Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 

Vieste / Petizione per : Smantelliamo il Ripetit

Vieste / Petizione per :

Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese .
Il link per firmare e questo :  https://chng.it/xvFYh5RSk2

Grazie .

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvLeccezioneMadamenazario1960QuartoProvvisorioViolentina8380sin69m12ps12milano2009stufissimoassaidaniele.devita1996france20010francotrottakaren_71
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 09/04/2024

VIESTE – Giovedì 11 aprile incontro letterario con la scrittrice Pamela Ferlin Il Apr 9, 2024

Post n°32133 pubblicato il 09 Aprile 2024 da forddisseche

VIESTE – Giovedì 11 aprile incontro letterario con la scrittrice Pamela Ferlin

68


Dopo il clamore mediatico iniziale seguito al ritorno dei talebani, oggi l’Afghanistan è praticamente sparito dalle cronache occidentali; eppure lì continuano a consumarsi terribili violazioni dei diritti umani. La scrittrice Pamela Ferlin ha deciso di affidare a un diario-romanzo il racconto di quanto sta accadendo. Giovedì 11 aprile, l’autrice presenterà “In questa notte afgana” (Piemme) a Vieste, nell’ambito della rassegna letteraria organizzata dal Comune con Il Libro Possibile. L’evento si terrà alle 9.15, nell’auditorium dell’I.I.S.S. Fazzini-Giuliani. Interverranno Grazia Maria Starace, assessora alla cultura di Vieste, e Rosella Santoro, direttrice artistica del Libro Possibile. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
“Abbiamo detto loro di studiare, perché lo studio è affermazione, è costruzione dell’identità, è libertà perché chi studia non potrà più essere schiavo. E poi ce ne siamo andati, abbandonandole in un mondo in cui una donna non sposata, una donna istruita è considerata una fuorilegge”. Così Ferlin ci consegna la storia vera di due ragazze il cui sogno è stato brutalmente infranto dal ritorno dei talebani, il 15 agosto 2021. Sima e Aziza frequentavano l’università di Kabul, avevano il futuro nelle loro mani. Ma dopo il ritiro delle truppe americane, l’Afghanistan ripiomba in un regime autoritario e fondamentalista, dove non solo i diritti delle donne ma l’idea stessa di libertà vanno in fumo.
Pamela Ferlin, scrittrice ed editorialista del Corriere della sera, ci guida in un viaggio intenso attraverso un territorio vessato da povertà e violenza, raccontando di chi rischierebbe la vita pur di fuggire da lì.
Appuntamento con l’autrice giovedì 11 aprile, a Vieste, nell’ambito della rassegna di incontri letterari organizzata con Il Libro Possibile. L’evento si terrà alle 9.15, nell’auditorium dell’I.I.S.S. Fazzini-Giuliani. Ingresso libero fino a esaurimento posti.VIESTE

 
 
 

VIESTE – Da mercoledì 10 aprile questua cittadina per la festa di Sant’Antonio Il Apr 8, 2024

Post n°32131 pubblicato il 09 Aprile 2024 da forddisseche

VIESTE – Da mercoledì 10 aprile questua cittadina per la festa di Sant’Antonio

320


Parte mercoledì, 10 aprile, la questua per l’organizzazione della festa di Sant’ Antonio di Padova, in programma l’11-12 e 13 giugno prossimi.
A questo proposito, il presidente del Comitato, Libero Guerra, fa sapere che da mercoledì e per i prossimi giorni, i componenti dello stesso Comitato, dotati di tesserino di riconoscimento, visiteranno le famiglie per la consegna del dépliant con il programma e il santino. Abbiamo grandissima fiducia nel vostro sostegno – evidenzia il presidente Guerra -. E’ nota la difficoltà di organizzare una festa che coniughi devozione, tradizione e promozione del territorio,vi chiediamo perciò di contribuire in massa, a prescindere dall’entità della vostra oblazione. Col poco di molti, o meglio ancora di tutti – c onclude il presidente – potremo raggiungere qualcosa di bello da custodire per sempre nei nostri cuori e nella storia di questa città.

 
 
 

CICLOVIA ADRIATICA, FIRMATO IL CONTRATTO PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI TECNICI. A GIUGNO I LAVORI SULL’ASSE LESINA-MANFREDONIA 8

Post n°32130 pubblicato il 09 Aprile 2024 da forddisseche

CICLOVIA ADRIATICA, FIRMATO IL CONTRATTO PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI TECNICI. A GIUGNO I LAVORI SULL’ASSE LESINA-MANFREDONIA

Il futuro della nostra provincia è sempre più green e sostenibile. Sono molto felice di poter annunciare che è stato firmato il contratto per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori della Ciclovia Adriatica, inserita nel Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche istituito nel 2016 dal Ministero Infrastrutture e Trasporti per collegare, lungo un suggestivo percorso, Chioggia al maestoso Gargano. Il tronco pugliese al momento riguarda esclusivamente la provincia di Foggia.    

L’intervento, di cui la Regione Puglia è soggetto beneficiario e la Provincia di Foggia è soggetto attuatore, è stato finanziato con € 22.455.194,89 di cui fondi statali del DM 517/2018 pari a € 3.512.212,43 per il lotto Lesina-Apricena e fondi del programma NextGenerationEU pari a € 18.942.982,46, per il lotto Apricena-Manfredonia. Mai prima d’ora il territorio foggiano aveva beneficiato di risorse così ingenti per le ciclovie turistiche. 

Un plauso va anche espresso nei confronti degli Uffici dell’Amministrazione provinciale di Foggia che, nel corso del 2023, hanno adempiuto a tutte le gravose incombenze tecnico-amministrative

finalizzate alla redazione ed approvazione del progetto definitivo della ciclovia e alla pubblicazione e a aggiudicazione della gara dell’appalto integrato per l’affidamento dei servizi tecnici entro il 31 dicembre, come richiesto dal PNRR. In mancanza il finanziamento sarebbe stato perso. Gli Uffici con lo stesso impegno garantiranno che i lavori procedano senza intoppi e siano rispettati i tempi previsti.

Il nostro obiettivo è chiaro: rendere la Ciclovia Turistica Nazionale Adriatica accessibile a tutti, contribuendo allo sviluppo sostenibile del nostro territorio e offrendo un’esperienza unica ai nostri cittadini e ai visitatori provenienti da tutto il mondo.

Ma la ciclovia Adriatica dovrà essere collegata al tronco del Molise. 

A tale fine chiederemo a RFI, nell’ambito degli interventi di raddoppio ferroviario Lesina-Termoli e di conseguente ripristino naturale dei luoghi, di recuperare e riutilizzare quale percorso ciclabile, le infrastrutture ferroviarie e i manufatti esistenti, incluso l’attuale ponte ferroviario sul fiume Saccione, che saranno dismessi a seguito dello spostamento a monte dei binari.

Tale operazione, richiesta dal Comune di Chieuti e condivisa da altre Amministrazioni comunali foggiane, consentirebbe in tempi rapidi e con notevoli benefici ambientali e risparmi economici, di proseguire quanto già fatto dalla Regione Abruzzo che ha riconvertito un tratto di ferrovia dismessa di oltre 40 Km nell’attuale ciclovia dei Trabocchi.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963