AELLE62

DIOGENE CAMMINAVA CERCANDO L'UOMO, IO....

 

MUSIC

 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« UN REGALO PER TE!!!UNO SCEMPIO CHIAMATO OSIGLIA »

R E N A T O

Post n°408 pubblicato il 13 Maggio 2012 da aelle62
 

 

                                                       A te

 

Sono passati ormai 22 anni da quando abbandonai la mia terra, amici, la radio, insomma tutto ciò che era mio e mi ero costruito in 28 anni di vita vissuta, spinto da una grande delusione una rabbia incontrollabile che mi portarono a quasi 900 km di distanza dal mio paese.

Arrivai ad Albenga dove vivevano alcuni miei parenti e la prima fermata la feci alla tua edicola. Eri li con tua moglie Paola e all'improvviso sono apparso io. Tra stupore misto a gioia mi avete abbracciato  e dopo aver ascoltato la mia storia il vostro sorriso divenne serio.

 

Non sapevo cosa fare, non avevo dove andare, ma tu Renato senza neanche pensarci su mi hai accolto in casa tua con l'approvazione di tua moglie e per quasi due mesi avete avuto quasi un altro figlio. Spesso venivo a vederti quando giocavi a biliardo, il tuo sport preferito e nel quale eri un vero asso.

 

Tutti i giorni venivo con te in caserma dov'eri il fotografo ufficiale e ti aiutavo. Grazie a te trovai il mio primo lavoro come consegnatario di elenchi telefonici. Sempre grazie a te poi un secondo lavoro come lavapiatti ed aiuto cucina.

 

Ma è grazie a te e al tuo buon cuore che una nuova vita potè iniziare per me e questo non lo dimenticherò mai.

 

Tu persona sempre gentile e di cuore con tutti. Tu uomo dall'umanità grande. Tu giocherellone come pochi e di sana e divertente compagnia. Tu...Renato, sei stato per i miei primi tempi una buona guida e devo a te che mi portasti sul trampolino se oggi ho una famiglia ed un lavoro e soprattutto non ho preso brutte strade.

 

Varcando quella porta circondata da un silenzio rotto solo dal pianto, oggi ho dovuto vederti e salutarti li perché hai intrapreso l'ultimo viaggio. Il mio piangere forse parlava o forse ti diceva Ciao Renato, grazie di tutto quello che hai fatto e sei stato per me. C'era un vento forte che faceva ondeggiare gli alberi che sembravano tante mani che salutavano un uomo buono che partiva per il non ritorno.

 

Potrei scriverti ancora tanto Renato ma mi tremano le mani e le lacrime non mi fanno più vedere i tasti. Allora ti saluto con un arrivederci perché son sicuro che un giorno ti rincontrerò e visto che dove andrai ci sono anche i miei genitori allora ti chiedo di abbracciarli per me.

 

Ti voglio bene Renato, tu che per me sei stato una delle poche ma veramente importanti persone della mia vita. Spero il tuo viaggio sia sereno come sereno e sincero era il tuo cuore verso tutti.

 

                                                                 ANTONIO

 

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: aelle62
Data di creazione: 08/07/2007
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gbe1vulnerabile14isryOxumare81rodiewalters.tecnicanonnalella1Bikerdarioflavio2015lubopovirgola_dfobiwan78brucewill30giacomo.colombanoto_revive
 

SON PRIGIONIERO DI...

 

A COME...