celebrare l’importante riconoscimento di Monte Sant’Angelo Capitale della Cultura di Puglia 2024. Max Gazzè, che sarà accompagnato dalla Calabria Orchestra, proporrà “Musicae Loci”, il suo nuovo progetto musicale che lo immergerà nei territori e nelle tradizioni di tutta Italia.

Il concerto, unica tappa garganica della stagione, è promosso dal Comune di Monte Sant’Angelo, dalla Regione Puglia, dal Teatro Pubblico Pugliese e dal Comitato “San Michele Arcangelo”.

Oltre la grande musica di Gazzè, il calendario della Festa Patronale 2023 proporrà tanti altri appuntamenti civili.

Mercoledì 27 settembre – a partire dalle ore 20.30 in Piazza Duca d’Aosta – ci sarà l’accensione delle luminarie (a cura della ditta Blasi) con Super Mario e Sonic. L’accensione, momento simbolico che sancisce l’inizio dei festeggiamenti, vedrà la partecipazione del Sindaco Pierpaolo D’Arienzo, del rettore della Basilica Padre Ladislao Suchy e del presidente del comitato Antonio Renzulli. Alle ore 22.00, poi, primo momento musicale con il concerto dei “Palasport Tribute Pooh”, la cover ufficiale dei Pooh.

Mercoledì 27 settembre anche spazio al Corteo storico delle apparizioni di San Michele Arcangelo, previsto in programma per domenica 24 ma rinviato a causa delle condizioni climatiche avverse.

Giovedì 28 settembre la Festa ospita nei suoi appuntamenti l’inaugurazione dell’Anno scolastico con tutti gli studenti di Monte Sant’Angelo, gli insegnanti, i dirigenti, l’assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo e con la partecipazione straordinaria di Lorenzo Branchetti (Rai Yoyo) e del vincitore di Amici 2023 Mattia Zenzola. Alle ore 16.00, alla Basilica di San Michele Arcangelo, ci sarà invece la tradizionale Offerta della Cera alla Basilica da parte dell’Amministrazione comunale (accompagnata dal Comitato Festa Patronale). In serata, spazio alla seconda edizione della Notte Bianca “Saint Michel”, una serata di musica, divertimento e allegria fra le strade e le piazze più caratteristiche di Monte.

Dalle ore 20.30 alle ore 24.00 spazio all’esibizione di “CelentaRock”, la cover band di Adriano Celentano; “Lino & Geppy Music”, “Nuvole in concerto – Tributo a De Andrè”, Engy Cinque Live, “Musica e Parole” con DBT Live e il set finale di Big Foot Sound.

Venerdì 29 settembre si celebra San Michele Arcangelo: al mattino l’accoglienza dei pellegrini al Santuario, a partire dalle ore 16.30 presso la Basilica di San Michele Arcangelo, ci sarà il rito della Sacra Spada dalla Statua di San Michele mentre alle ore 17 partirà la storica, suggestiva ed emozionante processione fra le vie della città. In serata, invece, gli appuntamenti civili propongono uno spettacolo pirotecnico (ore 19.30, Zona Ospedale), l’esibizione della banda musicale di Monte Sant’Angelo diretta dal Maestro Matteo Quitadamo (ore 21.30, Piazza Duca d’Aosta), lo show di cabaret di Manuel e Betta (ore 23.30, Zona Castello) e la musica dei Good Vibes Live (ore 23.30, Zona Castello).

Sabato 30 settembre l’attesa sarà tutta per il live di Max Gazzè che sarà preceduto, alle ore 20.45 in Zona Castello, dal secondo spettacolo pirotecnico della festa a cura della ditta “Chiarappa”.

Il 1° ottobre 2023 la festa si chiude con l’ironia e la comicità di Uccio De Santis e il suo spettacolo comico con i Mudù, “Stasera con Uccio”. Alle ore 23.30 ultimo evento con il set di dj Don Ciccio con la partecipazione straordinaria di Mama Marjas.

Il programma completo della Festa propone anche appuntamenti sociali, sportivi, culturali, teatrali; appuntamenti dedicati ai bambini e agli anziani. Il cartellone è consultabile integralmente al seguente link: https://bit.ly/FestapatronaleMSA2023_programma

 
 
 

VIESTE – Assegnazione case popolari, pubblicato il bando (entro il 12 dicembre le domande) Ultimo aggiornamento Set 27, 2023

Post n°31337 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

VIESTE – Assegnazione case popolari, pubblicato il bando (entro il 12 dicembre le domande)


Il Comune di Vieste ha indetto un Bando pubblico integrativo per la formazione di una graduatoria di merito finalizzata all’assegnazione, in locazione semplice, degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica disponibili e/o che si renderanno disponibili nel Comune di Vieste (FG), salvo eventuali riserve di alloggi previste dalla legge.
I cittadini interessati ad ottenere l’assegnazione di un alloggio E.R.P. (Edilizia Residenziale Pubblica) potranno presentare domanda presso il Comune di Vieste, secondo i termini e le modalità contenute nel presente bando di concorso, e potranno partecipare ad una sola assegnazione in ambito Regionale.
Si precisa che, ai sensi dell’art. 20, co.1 della L.R. n. 10/2014, l’occupazione o la cessione senza titolo degli alloggi E.R.P. comporta l’esclusione da ogni ulteriore assegnazione.
L’istanza di ammissione al concorso è scaricabile dal sito internet del Comune di Vieste all’indirizzo https://www.comune.vieste.fg.it, nella sezione “Bandi di Concorso” e potrà essere ritirata anche presso l’Ufficio Tributi del Comune di Vieste, sito al Corso L. Fazzini n. 29, nei giorni di apertura al pubblico. Le domande dovranno essere compilate on-line, scaricate in formato *.pdf, stampate e sottoscritte dal dichiarante, corredate dagli allegati richiesti nonché regolarizzate mediante il pagamento dell’imposta di bollo di € 16,00.
Tutti coloro i quali hanno presentato istanza di partecipazione al precedente Bando, indetto con determina del Dirigente del Settore Ambiente n. 161 del 12.08.2020, dovranno rinnovare il loro interesse a partecipare presentando, al contempo, una nuova autodichiarazione sul possesso dei requisiti richiesti, compilando una apposita istanza di aggiornamento scaricabile dal sito istituzionale del Comune di Vieste all’indirizzo https://www.comune.vieste.fg.it, nella sezione “Bandi di Concorso”, nei termini e con le modalità previste dal presente bando.
In tal caso, l’assolvimento dell’imposta di bollo di € 16,00, essendo già stato assolto, non dovrà essere ripetuto.
Si precisa che la compilazione dell’istanza di aggiornamento è condizione necessaria per poter accedere al presente bando. In mancanza, l’istante verrà escluso dalla procedura.
Alle domande andrà necessariamente allegata copia del documento di riconoscimento del richiedente, in corso di validità.
I predetti modelli di domanda, compilati in ogni parte e sottoscritti dal dichiarante, hanno valore di autocertificazione dei requisiti di ammissibilità al bando e delle condizioni oggettive e soggettive in esso indicate, in forza di quanto previsto dal D.P.R. 445/2000 e ss.mm.ii.
Le dichiarazioni mendaci determinano la decadenza dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera e sono punite ai sensi della legge penale e delle leggi speciali in materia di falsità degli atti.
Le domande di partecipazione, indirizzate al Comune di Vieste – Ufficio Tributi – C.so Lorenzo Fazzini, 29 – con la seguente causale: “ISTANZA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO PER L’ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI UN ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA”, dovranno pervenire, a pena di esclusione entro e non oltre il 15.12.2023, ore 12.00.
Non saranno considerate ammissibili e, pertanto saranno escluse dal concorso, le domande presentate in data antecedente a quella di pubblicazione del presente Bando nonché quelle presentate dopo la scadenza del termine.
Vieste, il 26.09.2023
La Dirigente
Dott.ssa Sofia Ruggieri

 
 
 

ECCO L’ANTICICLONE, TORNA IL GRAN CALDO. GLI IMPRENDITORI TURISTICI: «GRANDE OPPORTUNITÀ» AmbienteTop NewsTurismo By Redazione

Post n°31336 pubblicato il 27 Settembre 2023 da forddisseche

ECCO L’ANTICICLONE, TORNA IL GRAN CALDO. GLI IMPRENDITORI TURISTICI: «GRANDE OPPORTUNITÀ»
L’estate non è ancora finita. Nonostante in queste ore alcune regioni siano alle prese con allerte meteo, tra venti forti e rischio grandine, il Mezzogiorno si prepara ad accogliere l’anticiclone africano che, com’è noto, porta con sé temperature molto elevate. Aumentano così le speranze di poter tornare in spiaggia. Da domani, mercoledì 27, infatti, è previsto il definitivo esaurimento dei temporali sulle estreme regioni meridionali. Così da giovedì 28 faranno ritorno le temperature estive: si attendono valori termici anche prossimi ai 32-33 gradi nel weekend al Sud.

 
Dunque l’autunno farà dietrofront a favore del bel tempo. Una notizia positiva per gli operatori turistici e gli stabilimenti balneari locali che guardano con fiducia a quest’ultimo colpo di coda della stagione.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963