**TEST**
Creato da hoppipolla_sigurros il 28/03/2007

Hoppipolla

Blog dedicato ai Sigur Ros, Band islandese

 

 

 
 

Esce "Go", il disco solista di Jonsi!

Post n°107 pubblicato il 19 Dicembre 2009 da hoppipolla_sigurros

Si chiamerà "Go", il primo disco da solista di Jon Thor Birgisson, frontman dei Sigur Ros ed uscirà il 22 marzo 2010, che per l'occasione sarà pubblicato col nome di "Jonsi" e sarà preceduto dal singolo "Boy Lilikoi".

Il brano sarà disponibile gratuitamente sul sito ufficiale di Jonsi, che il prossimo anno dovrebbe partire con un tour mondiale. In una recente intervista Jonsi ha detto che alcune dei suoi brani erano troppo differenti dallo stile "Sigur Ros", già per il fatto di essere in lingua inglese.

Il cantante islandese si avvarrà di una serie di personalità nel suo nuovo lavoro, come Nico Muhly - che è apparso in passato negli album di Bjork e Grizzly Bear - ai fiati e agli ottoni e al percussionista Samuli Kosminen, oltre ad Alex Somers e Peter Katis.

Questa la tracklist di "Go":

Go Do
Animal Arithmetic
Tornado
Boy Lilikoi
Sinking Friendships
Kolnidur
Around Us
Grow Till Tall
Hengilas

 
 
 

Sigur Ros: The Boys Are Back

Post n°106 pubblicato il 24 Novembre 2009 da hoppipolla_sigurros

The Boys Are Back è il titolo di un film inglese la cui uscita è programmata per il prossimi anno e la cui colonna sonora contiene musiche dei Sigur Ros.

La musica della band islandese ben si presta alla celluloide; già in passato loro brani sono finiti nelle colonne sonore di film come Vanilla Sky, Penelope ed in alcuni documentari Disney, come Earth.

The Boys Are Back è diretto da Scott Hicks (Shine) e ha come protagonista Clive Owen; della colonna sonora fanno parte ben sette tracce dei Sigur Ros e una del side-project di Jonsi, Riceboy Sleeps.

I Sigur Ros stessi hanno dato l'approvazione all'uso della loro musica dove aver visionato il film e hanno partecipato direttamente alla scelta di alcune tracce e al successivo editing per l'adattamento alle imamgini. In tutto i brani dei Sigur Ros nella colonna sonora del film sono sette: Illgresi, Festival, Fljótavík, Straumnes, Ara Bátur, Inní mér syngur vitleysingur e Samskeyti, in più ce n'è un altro di Jonsi & Alex, Indian Summer.

Scott Hicks, regista del film, ha detto al blog islandese Islandasulloschermo :

"Inizialmente, ho usato le loro canzoni temporaneamente, ma andando avanti con il montaggio, ho capito che le loro canzioni erano perfette per questo film, così ho deciso di avvicinare la band direttamente, per chiedere loro la licenza sulla loro musica. Ero stato avvisato che Jonsi&Company sono estremamente pignoli sul fatto di usare la loro musica sui film, ma sono andato personalmente in Islanda per fargli vedere il film, e loro lo hanno semplicemente amato!"

I Sigur Ros sono al lavoro per la composizione di un nuovo album, che non è ancora chiaro se precederà o seguirà una nuova uscita solista di Jonsi Bergisson, il cantante del gruppo, né tanto meno quando uscirà.

 
 
 

Jnsi in un periodo di superlavoro!

Post n°105 pubblicato il 16 Luglio 2009 da Urbe_immortale

Jònsi e Alex: magari sono chiusi in qualche paesino islandese a comporre insieme le loro melodie. Il loro disco comunque, il disco dei  Riceboy Sleeps, si sa che non è un capolavoro firmato Sigur Rós.

Riceboy Sleeps, come la scelta del nome, è qualcosa di intimo. Un regalo fatto ai fans o ai più sensibili. In un senso lato, più lacrimeggiante, si stanno dando entrambi, Jónsi e Alex, a noi. Ci danno un'intimità che è la loro e loro soltanto. Ma lo fanno.

