Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 65
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 

Oroscopo

 


                 width="200" height="250" scrolling=no marginwidth=0 marginheight=0 frameborder=0 border=0 style="border:0;margin:0;padding:0;">
    

 

 

Vieste / Petizione per : Smantelliamo il Ripetit

Vieste / Petizione per :

Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese .
Il link per firmare e questo :  https://chng.it/xvFYh5RSk2

Grazie .

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

laboratoriotvGiuliettaScagliettiforddissecheQuartoProvvisorioLeccezioneMadamenazario1960Violentina8380sin69m12ps12milano2009stufissimoassaidaniele.devita1996france20010francotrotta
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/202

https://www.garganofm.com/wp-content/uploads/2020/07/RADIO-GARDEN-300x176.png

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 01/05/2024

Vieste – CONSIGLIO COMUNALE, MARIA PINA AZZARONE E GIUSEPPINA SEMENTINO PRENDONO IL POSTO DEI CONSIGLIERI DIMISSIONARI FALCONE E

Post n°32213 pubblicato il 01 Maggio 2024 da forddisseche

Vieste – CONSIGLIO COMUNALE, MARIA PINA AZZARONE E GIUSEPPINA SEMENTINO PRENDONO IL POSTO DEI CONSIGLIERI DIMISSIONARI FALCONE E CARLINO

Nella seduta dello scorso 26 aprile il Consiglio Comunale di Vieste ha provveduto alla surroga dei consiglieri dimissionari Rossella Falcone e Dario Carlnio. Nello scorrimento della lista «Vieste Sei Tu—Nobiletti Sindaco» fra i primi dei non eletti c’erano Luca D’Errico, Maria Pina Azzarone e Giuseppina Sementino. Di questi D’Errico ha comunicato la propria indisponibilità ad assumere l’incarico di consigliere mentre Azzarone e Sementino si sono rese disponibili. Pertanto il Consiglio comunale ha provveduto alla surroga di Falcone e Carlino con Azzarone e Sementino che sono ora divenute consiglieri comunali.

 
 
 

MARIO TURI, INTERNATO MILITARE ITALIANO, DA ZEITHAIN A PESCHICI 1 Maggio 2024 Gli Internati Militari Italiani (IMI), dopo l’8

Post n°32212 pubblicato il 01 Maggio 2024 da forddisseche

MARIO TURI, INTERNATO MILITARE ITALIANO, DA ZEITHAIN A PESCHICI

Gli Internati Militari Italiani (IMI), dopo l’8 settembre 1943, rifiutarono di collaborare con il regime nazista. I loro nomi su LeBi, la banca dati on-line dei prigionieri catturati nei lager fra il 1943 e il 1945. 650mila deportati non tornarono a casa. Fra questi un pugliese, Mario Turi,  tiratore scelto della Regia Marina, i cui resti mortali soltanto nel 1992 furono traslati in Italia, a Peschici, dove era nato

GLI INTERNATI MILITARI ITALIANI CHE MORIRONO A ZEITHAIN

Zeithain è un comune tedesco della Sassonia. Qui, nel Lager denominato Stalag IV B, dove erano già morti migliaia di prigionieri sovietici, giunsero nell’ottobre 1943 dei militari italiani feriti e malati, accompagnati da personale medico. In quello che i tedeschi consideravano un “ospedale militare”, denutrizione, condizioni disumane, mancanza di igiene, assistenza medica insufficiente e lavori forzati facilitarono il diffondersi di epidemie e gravi malattie, soprattutto tubercolosi. Morirono decine di migliaia di prigionieri, tra cui 900 italiani.

La loro tragica vicenda ha inizio l’8 settembre 1943, giorno dell’armistizio sottoscritto dall’Italia con le Forze Alleate. Catturati e disarmati dalle truppe tedesche in Francia, Grecia, Jugoslavia, Albania, Polonia, Paesi Baltici, Russia e nell’Italia stessa, caricati su carri bestiame, furono avviati a una destinazione che non conoscevano: i lager del Terzo Reich, sparsi un po’ dovunque in Europa, soprattutto in Germania, Austria e Polonia.

Giunti nei lager, dopo un viaggio in condizioni disumane, venivano immatricolati con un numero che sostituiva il nome, inciso su una piastrina di riconoscimento accanto alla sigla del campo. Formalità d’ingresso: la perquisizione personale e del bagaglio, la fotografia, l’impronta digitale, l’annotazione dei dati personali.

Ai prigionieri, circa 650mila, veniva chiesto con insistenti pressioni di continuare a combattere a fianco dei tedeschi o con i fascisti della Repubblica di Salò. La maggior parte rifiutò di collaborare, affrontando sofferenze e privazioni.

In un primo tempo considerati prigionieri di guerra, i militari internati, il 20 settembre 1943 vennero definiti IMI-Internati Militari Italiani, con un provvedimento arbitrario di Hitler che li sottrasse alle tutele previste dalla Convenzione di Ginevra del 1929, per destinarli come forza lavoro del Terzo Reich. Per ordine del Führer, e con l’assenso di Mussolini, il 12 agosto 1944 il loro status cambiò e furono trasformati in “lavoratori civili”, formalmente liberi.

Complessivamente, nei campi di prigionia persero la vita decine di migliaia di militari, per malattie, fame, stenti, uccisioni. Chi riuscì a sopravvivere fu segnato per sempre. A partire da febbraio del 1945, le prime avvisaglie del crollo imminente della Germania furono di preludio per la loro liberazione che avvenne in momenti differenti, per lo più tra febbraio e i primi di maggio del 1945.

Per i sopravvissuti, il rimpatrio in Italia, tuttavia, non fu immediato e si svolse soprattutto nell’estate e nell’autunno 1945, dalla Germania, Francia, Balcani e Russia. Tra i superstiti, tra cui molti erano gravemente ammalati, alcuni morirono lungo la via del rientro e furono sepolti a Praga. Tutti i reduci provenienti dalle diverse regioni del Reich, una volta varcato il confine italiano, vennero dirottati verso Pescantina, nel Veronese, dove fu istituito un centro di accoglienza e di smistamento verso le destinazioni interne al paese. 1

In particolare, il campo di Zeithain fu liberato dall’Armata Rossa il 23 aprile 1945. Dopo la fine della guerra, il territorio del lager e del cimitero italiano fu adibito a zona di esercitazione militare sovietica e rimase per decenni inaccessibile.

Nell’Italia del primo dopoguerra la storia degli Internati Militari Italiani venne presto dimenticata. L’oblio è durato a lungo. Grazie all’instancabile opera di ricerca di alcuni reduci di Zeithain, primi fra tutti padre Luca M. Ajroldi (morto nel 1985), ex cappellano del campo che aveva annotato tutti i nominativi e i dati dei deceduti nel suo diario “Zeithain campo di morte” (pubblicato nel 1962 dalla Scuola tipografica Artigianelli di Pavia) e dell’ex tenente colonnello Leopoldo Teglia, attuale presidente dell’Associazione nazionale ex internati di Perugia, nel 1991 fu finalmente possibile localizzare, riesumare e rimpatriare le spoglie di quasi tutti i caduti italiani di Zeithain sepolti nel cimitero militare italiano di Jacobsthal, e in parte nel cimitero di Mühlberg e Neuburxdorf.

DA ZEITHAIN A PESCHICI LA STORIA DI MARIO TURI

Tra le urne rimpatriate in Italia nel 1992, c’era quella di Mario Turi, nato il 15-04-1922 a Peschici (Foggia). Specialista di “direzione di tiro” nel reparto comando Navarino della marina militare italiana, fu catturato sul fronte greco in data imprecisata e internato con il numero di matricola 280743 nello Stalag IV B a Zeithain. La data del decesso è il 12-03-1944. Causa ufficiale: malattia. Prima sepoltura: Zeithain-Cimitero militare italiano. Luogo di sepoltura attuale: Peschici-Cimitero comunale.

Tutta la comunità di Peschici in una fredda mattinata del 10 febbraio 1992 accolse l’arrivo dell’urna con le spoglie mortali di Mario Turi. L’evento fu immortalato dal cameraman Mimì Martella e postato su YouTube. Una messa in suffragio fu celebrata dal parroco don Giuseppe Clemente in presenza dei parenti del marinaio (la seconda mamma, la sorella Michelina e il fratello Vito), dei fedeli, delle autorità civili e militari e delle rappresentanze della scuola media Libetta.

Molto toccanti le riprese del “planctus” delle donne di Peschici vicino alla piccola urna del marinaio morto a Zeithain, l’accompagnamento al cimitero, scandito dalla lettura di alcune pagine del diario di padre Ajroldi e dei pensieri dedicati a Mario dalle donne di casa Turi:

Sei partito un giorno di sole, bello come eri bello tu. I tuoi occhi brillavano e i tuoi capelli biondi splendevano ai raggi solari, il tuo cuore era colmo di amore per i tuoi cari, per la tua patria. Andavi lontano sul mare, quello stesso mare che guardavi dalla tua casa. I tuoi pensieri vagavano oltre l’orizzonte ma un solo nome era scolpito nel tuo cuore: Italia. La tua Patria, che avresti difeso fino all’estremo sacrificio e l’hai fatto, Mario. Come solo gli esseri eletti sanno fare. A Lei hai donato tutti i tuoi sogni, le tue aspirazioni, la tua giovinezza. Felice di poterlo fare e laggiù lontano, in una terra ostile. Chi ti ha confortato? Chi ha posato sui tuoi occhi ormai spenti l’ultimo bacio? Quanti dubbi, quante domande senza risposte. Oggi sei tornato, avvolto in un drappo tricolore. Tanto tempo è passato, ma gli anni non hanno sfiorato la tua giovinezza. Sei qui, come ti ho visto l’ultima volta, il tuo viso è circondato da un’aureola di luce, la luce immortale degli Eroi. Così noi ti ricorderemo sempre. Non con gli occhi ma con il cuore guarderemo l’urna contenente le tue spoglie. Soltanto così il tuo sacrificio non sarà stato vano. Addio Mario, lassù, nel cielo degli Eroi, vicino a Dio, il tuo nome brillerà come fulgida stella e al calar della sera io ti vedrò stringermi la mia mano e non avrò paura. Renata“.

Oggi c’è gioia, un’altra speranza è quella di rivederti in cielo. Nella tomba di famiglia il tuo nome è ritornato tra noi, inciso sul marmo, inciso sul cuore. Si chiude così questa pagina, lasciando aperta una ferita. E un solco dentro la memoria, che ha il pallore di una carta scolorita. Ora, nel silenzio, ha un’altra voce, un altro volto il mio dolore. Il pianto è come un’ombra di malinconia, vedo la fresca tua giovinezza andata via. Michelina“.

Caro Mario, in questo giorno di dolore, ma anche di gioia, ti rivedo negli anni ancora fanciullo attraverso le sbarre del tempo, ti rivedo quel giorno partire verso una Terra straniera. Ricordo l’ultimo abbraccio, l’inizio di un nuovo dolore. Stretta nella solitudine, trascinavo le ore in piccole cure amorose per te: una preghiera, una lacrima, un fiore. Arriva la notizia della tua fine. Caddero le speranze di rivederti, di stringerti al mio cuore. Per 48 anni ho pianto, ricordando l’antico dolore. Ho sperato, nelle notti ti ho sempre sognato, ti cercavo nel tuo mondo nuovo, ti cercavo nel vuoto della casa ricamata di ombre. Cercavo te, mio grande tesoro. Mario, vivi ora per noi, accanto a noi sulla tua terra, su questa terra che ti ha visto nascere, che ti accolse bambino, che avrebbe voluto festeggiare le tue primavere, che ti ha visto partire con il silenzio nel cuore e con dolore. Dopo 48 anni ti accoglie in sembianze diverse e abbraccia le tue spoglie. Vieni Mario, dopo questa lunga attesa, vieni da me, affinché ti abbracci. La tua seconda mamma“.

IL LeBI – LESSICO BIOGRAFICO IMI (Internati Militari Italiani)

E’ la banca dati che L’ANRP (associazione nazionale reduci prigionia) ha pubblicato on-line con i dati anagrafici e biografici dei 650mila militari italiani deportati ed internati nei lager del Terzo Reich tra il 1943 e il 1945. Una scheda con cognome e nome, luogo e data di nascita; grado militare e reparto di appartenenza; luogo e data di cattura; luogo /luoghi di internamento; localizzazione geografica dei lager; impiego lavorativo durante l’internamento; data del rientro. Per i caduti nei lager, il luogo e data del decesso; causa della morte; luogo di sepoltura. In ciascuna scheda saranno inserite foto (risalenti al tempo di guerra) per dare un volto ai nomi, documentazioni e brevi note, nonché indicazioni sulle fonti. E’ auspicabile il coinvolgimento di singoli, di famiglie, di comuni ed associazioni per rendere più completo l’elenco. Ma la mission del LeBi è far riflettere i cittadini sul tema dei diritti umani, della libertà e della democrazia, valori fissati nella nostra Costituzione e sui quali è nata e si fonda l’Unione Europea, contro ogni forma di nazifascismo.

teresa maria rauzino

 
 
 

VERSO LE ELEZIONI/ UNA BRAVA SINDACA: “TREMITI PER IL «BENE COMUNE” 1 Maggio 2024

Post n°32211 pubblicato il 01 Maggio 2024 da forddisseche

VERSO LE ELEZIONI/ UNA BRAVA SINDACA: “TREMITI PER IL «BENE COMUNE”

E’ la prima volta in cui una donna  aspira a guidare le Isole Tremiti insieme alla sua squadra di candidati consiglieri, tra esperienza e slancio giovanile.

«Il mio sogno è far diventare le Isole Tremiti riferimento naturalistico di livello mondiale. Abbiamo in passato celebrato l’ambiente e il turismo sostenibile, operato che è stato elogiato e sostenuto da tutti».

Esordisce cosi Annalisa Lisci, conosciuta ristoratrice e pescatore «in rosa», da anni molto apprezzata dai suoi conterranei nonché riferimento sicuro per gli amanti delle vacanze isolane.

«Sarò un Sindaco efficiente e suggeritore, capace di trasmettere la passione per il mare, l’amore per le isole e per i suoi abitanti. Con l’esperienza amministrativa maturata negli anni, grazie al continuo appoggio dei miei concittadini, riuscirò a raggiungere la concretezza per tutti quei progetti che le precedenti amministrazioni hanno intrapreso. Mi riferisco ai fondi PNRR, ai lavori pubblici, alla continuità territoriale e alla possibilità di garantire un futuro alle nuove generazioni, senza bisogno che abbandonino il nostro amato territorio. Attenzioneremo la sinergia con l’Ente gestore dell’AMP, instaurando un rapporto di “do ut des” affinché si garantisca la libertà degli isolani.Queste sono solo alcune delle tematiche che saranno al centro della nostra azione amministrativa».

A pochi giorni dalla scadenza delle presentazioni delle liste, il clima è già in fermento e si preannuncia un mese di entusiasmante campagna elettorale.

Un sindaco donna è certamente una novità per la storia delle Tremiti e rappresenterebbe un punto di svolta nella politica del «fare», argomento ampiamente riscontrabile nella vita privata e professionale di Annalisa Lisci, molto considerata dai suoi concittadini che già in passato hanno premiato la determinazione e al voglia di impegnarsi per le «sue» isole.

«Sono affiancata da un gruppo coeso e preparato, conclude Annalisa Lisci, pronto a dimostrare che il nostro progetto è esclusivamente volto al bene di Tremiti e dei tremitesi. Ci impegneremo con tutte le nostre forze e le nostre capacità per garantire i servizi essenziali: diritto alla casa, impiego e istruzione. Non dobbiamo pensare solo all’estate, seppur fondamentale per l’economia di tutti; la destagionalizzazione sarà un punto cardine nel nostro operato. Abbiamo già un’idea reale e concreta per lo sviluppo del turismo e la piena fruibilità delle bellezze naturalistiche e ambientali e vogliamo consolidare i primati già raggiunti in passato, con un lavoro di squadra e con un obiettivo unico: il be n e  c o m u n e » .

 
 
 

Ho appena firmato la petizione "Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese"

Post n°32210 pubblicato il 01 Maggio 2024 da forddisseche

Ciao,

Ho appena firmato la petizione "Smantelliamo il Ripetitore 5G che Disturba il Nostro Paese" e vorrei chiederti di aiutarci aggiungendo il tuo nome.

Il nostro obiettivo è quello di raggiungere 500 firme e abbiamo bisogno del tuo sostegno. Puoi saperne di più e leggere la petizione qui:

https://chng.it/DL4PCxWsjQ

Grazie!

Elettronica Abatantuono

 
 
 

Buon primo maggio .

Post n°32209 pubblicato il 01 Maggio 2024 da forddisseche

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "Festa dei LAVORATORI I'maggro Io TaAAю Buon Chi lavora con le sue mani, la sua testa e il suo cuare è un artista. Duongiorno"

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963