Diari in Mansarda

Pensieri quotidiani di un timido ribelle.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Radiomansardachristie_malryelektraforliving1963nuvoletralemaniselvaggi_sentieriil_pablopsicologiaforenseoscardellestellebianco.nero0IrrequietaDRa.In.Meluboporobi19700antoniaes
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Sogno crepuscolare.

Post n°272 pubblicato il 17 Febbraio 2009 da Radiomansarda

Da li si puo'vedere,


un punto giusto per fermarsi.


La cima è innevata


e lontana,


difficile da raggiungere vista


la tormenta di neve.


Allora mi riposo qui,


ma giusto per un po'.


Osserverò da questo posto,


il paesaggio sottostante,


la valle che ho lasciato.


Fa freddo qui,


il vento ti taglia lo sguardo,


le mani sono di marmo.


Penso che riscendo,


questa montagna ha sentieri


impervii,pendii diroccati.


Poi cado,


chiudo gli occhi e cado.


Dolcemente cado,


come una piuma


atterro,


lievemente sul terreno,


trovo conforto.

 
 
 

Ricordi del crepuscolo

Post n°271 pubblicato il 12 Febbraio 2009 da Radiomansarda

Stamattina avevo sonno,

e la sveglia suonava.

Allora ho pensato

''cavolo mi devo alzare'',

è cosi fu!

 
 
 

Parti

Post n°270 pubblicato il 04 Febbraio 2009 da Radiomansarda

Le ho guardate bene

questa sera le ho esaminate.

Da qualche parte sono sporche,

in alto risentono il freddo che si posa su.

Il terzo di sinistra mostra ancora il segno

causato dai tratti.

E le riguardo,

le metto in tasca,

poi le ritiro fuori.

Quel puntino all'esterno...

Sono le mie,

erano piccole al primo giorno,

hanno sentito il calore molte volte

e il freddo durante la notte.

A volte si uniscono tra loro,si stringono

con altre.

Con le tue.

Disegnano emozioni nell'aria,

in uno spazio bianco,

sulla pelle.

Le mie mani.

 
 
 

Serenata Messener

Post n°269 pubblicato il 03 Febbraio 2009 da Radiomansarda

Affacciati alla finestra,

amore mio...affacciati

alla finestra amore mio...

cosi canta Jovanotti stamattina...

mo'dico io,con sto freddo sta poveretta

si deve affacciare,..non la puoi telefonare,

che ne so un sms,messenger,skype,lo so

non e'la stessa cosa,pero'pure tu Lore'...nei tuoi

fianchi son le alpi nei tuoi seni dolomiti,

ma non mi dire che ti vedi con la moglie

di Messener?

Lui è impegnato con l'acqua.,e tu con la scusa della serenata

rap,fai il monello.

Vi raccomando,consumate quell'acqua cosi'Messener,

evita di far pubblicita'...

di conseguenza sta con la moglie con i fianchi

come le alpi.

Scusa Lore'.

 
 
 

Masse uniformi

Post n°268 pubblicato il 28 Gennaio 2009 da Radiomansarda

Un concetto,

passa dalla mente,

arriva con il suono della voce,

mentre la  forza si propaga come un vortice,

e il tempo inesorabile del movimento,

unisce masse uniformi armate ne'pensieri

accomunate dalla rete.

 
 
 

Un mobile fisso.

Post n°267 pubblicato il 22 Gennaio 2009 da Radiomansarda

Una cassettiera,con tanti cassetti,

alcuni chiusi,altri aperti.

Con le sue maniglie di ottone dorato,

intarsiata di madreperla,in stile liberty.

Poggiata li',lungo il corridoio della mente.

Il sapere,la ragione umana,tutto riposto nei cassetti.

Ogni qualvolta che tendo a riempirne uno,ne trovo altri.

Li conto e li riconto,ma aumentano sempre,

come un vortice inaresstabile.

Il sapere,la conoscenza,l'arte..tutto rinchiuso li.

A volte li apro,a volte li vuoto,a volte li chiudo.

La coscienza umana,

tutta li.

La felicità è sapere di averne alcuni disponibili

e la capacità di riempirli.

 
 
 

Senza Titolo.

Post n°266 pubblicato il 13 Gennaio 2009 da Radiomansarda

Vulev truva'

e parole cchiu bell,

pe te canta'staser.

Vulev piglia' e ciure cchiu frische,

pe te purta'sotto a fenestra.

Aggio vestut o core co'cappott cchiu'bell.,

l'aggio ditto ''và annanze tu,ca nun teng curaggie'',

e isso m'ha risposto purtannese a mano m'pietto

''Lassa stà,ce parlo io co suoie''.

A.L...rock your soul.

 
 
 

La mia Sera di Gennaio

Post n°265 pubblicato il 12 Gennaio 2009 da Radiomansarda

E'arrivata la sera,

con calma ha poggiato il suo mantello sulla città,

fatto di tante tonalità scure,

fatto di tanti piccole luci ricamate.

E'arrivata la sera,

il silenzio cala sulle case,sulle auto parcheggiate,

sulla neve ai marigini delle strade.

E'arrivata la sera,

il freddo prende posto dei raggi,

si posa nei meandri delle cose,

nelle mani di chi cammina lungo il suo percorso.

E'arrivata la sera,

c'e'chi ritrova il calore,chi le parole non dette,

chi il silenzio.

A.L.

 
 
 

Due in Uno

Post n°264 pubblicato il 06 Gennaio 2009 da Radiomansarda

Siamo il nodo

di un filo lunghissimo,

siamo l'incrocio,

di una strada trafficata,

dove le macchine sono le emozioni,

dove le luci sono i baci.

Siamo l'anello di una catena,

i pedali di una bici,

la corrente che corre lungo la radio

che canta.

Siamo la cornice del quadro,

l'inchiostro di una biro,

l'odore del pane in un panificio.

Siamo la luce generata

dal fuoco.

Siamo le orme di un bimbo

che corre nella neve,

le gocce in condensa sul parabrezza,

le pagine di un libro,

le matite piccole dell'astuccio

temperate oltre il limite,

ma tenute con amore.

Siamo i remi di una barca,

le scarpe dell'artista,

i ricordi dei bambini.

Noi due,

nel plurale delle cose,

la nostra singolarità,

nell'essere uniti,

in una singola

entità.

A.L.

 
 
 

Il Mio Mare

Post n°263 pubblicato il 06 Gennaio 2009 da Radiomansarda

Ero nel profondo

immerso nell'oceano,

tra il silenzio e il blù

che dominavano gli abbissi.

Ero li,seduto su una cima

una cima sommersa dall'acqua,

da li vedevo ancora piu'giu',

da li sentivo di lasciarmi andare,

fare un salto nel profondo,

nel silenzio.

Ma la luce che filtrava dall'alto

era un gioco di ombre sulle mie mani.

Il salto nel vuoto capovolto

fu forza nelle mie gambe,

l'energia tra le masse,

di un piccolo individuo.

Un viaggio lunghissimo,

a testa alta verso il blù più chiaro.

Una stella cadente inversa,

che dal giu'va nel cielo,

fino a toccare la luce,

che riscalda in superficie,

cosi i miei occhi,

si aprirono a quei raggi,

e l'aria divento'pane.

Aprii le braccia per sentire

quel mondo sommerso,

quella nuova vita.

Che mi sorprende,

ogni qualvolta sei tra

le mie mani,tu che

sei la terra asciutta,

l'erba dei campi,

il profumo di primavera,

il suono di una campana.

A.L

 
 
 

Sensazioni

Post n°262 pubblicato il 02 Gennaio 2009 da Radiomansarda

Mi hai coperto,

durante il crepuscolo,

ho sentito le tue mani,

il calore del gesto.

Ho continuato a dormire,

sentendo che c'eri

ho continuato a sognare,

sentendoti respirare,

ho continuato a volare

restandoti di fianco.

 
 
 

Il cielo negli occhi..

Post n°261 pubblicato il 24 Dicembre 2008 da Radiomansarda

Stasera hai visto le stelle,

nel tuo cielo,in questa fredda serata d'inverno,

le hai viste con i tuoi occhi,

ammirandole tenendo il mento alzato.

Io le vedo quando tu sei cosi,

perche'quando ti guardo,

il cielo si capovolge nei tuoi occhi,

e tu le vedi nei miei,

e io nei tuoi.

(A te,che sei,la stella dei miei occhi).

A.L

 
 
 

Disegno n.1 (Contorni)

Post n°260 pubblicato il 22 Dicembre 2008 da Radiomansarda

Ho disegnato un cerchio,

dal contorno sottile.

Chiudendo in esso,

il passato più ostile,

col nero piu'buio

e col tratto deciso,

ho lasciato attorno

l'ombra del mio viso.

A.L

 
 
 

Da un altra stanza

Post n°259 pubblicato il 21 Dicembre 2008 da Radiomansarda

di la,

in quella stanza,

i suoni filtrati si mescolano con la musica,

di qua,tutto è fermo,

se non arrivi.

E ti aspetto,

scrivo un po',penso...sogno,

intanto tu di la,ti asciughi i capelli.

Ciao teso',tvb.

E intanto ti aspetto,con calma....

Un bacio grande.

A.L

P.s. Lascio questa finestra aperta per fartela leggere....un messaggio per te,mentre siamo ancora vicini.....gia'mi manchi....

 
 
 

Don Antonio e il parcheggio.

Post n°258 pubblicato il 18 Dicembre 2008 da Radiomansarda

Ah,questi parcheggi in doppia fila,

ah,....e poi ti fan perdere anche del tempo,

sicuramente non sapevano di Don Antonio,

ma glielo spiegheremo nun te preoccupa'.

(Cagnolino che ride).

 
 
 

A Novembre....chiudiamo.

Post n°257 pubblicato il 16 Dicembre 2008 da Radiomansarda
Foto di Radiomansarda

A novembre,a novembre..che due palle,

speriamo che non ne faccia un altra a dicembre....

Novembre è passato,ormai e'scaduta,

ma ci segue dappertutto,

in macchina quando accendi l'autoradio,

nell'ufficio,in palestra,nel negozio

mentre ti provi il jeans in camerino,

e ti s'incastra la zip e cominci a sudare,

e ti viene un nervoso,che vorresti urlare

''Stut chella radio,ve voglio bben,fateme stu piacere''.

Vi supplico,deejay di tutta Italia che lavorate nelle radio,

fateci sto favore,e fatevelo pure voi,tanto lo sappiamo che

neanche voi ce la fate...

Ridateci la buona musica,

guardate mi voglio far del male,

pure Zarrillo va bene.

RADIOMANSARDA LA RADIO

CHE CHIUDE A NOVEMBRE

E RIAPRE A DICEMBRE

BUONA MUSICA?

SEMPRE...

 
 
 

Il mio abbraccio

Post n°256 pubblicato il 16 Dicembre 2008 da Radiomansarda

dolci parole solo per te,

dolci parole solo per te,

all'ombra delle torri

nel centro di bologna,

vidi nei tuoi occhi,

la bellezza di chi sogna...

mi manchi,

oggi come ieri,

come domani,

come sempre.

Ciao Stelli'....

 
 
 

Natura umana

Post n°255 pubblicato il 14 Dicembre 2008 da Radiomansarda

Sono pioggia che cade,

che bagna la terra,

che bagna le radici di alberi,

radici profonde.

Sei luce che scalda,

che arriva nei posti piu'nascosti.

Sono mare che s'infrange,

lungo le coste deserte,

terre al cielo aperte,

luoghi sconfinati.

Sei vento che soffia,

che tutto muove,

portandosi via lacrime,

nostalgia,di chi si commuove.

 
 
 

La mia tela in versi

Post n°254 pubblicato il 12 Dicembre 2008 da Radiomansarda
Foto di Radiomansarda

Era tutto nella tela,

ma qualcosa continuava all'esterno,

una linea,un pensiero,sospeso da un filo,

attaccato alla vita,

attaccato al tempo che passa,

e che nel quadro si arrende,

fermandosi,congelando gli attimi,

le emozioni,gli stati d'animo.

Non so cosa mi ha preso la mano,

cosa l'ha condotta,cosa l'ha spinta.

Nei tratti,nei gesti,nel modo di guardare,

di sentire,di difendersi.

Ho trovato i tuoi tratti

bagnando il colore nella semplicità,

ho trovato i tuoi grandi occhi,

bagnando il pennello nel cielo di notte,

cosparso di frammenti di stelle,

colmi di luce cristallina,

che solo i tuoi san dare.

 
 
 

bo

Post n°253 pubblicato il 11 Dicembre 2008 da Radiomansarda

Ciao Blog,

è da tanto che non parlo con te,

lo so,questo periodo sono altrove,

ma credo che tu ne sei contento,

pure perchè scrivo piu'cose,

e tu diventi sempre piu'grande.

E'Giangi?L'hai visto?Io si,era lunedi,

poi niente..buio..silenzio....

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: Radiomansarda
Data di creazione: 27/06/2007
 

PICCOLOLOK

 

Myself

 

GIANGI78

             

Giangi78

 

ULTIMI COMMENTI