Ne escono voci e richiami nello stile dei Sigur Ròs, nulla che aggiunga o tolga alcun che a livello musicale. Sarà questa malinconia ma qualcosa di diverso si percepisce o voglio si percepisca. 

Rallegriamoci dell'attività incessante di Jónsi impegnato, oltre che in questo proggetto con il compagno, anche con l'uscita del nuovo disco dei Sigur Rós e un progetto interamente da solista che lo vede collaborare con i Grizzly Bear e il produttore di Björk.

 
 
 

Anche Harry Potter adora i Sigur Rs!

Post n°104 pubblicato il 16 Luglio 2009 da Urbe_immortale

Daniel Radcliffe e Harry Potter. Sono 10 anni che il primo impersona il secondo, e sono ormai per il pubblico difficili da separare. "Harry ha la mia timidezza, il mio sguardo sempre triste, le mie occhiaie - dichiara Daniel Radcliffe al settimanale Oggi - siamo cresciuti insieme, ma ho sempre cercato di tenerlo separato da me. Io sono Daniel, Harry è il personaggio che ho interpretato". Certo non brilla per la sua gratitudine colui che grazie al maghetto di J.K. Rowling è diventato il secondo adolescente più ricco d'Inghilterra, secondo solo al principe William.
Da bambino qualsiasi e impacciato "Ricordo che non mi piaceva la scuola ed ero un bambino normalissimo", dopo il primo film ha avuto difficoltà ad abituarsi alla vita dell'attore di successo "L'inizio fu traumatico. Ricordo una ragazzina che mi si palesò davanti vestita solo con gli slip, durante la promozione del primo film!". Crescendo, è rimasto per un po' il ragazzo timido e imbranato che tutti conosciamo ("La scena del bacio l'abbiamo rifatta 30 volte, colpa della mia inesperienza!), ma ora le cose sono cambiate. Daniel si atteggia a uomo vissuto e al di sopra delle sue schiere di fan: "Mi piacciono le donne più grandi: la mia donna ideale è Sophie Dahl, la modella!...è che le mie coetanee sono tutte prese da questioni come lo shopping, che a me non interessano".
RECITARE NUDI - Anche a livello professionale, ha fatto una scelta fuori dalla norma, scegliendo per la sua prima apparizione su di un palco teatrale un'opera indipendente e attira-polemiche, dove appare anche nudo in qualche scena. "Harry mi ha fatto fare delle scelte estreme, come Equus: una pièce scandalo, e non solo per le scene in cui recitavo nudo (si parla di sesso con i cavalli). Non posso dire che sia stato facile. Spogliarmi in pubblico mi imbarazzava". Una scelta quindi sofferta, ma che Daniel ha deciso di accettare per togliersi di dosso l'immagine di maghetto, adottando subito quella di intellettuale provocatore, un attore "serio": "Volevo dimostrare di essere un attore: come tale, se la parte mi dice che devo spogliarmi, o fumare lo faccio", un ragazzo colto, che durante l'intervista cita Cechov e dichiara che il suo gruppo preferito sono i Sigur Ros, un ragazzo senza grilli per la testa "Oggi mi ritrovo con una casa normalissima, qualche quadro, una macchina, investimenti in fondi a basso rischio". Dichiara di dovere ciò ai suoi genitori e alla sua città, criticando con l'occasione lo star system americano ("i bambini a Hollywood sono attori da sfruttare"). Forse fra i due quello più simpatico rimane Harry.

 
 
 

Anche Dave Gahan elogia i Sigur Rs!

Post n°103 pubblicato il 16 Giugno 2009 da hoppipolla_sigurros

Un altro artista di fama mondiale, ha parole di elogio per i Sigur Ròs!

I Depeche Mode sono sbarcati in Italia per i due concerti del «Tour of the Universe», stasera a Roma e giovedì a Milano. E Dave Gahan è tornato anche a parlare, dopo il ricovero dello scorso mese quando si è molto temuto molto per la sua salute quanto per l'ipotesi di uno stop definitivo del Tour of the Universe. Dave è stato operato d'urgenza per un tumore alla prostata, ed ora appare in ottima salute, ed i Depeche sono pronti per le date italiane. Il palco di Roma, al termine del concerto, resterà poi ancora qualche giorno sul prato dell'Olimpico per essere a disposizione del concerto-evento Corale per l'Abruzzo.

«La gioia più grande non è vincere, ma rialzarsi dopo la caduta e recuperare il terreno perduto con più forza di prima - dice Dave Gahan appena sbarcato in Italia - La gioia più grande non è riempire gli stadi ma battere la malattia e salire ancora sul palco per farsi osannare dalla folla».

Nella sua ormai trentennale carriera, Dave Gahan aveva già toccato più di una volta il fondo. Come quando tentò il suicidio ai tempi di «Songs of faith and devotion» e fu riportato alla vita per i capelli. O come quando si distrusse salute e reputazione con gli eccessi di alcol e la dipendenza dalle droghe. Questa volta, però, il rintocco del destino aveva suonato la sua prepotente ineluttabilità. Il mese scorso, nei camerini prima del concerto di Atene, il leader dei Depeche Mode si è sentito male. I medici hanno diagnosticato una gastroenterite e ordinato il ricovero in ospedale. Ulteriori controlli hanno poi svelato la verità. Il cantante era affetto da un tumore maligno alla vescica. Sebbene fosse di grado basso, era necessario l'intervento chirurgico.

Gahan è stato operato d'urgenza e il «Tour of the Universe» ha dovuto subire più d'una battuta d'arresto. Per la cronaca sono state cancellate in tutto dodici date. Nel periodo della convalescenza i Depeche Mode avrebbero dovuto suonare in Turchia, Romania, Bulgaria, Serbia e Croazia. Niente da fare. L'intervento chirurgico era perfettamente riuscito ma i medici ordinavano il riposo assoluto. Da quel 12 maggio ad Atene è passato poco più di un mese. Dave Gahan è tornato a cantare con Martin Gore e Andrew Fletcher. Il loro ritorno insieme in Germania, lo scorso 8 giugno. «Sono grato ai fan che hanno manifestato il loro supporto e grato alla mia famiglia, amici e medici che si sono occupati così bene di me. Tornare sul palco è una sensazione incredibile e attendo con felicità ogni singolo show che faremo».

Davanti al microfono del Zentral Stadium di Lipsia Dave Gahan guardava negli occhi cinquantamila persone ma si rivolgeva a tutto il mondo. Si rivolgeva anche a chi stasera sarà sugli spalti e sul campo dello Stadio Olimpico di Roma per assistere alla prima delle due tappe italiane della tournée. Più di due ore di live per presentare i brani del recente lavoro in studio «Sounds of the Universe». Tredici canzoni che certamente non mancheranno dalla scaletta di domani. Anticipato dal singolo «Wrong», il cd si presenta come una summa dei suoni e delle atmosfere anni Ottanta, cui tanto deve il trio britannico. Si torna a respirare aria di sintetizzatori analogici e drum machine, in un'apoteosi di melodia e humour nero. «In Chains», «Hole to Feed», «Wrong», «Fragile Tension», «Little Soul», «In Sympathy», «Peace», «Come Back», «Spacewalker», «Perfect», «Miles Away/The Truth Is», «Jezebel» e «Corrupt». Sotto i riflettori ci saranno tutte. I neofiti potranno gustare la potenza evocativa dei nuovi brani, trascinati dalla clip di «Wrong», uno dei video musicali più interessanti degli ultimi mesi. Ma i fan di vecchia data non dovranno disperare, perchè la scaletta non lascerà a bocca asciutta gli amanti delle produzioni più datate. «Enjoy the silence», «Personal Jesus», «Master and Servant», «Shake the disease», «Everything Counts», «Get the balance right», «Never let me down again» e «Precious».

Dave Gahan poi, parla anche dell'ultimo loro lavoro, il remix di "Come back" che compare sull'ultimo loro disco e del quale se ne è occupato Jónsi Birgisson dei Sigur Ròs: «E' stato un grande onore per me e per i Depeche tutti che Jónsi si sia occupato del remix di un nostro brano! Ha fatto un lavoro stupendo, degno di quel genio della musica che lui è. Personalmente io adoro la sua musica ed adoro il suo gruppo. Credo di non dire una sciocchezza nell'affermare che i Sigur Ròs sono la migliore band del mondo, la più geniale. Loro non fanno musica, loro compongono delle soavi melodie che più che al mondo della musica appartengono al mondo della poesia e dell'arte. Spesso mi arriva l'ispirazione nel comporre la musica di un pezzo lento dopo aver sentito uno dei loro capolavori musicali. E pensate, che dopo l'intervento chirurgico, quando mi sono risvegliato, ho chiesto alle infermiere di poter ascoltare della musica in camera ed ho detto a Martin, che era lì in camera per vedere come stavo, di mettermi "Untitled", un loro lavoro del 2002. Il giorno dopo, il chirurgo che mi aveva operato ha sentito la loro musica mentre mi visitava, e da allora quando opera pretende di avere la musica dei Sigur Ròs come sottofondo!»

 
 
 

Le Amina in Italia per 4 concerti

Post n°102 pubblicato il 16 Giugno 2009 da hoppipolla_sigurros

Torna in Italia la sezione d'archi che accompagna dal vivo i Sigur Ros. Le Amiina saranno da noi tra poco per 4 concerti.

La band islandese si esibirà sabato 20 giugno a Villa Bardini a Firenze, lunedì 22 al Teatro Rasi di Ravenna, mercoledì 24 al Circolo degli Artisti di Roma e venerdì in un 'concerto segreto' a Milano.

I prezzi d'ingresso: Firenze 10-20 euro (a seconda del posto scelto), Ravenna 10 euro, Roma 8 euro, Milano segreto come la location.

 
 
 

Sigur Rs per il Dalai Lama

Post n°101 pubblicato il 16 Giugno 2009 da hoppipolla_sigurros

Lo scorso 2 giugno a Reykjavík i Sigur Ròs hanno suonato per il Dalai Lama, senza Jònsi però perchè impegnato con il suo album solista a Londra.

Oltre a loro sul palco si sono esibiti Steindór Andersen, Hilmar örn Hilmarsson e María Huld Markan. Ovviamente è stato un concerto sold out!

 
 
 

Ancora notizie sul prossimo album dei Sigur Rs!

Post n°100 pubblicato il 16 Giugno 2009 da hoppipolla_sigurros

Oltre ai Riceboy sleeps e al progetto da solista di Jonsi, ecco che spunta la notizia che i Sigur Ròs sono stati in studio nelle ultime settimane per la registrazione del loro prossimo album.

Orri ha affermato che il disco dovrebbe essere più ambient rispetto agli ultimi due lavori.

La data di uscita ovviamente non esiste ancora, ma si parla di “una qualche data” del 2010.

 
 
 

Album solista per Jonsi!

Post n°99 pubblicato il 27 Maggio 2009 da hoppipolla_sigurros

Abbiamo sentito dell'imminente pubblicazione dell'album strumentale di Jón Þór Birgisson insieme al fidanzato Alex Somers (21 giugno), ma ora Jonsi sembra stia pensando ad un LP tutto solo.

Lo afferma il produttore Peter Katis che dovrebbe essere colui che si occuperà di questa "sorta di disco solista": "Sarà in gran parte basato sulla chitarra acustica ma con molti interventi di archi. Non c'entra nulla coi Riceboy Sleeps, quella è un'altra cosa."

Katis e Jonsi dovrebbero entrare in studio a breve insieme a Nico Muhly, arrangiatore orchestrale conosciuto per il lavoro con Björk, Antony And The Johnsons e Grizzly Bear.

 
 
 

Jons remixa un brano dei Depeche Mode!

Post n°98 pubblicato il 20 Maggio 2009 da Urbe_immortale

Jònsi si occuperà del remix di Come back che compare sul nuovo disco dei Depeche Mode “Sounds of the universe”.

 
 
 

Sigur Rs in studio!

Post n°97 pubblicato il 20 Maggio 2009 da Urbe_immortale

Una buonissima notizia! I Sigur Ròs sono tornati in studio per ultimare dei pezzi iniziati due anni fa e mai terminati!

Non si sa se saranno parte di un nuovo disco o qualcos’altro,  ma almeno possiamo iniziare l’attesa!

 
 
 

Sigur Rs a La Blogotheque de Paris! Vi spilum endalaust

Post n°96 pubblicato il 04 Aprile 2009 da hoppipolla_sigurros

 

 

 

 
 
 

Virar Vel Til Loftrsa

Post n°95 pubblicato il 21 Marzo 2009 da Urbe_immortale

Ég Læt Mig Líða Áfram
Í Gegnum Hausinn
(Hugsa) Hálfa Leið
Afturábak
Sé Sjálfan Mig Syngja Sem

Fagnaðarerindið Við Sömdum Saman tyooo...
Við Áttum Okkur Draum
Áttum Allt
Við Riðum Heimsendi
Við Riðum Leitandi
Klifruðum Skýjakljúfa
Sem Síðar Sprungu Upp
Friðurinn Úti
Ég Lek Jafnvægi
Ég Dett Niður
Ég Læt Mig Líða Áfram
Í Gegnum Hausinn
Ég Kem Alltaf Niður Aftur Á Sama Stað
Alger Þögn
Ekkert Svar
(En) Það Besta Sem Guð Hefur Skapað
Er Nýr Dagur

 
 
 

Nuovo cd di Jonsi in estate

Post n°94 pubblicato il 17 Marzo 2009 da hoppipolla_sigurros

Uscirà un estate un nuovo lavoro non proprio dei Sigur Ròs, ma dei Riceboy Sleeps.

Chi sono? Vi chiederete! Trattasi di Jonsi ed il suo ragazzo Alex che in questo momento sono alle Hawaii per ultimare il disco.

 
 
 
Successivi »
 

" .. Ég er kominn áftur , inn i þig -

Sono di nuovo qui, dentro di te ..  "

 

 

E' difficile dire se il mondo in cui viviamo è sogno o realtà.

immagine

Curo le foglie, saranno forti se riesco ad ignorare che gli alberi son morti...

 

SIGUR ROS FERRARA 2006

 

 

SIGUR RS IN SWAZILAND

VANILLA SKY SOUNDTRACK

 

 

HOPPIPOLLA

E' mai possibile provare delle emozioni fortissime ascoltando una canzone di cui non si comprende nemmeno il senso?

A me succede con i Sigur Ros. Di norma d molta importanza al messaggio che una canzone vuole trasmettere, alle parole del testo...ma con i Sigr Ros tutto diverso.

La loro musica ti avvolge e ti trascina in un vortice di suoni armoniosi. Dove viene inserito il pianoforte, c' sempre un particolare effetto suggestivo. Forse il pianoforte l'unico strumento che riesce a mantenere una certa autonomia e a scandire i ritmi; tutto il resto si fonde, si dilata. Il tutto crea un'atmosfera annebbiata, offuscata, in cuinulla percettibile. Senza dubbiola loro musica non di facile ascolto, ma capace di avvolgere chiunque con il suo suono dirompente e inaspettato. Le melodie dei Sigur Ros riescono ad entrare dritte nel mio cuore.

ComeHoppipolla: una favola fatta canzone, una delle poche melodie capace di far sognare ad occhi aperti!

 

VIDEO DI HOPPIPOLLA LIVE IN OLANDA

immagine

 

SAEGLOPUR

 

VAKA

 

VIRAR VEL TIL LOFTRSA

 

immagine

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ianniellodariowaternoegeometrabonifacioarabefede97leoBarbaraDonzellaDevilJuliomichelesinisi2010nembomaevioChiaraZanini95andre_alemannoadore1998daniele.dellortosaradewittfederico.sembenelli
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom