Creato da holy.bast il 22/12/2006

Fusa alla rinfusa

Miagolando qua e la

 

 

« Escher - Sun and MoonTutti al mare »

Quando si dice la sfortuna!

Post n°29 pubblicato il 31 Marzo 2007 da holy.bast
 

immagine Non sono passata sotto una scala, nessun gatto nero mi ha tagliato la strada. Non mi è capitato di rompere alcuno specchio e nemmeno ho incrociato carri funebri vuoti sulla mia strada. Tuttavia sembrerebbe, per via dei tanti eventi funesti che si sono susseguiti nell'arco di così breve tempo, che un campo elettro magnetico di carica molto negativa si sia scatenato sopra la mia testa facendo convergere su di me la peggiore di tutte le sfighe. Era brutta e pure incazzata (questa vredo di averla rubata a qualcuno, Pinketts forse). Vorrei tanto sapere chi è stato a farla arrabbiare.
Sentivo che mi alitava sul collo già da diverso tempo fino a quando non mi ha acciuffato e stretta nella sua morsa sfigosa. Non sono del dutto sicura che sia riuscita a liberami di lei.
"Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia. Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio. Corna e bicorna". 
Non si sa mai!
Narrarvi ciò che mi è accaduto sarebbe cosa lunga e noiosa e io non  voglio male a nessuno.
L'unica cosa veramente triste e irrimediabile è la perdita di un "vecchio" amico. Non lo vedrò più camminare con la sua andatura attempata mentre va a fare la presa. Mi mancheranno i sue visite in negozio e le sue chiaccherate. Diceva sempre sono vecchio ed invece aveva una vitalità da fare invidia ad un ragazzino. Mi mancherà il suo sorriso. "Maresciallo mio Maresciallo". Addio!

Una perla positiva in mezzo a così tante disgrazie è l'arrivo di Giacomino. Il pupetto ha deciso di nascere a tutti i costi. E' forte, sano ed é bellissimo. Dalle mie parti si dice "tali patrozzu, tali figghiozzu" trad. "tale padrino, tale figlioccio". In questo caso "patrozza" visto che sarò la madrina.


 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK