Creato da: franco_carello il 07/01/2015
le mie passioni

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

capitanspok0DJ_Ponhzilubopounaseriedinick1962calliopedgl11karen_71cinnarellafrancesca632franco_carelloenrico505il_sospiro_dellanimaMAN_FLYmoschettiere62christie_malrybirba747
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Lavoro di notte: buttafuori

Post n°8 pubblicato il 04 Maggio 2015 da franco_carello
 

Qual è la figura del buttafuori nell’immaginario comune? Un tipo alto, muscoloso o comunque ben piazzato, con la faccia da mastino napoletano e spesso gli occhiali da sole, o questo forse solo nei film e nei cartoni animati. Iniziamo con il chiarire una cosa: per diventare buttafuori non basta avere una corporatura bella spessa e atteggiarsela da “big boss”! La figura professionale del buttafuori è decisamente molto più seria di quanto si possa pensare. Per diventare buttafuori professionista, in Italia, non esistono delle vere e proprie scuole o dei veri e propri corsi di formazione, infatti, per realizzare questo tipo di desiderio professionale è necessario entrare a far parte dei giri di quei locali in cui è presente la figura del buttafuori. In Italia, a differenza dell’estero, il mestiere del buttafuori è considerata solo una piccola mansione per arrotondare le proprie entrate mensili personali, mentre, per l’appunto, all’estero, ci sono delle vere e proprie scuole e dei veri e propri corsi di formazione che preparano a diventare buttafuori. Il problema di questo tipo di professione, sia in Italia che all’estero, è che molti buttafuori, lasciandosi prendere dal “potere” che gli viene conferito, si lasciano trasportare dalle situazioni e, spesso e volentieri, si rendono protagonisti di risse che loro stessi avrebbero dovuto evitare. Già, perché uno dei compiti ufficiali di chi decide di diventare buttafuori, oltre a quello di controllare che chi entra e chi esce abbia pagato l’ingresso e sia a norma con le regole della serata e della civiltà, è chiamato anche a mantenere l’ordine nel caso in cui dovessero scoppiare delle dispute che vanno a sfociare in delle vere e proprie risse, talvolta anche molto violente. Se anche tu che stai leggendo desideri diventare buttafuori ti consigliamo prima di tutto di fare qualche ricerca su Internet, ma ricordati che in Italia non esistono delle scuole che preparino a questo tipo di professione. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

The connectors distribution allows you to optimize the time

Post n°7 pubblicato il 20 Marzo 2015 da franco_carello
 

The industries that manage all aspects about the connectors distribution are very numerous and are present not only in Italy but all over the world. The connectors are the special devices that allow you to make the particular network interconnections and were initially designed for military purposes but are now highly sought after by both in the industrial that in the commercial sector, thanks to many benefits that they give you access.

The connectors distribution allows you to optimize the time and cost, increasing number of people interested to buy a connector, both the circular type that industrial type. They , in fact , are the ones most in demand and marketed, even if not a few people who, however, require special devices according to their individual needs. The design of the connectors, initially designed for military purposes, is prepared in order to allow at the internal mechanisms in the modules to resist in the most adverse climatic conditions: the tightness system prevents any infiltration from external to penetrate within the module, so to allow the devices internal to the connector to function properly even in case of rain or snow.

 

The connectors distribution is a very important operation in order to allow more people to use these devices.    

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La fidelizzazione dei clienti al bar

Post n°6 pubblicato il 05 Marzo 2015 da franco_carello

Molti italiani consumano al prima colazione al bar, e questo è risaputo. Il rituale del caffè con la brioche, o del cappuccino con il biscotto, cannolo o pastorella, è irrinunciabile per molti. Anche i temerari che vogliono sfidare il proprio corpo a quanti caffè possono bere ogni giorno, spesso si recano al bar a prenderlo, soprattutto nei momento clou della giornata come il mattino, prima di entrare al lavoro, e dopo pranzo sul finire della pausa pranzo, in modo da avere una carica di energia in più durante al giornata.

I baristi, dopo poco tempo, iniziano a conoscere i propri clienti e cercano di fidelizzarli il più possibile, soprattutto qualora vi fossero altri bar nei paraggi e, quindi, si volessero cercare di accontentare i clienti e di dare loro quel qualcosa in più ogni volta che li vedono, in modo tale che questi ultimi siano sempre tentati di tornare nel suddetto bar senza mai cambiarlo.

E’ frequente, soprattutto quando si cambia sede di lavoro o si cambia casa, fare un primo tour per i bar del circondario, in modo da provarli tutti e, alla fine, scegliere quello che più ci piace. Tutto questo è normale, però i baristi seri sanno che, quando vedono per la seconda volta in pochi giorni dei nuovi clienti, vi sono alte possibilità che siano nuovi avventori della zona e, quindi, è d’obbligo cercare di farli sentire a loro agio, coccolarli e fidelizzarli il più possibile, in modo che, anche la terza volta, scelgano di andare a prendere il caffè nel loro bar invece che provarne altri.

Un cioccolatino, un biscotto insieme al caffè o, talvolta, anche un piccolo pasticcino offerto, sono azioni gentili che non privano il bar di soldi o fondi ma fanno sì che i clienti siano ancora più soddisfatti, sapendo che vengono coccolati dai baristi e che, anche le volte successive, vi sarà la possibilità di avere un piccolo dolcetto insieme al caffè.

 

Anche offrire l’acqua insieme al caffè, in un piccolo bicchierino a parte, oppure aggiungere un po’ di cacao o di schiuma extra al cappuccino, oppure utilizzare questa per creare simpatiche decorazioni come il cuore o l’albero sul cappuccino, fanno sorridere e fanno venire voglia, ai clienti, di ritornare presto in quel bar.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Guadagnare con il trading

Post n°5 pubblicato il 16 Febbraio 2015 da franco_carello
 

Il trading online rappresenta attualmente la nuova frontiera di guadagno. In ragione degli ingenti profitti che con tale attività è possibile ottenere, sta crescendo il numero delle persone, sia italiane che straniere, che scelgono di intraprendere questa strada. Già nel breve periodo, infatti, con il trading online i guadagni sono significativi. Nello specifico tale attività consiste in un complesso di operazioni finanziarie di compravendita e negoziazione nei mercati online. Per poter procedere su questa strada occorre potersi avvalere di un computer connesso a Internet, tramite il quale iscriversi a una piattaforma di trading. Tale piattaforma andrà scelta sulla base di alcuni criteri importanti, quali l’affidabilità e i servizi offerti, non ultimo l’assistenza. A seguito della registrazione sarà possibile aprire un conto online che consentirà all’utente di effettuare le operazioni finanziarie nel mercato di riferimento. Si tratta di un’attività aperta a tutti, tuttavia occorre non gettarsi a occhi chiusi nel mondo degli investimenti. Con il trading online i guadagni consistenti, infatti, si possono ottenere solo a seguito di una buona formazione in merito, in grado di rendere il neo investitore consapevole delle sue azioni. Al riguardo sono molteplici gli strumenti di training messi a disposizione dalle varie piattaforme. Innanzitutto le guide di trading, in grado di iniziare gli aspiranti al mondo finanziario e come guadagnare con il trading, formandoli circa tutti gli strumenti necessari, le logiche di mercato, i linguaggi inerenti e i segreti del mestiere. A ciò si aggiunge la fondamentale assistenza degli esperti del settore, che mettono a disposizione dei neofiti la loro esperienza, fornendo supporto e consulenza per guadagnare con il trading. Passando alla pratica, molte piattaforme offrono ai nuovi arrivati l’opportunità di aprire un conto demo gratuito per familiarizzare con la piattaforma stessa e mettersi alla prova con i primi investimenti, senza incorrere in reali perdite di denaro. In tal modo sarà possibile prepararsi al meglio per agire con consapevolezza in un mercato che offre certamente enormi possibilità di profitto ma che, al tempo stesso, si qualifica per essere rischioso. Imparando, infatti, a contenere i margini di rischio, con il trading online i guadagni sono potenzialmente migliori.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Servizi utili: Aci Firenze

Post n°4 pubblicato il 09 Febbraio 2015 da franco_carello
 

L’Aci Firenze è un organismo che si occupa di erogare numerose prestazioni a tutti i propri soci e anche coloro che non sono iscritti presso l’Automobile Club Italia possono accedere a servizi molto interessanti e vantaggiosi, quale ad esempio il Pra, il Pubblico registro automobilistico, il quale contiene tantissime informazioni in merito alla propria vettura ed è libero, quindi tutti possono accedervi e consultarlo liberamente.

Gli uffici dell’Aci Firenze sono presenti in viale Giovanni Amendola 36 e sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 13.00 e al pomeriggio anche dalle 15.00 alle 17.30. Nel caso in cui si fosse impossibilitati o non si volesse recarsi di persona presso l’ente sarà possibile contattare l’Aci Firenze telefonando al numero 055/24861 o inviando una e-mail a info@acifirenze.it oppure, qualora si avesse un indirizzo di posta elettronica certificata, a automobileclubfirenze@pec.aci.it.

Se si desiderasse accedere al sito dell’Aci Firenze per conoscere tutti i servizi messi a disposizione dei propri iscritti da parte dell’ente, occorrerà semplicemente avere a disposizione un computer (o tablet, ipad o iphone) e digitare: www.acifirenze.it.

 

L’Aci Firenze, sin dal momento del suo ingresso nella città, si è occupato di fornire numerosi servizi a tutti i propri iscritti e coloro che ogni giorno si recano presso gli uffici dell’ente sono numerosi. Se anche tu risiedi a Firenze e vuoi conoscere numerose informazioni in merito alla tua vettura e ai servizi a cui puoi avere accesso, contatta l’Aci Firenze: anche se non sei socio dell’Automobile Club Italia, potrai usufruire di numerose opportunità.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso