Creato da: fulvia1953 il 14/11/2011
Terra aria acqua fuoco

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

fulvia1953eles515Ladama.dei.velenipaia2010Bernardodgl1soulesoulletizia_arcuriElemento.ScostanteoscardellestelleSAL313chiarasanylacky.procinoacer.250Sky_Eagle
 

Ultimi commenti

Carissima Fulvia, intanto grazie per i tuoi passaggi sempre...
Inviato da: Riyueren
il 31/05/2017 alle 15:30
 
E' vero, cerchiamo proprio di rendere sacro il nostro...
Inviato da: fulvia1953
il 27/05/2017 alle 11:10
 
Grazie Susanna, un carissimo saluto.
Inviato da: fulvia1953
il 27/05/2017 alle 11:06
 
Concordo pienamente.
Inviato da: Riyueren
il 26/05/2017 alle 19:35
 
Ognuno ha i suoi modi per rendere sacri i momenti della sua...
Inviato da: Riyueren
il 26/05/2017 alle 19:34
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

"Un  eremo non è un guscio di lumaca"  di Adriana Zarri

Con i suoi giorni brevi e le notti lunghissime, l'inverno è un abisso di luce e di buio; col suo silenzio è una stagione di ascolto, di attesa, di incontro: un incontro piu' intimo e segreto di quanto non sia dato in altre stagioni dell'anno: un incontro che ha sapore di casa, di madia, di stufe accese e di polenta. Bisogna per forza guardare dentro perchè di fuori non c'è nulla: solo stupende sfumature di grigio: dal piombo al perla, al luminescente al quasi bianco; e, se la nebbia si dirada, emergono le  braccia nude degli alberi, protese al cielo, inutilmente, come preghiere inascoltate. L'esaudimento, il calore, l'amore, si rifugia all'interno delle case; con le lampade accese, le tinte vive per contrastare gli smorti colori della terra. Ridimensiono la casa:Per risparmiare carburante mi rifugio in una sola stanza, a mezzogiorno. Tutto è piu' piccolo e raccolto. E dalla finestra guardo cadere le foglie, guardo scrosciare la pioggia, guardo salire la nebbia.

 

 

 

 
« IMMAGINII nostri riti »

Tante veritÓ....

Post n°46 pubblicato il 25 Aprile 2017 da fulvia1953

E' un tempo di grandi scoperte, di grandi rivelazioni: da una parte c'è alla ribalta Biglino, con le sue verità così ovvie su tutto il discorso della Bibbia e con la presentazione di un Dio inesistente per come ci era stato inculcato da una vita, dall'altra gli scienziati con gli atomi che si muovono come onde o come particelle e poi si parla di mondi tridimensionali, di comunicazione fra un cellula e l'altra anche a distanza....è una vera rivoluzione, è come se la nostra mente all'improvviso si aprisse o quasi esplodesse in seguito a queste improvvise illuminazioni. La parte positiva di noi sta facendo enormi passi avanti ed altrettanti ne fa la parte negativa toccando il fondo della disumanità. Da tutte le parti ci invitano a risvegliarci, a raggiungere la consapevolezza, ad accettare altri esseri che abitano l'Universo....E' un moto, un'onda gigantesca che ci spinge avanti e quasi ci travolge perchè in tutta questa nuova confusione non si ha più un punto fermo, io mi sento strappata dalle radici. D'altra parte è stata la mia sensazione costante quella di sentirmi fuori luogo in questa società e senza nessuna certezza.  Ho sempre invidiato, in senso buono, tutte quelle persone che avevano dei punti fermi nella loro vita, delle certezze come un lavoro, delle amicizie, una famiglia, una vita normale insomma in cui credere. Forse mi sono persa per strada e la cosa buffa è che ancora mi devo ritrovare! In mezzo alla Natura mi trovo bene, lì è l'unico luogo dove mi sento a casa ed in  pace. L'essere umano si è costruito nel tempo una personalità così complessa che è difficile comunicare e comprendersi. La semplicità di pensiero e di vita è così lontana da noi occidentali che la sola parola viene derisa. Ogni persona subisce poi un tale condizionamento che fà fatica a ritrovare se stessa ed a capire qual'è il vero senso che vuole dare alla  sua vita, ma si adegua e fà sue le regole di una società che spesso va contro natura ma a cui è difficile contrapporsi e solo pochi, persone veramente eccezionali ci riescono.  Sì, ognuno vive la sua vita e cerca di viverla al meglio, a me rimangono stretti i ruoli sociali in cui ci vogliono incasellare, perchè è chiaro che  la società è una forma di potere che toglie molta libertà personale. Però non si può rimanerne fuori a guardare, grandi sono quelle persone che riescono a portare qualcosa di nuovo, a gettare un sasso, a far sì che con le loro doti personali smuovino ciò che c'è nel profondo di ognuno di noi, qualcosa di potente che può cambiare il sociale.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog