Creato da: Principessa.Lea il 03/05/2006
Donne che amano troppo

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 31
 

Ultime visite al Blog

la.cozzalilly8428mirakysilence_is_sexyvento_da_nordSerenadariogiorgia.silvancristina.paronifantasia321maoclaannaluna0mary.grazia_91vincedonghiavolubile973cipollina89
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Seconda Regola: Imparare...Quarta Regola per una DC... »

Terza Regola: La Teoria dei Dadini

Post n°4 pubblicato il 03 Maggio 2006 da Principessa.Lea
Foto di Principessa.Lea

Le donne con un'autostima relativamente alta mi sembrano sufficientemente equilibrate in amore. Tendono a essere meno gelose, non si fanno trattare come tappetini, sono chiare sulle loro richieste in un rapporto di coppia.
Questo secondo la mia modesta esperienza di vita vissuta!

Ergo, la terza regola per evitare di essere una Donna che ama troppo è secondo me, è acquisire auto-stima. Non troppo da sembrare delle egocentriche sciroccate, ma sufficiente ad avere una certa autorevolezza per realizzare i propri desideri e avere una vita più soddisfacente.
Svilupparla, però, non è molto facile; personalmente ho incontrato parecchi ostacoli e ho formulato una mia teoria, che qui di seguito illustrerò! Io la chiamo ‘La teoria dei dadini’


Alla nascita ci vengono dati dei dadini, in numero e di tipo diverso a ciascuno di noi, con scelta totalmente a casaccio. Alcuni hanno il dadino dell’altezza e altri no, alcuni hanno il dadino degli occhi verdi e altri no. Poi ci sono dei dadini che hanno dei punti, proprio come i dadi che si usano per giocare. Ci viene dato il dadino dell’intelligenza, per esempio, o della simpatia. Nel corso della nostra esistenza dobbiamo imparare a giocare quei dadini nel miglior modo possibile. Ci si deve sforzare per fare in modo che tutti i dadini a nostra disposizione segnino 6, che è il punteggio massimo.

Quando guardo le altre donne tendo a mettermi in competizioe e do i punti mentalmente. Non lo so perchè lo faccio. È una cosa da psicopatiche lo so.

Tipo

Ha le gambe più belle delle mie = è meglio lei. 5 punti
Sono più magra io = sono meglio io 4 punti

Se hanno più punti loro (il che accade spesso, mortè!) mi deprimo e penso di essere un fallimento di persona perché non ho gli zigomi alti come la ragazza nella metro, o il nasino alla francese come la commessa del negozio.
Questa è una gare impossibile da vincere. Come la giri la giri, puoi essere anche Madonna, ci sarà sempe quella più alta di te, più magra di te, più brava di te...più giovane di te...

Poi penso ai miei dadini, tra i quali quello del naso all’insù non c’è, e non ci posso far nulla se non ce l’ho. Ma quello della simpatia c’è, ed è al massimo punteggio: segna 6! Poi c’è anche il dadino dell’essere in gamba, e anche quello segna 6… e così via. E allora penso che nella mia vita ho giocato al meglio le possibilità che mi sono state donate, e mi ritengo una vincitrice. Per quanto riguarda molte altre qualità, devo accettare il fatto che alla nascita non mi siano state date. Però ho rispetto verso me stessa per aver amministrato bene le mie risorse.

Questo è ciò che conta.
Guardate nel vostro sacchetto e analizzate i dadini che vi sono stati dati. Sono tutti a 6? Se non lo sono c’è sicuramente la possibilità che lo diventino, concentratevi su quello e non sul fatto che non avete il dadino del numero 37 di scarpe. Certo, potete anche barare e acquistare dei dadini extra, rifarvi il naso per esempio, tirarvi su le tette, iposuzionarvi... a riprova del fatto che l’accettazione di se stesse è una delle lezioni più
difficili della vita; apprenderla, una grande prova di maturità.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog