IGNOTA VERITAS

MISTERI - ENIGMI - RIVELAZIONI

 
 

TAG

 

UN VANGELO SPIRITUALE

Gesù disse: "Colui che cerca, non smetta di cercare finchè non trova e quando troverà sarà commosso e quando sarà commosso contemplerà  e  regnerà  su  tutto"    Vangelo di Tommaso

  

 

LA PORTA ALCHEMICA

La Porta Alchemica, detta anche Porta Magica o Porta Ermetica o Porta dei Cieli, è un monumento edificato tra il 1655 e il 1680 da Massimiliano Palombara marchese di Pietraforte (1614-1680) nella sua residenza, villa Palombara, sita nella campagna orientale di Roma sul colle Esquilino. La villa che ora non esiste più, si trovava vicino piazza Vittorio, dove oggi è stata collocata la strana porta. La Porta Alchemica è l'unica sopravvissuta delle cinque porte di villa Palombara, sull'arco della porta perduta sul lato opposto vi era un iscrizione che permette di datarla al 1680, inoltre vi erano altre quattro iscrizioni perdute sui muri della palazzina all'interno della villa.

 

AFFRESCO CON CAVALIERI CROCIATI A CLERMONT

 

PASTORI IN ARCADIA DI N. POUSSIN.

 

L'ULTIMA CENA,DI LEONARDO DA VINCI

 
 

CHI E'?

 

MARIA MADDALENA, ATTRIBUITO A LEONARDO DA VINCI

 

SAN MICHELE ARCANGELO

 

MADONNA DEL PILERIO, COSENZA

 

LA DEA ISIDE CHE ALLATTA HORUS

 
Questo blog non è a scopo di lucro, le immagini e il contenuto degli articoli presenti, sono dei rispettivi proprietari.
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 21
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

 

« Croce druidicaI Miracoli 1° parte »

Maria Maddalena

Post n°39 pubblicato il 23 Dicembre 2008 da AlessioFerrazzoli
 

Non temete non sono scomparso, è stato soltanto lo studio che mi ha portato via molto tempo, ma adesso finalmente sono qui per farvi un breve resoconto del convegno dello scorso 23 novembre "Maria Maddalena l'apostola degli apostoli" del quale sono stato uno dei relatori. L'argomento come potete ben capire è molto controverso, l'affluenza delle persone è stata comunque buona ed i partecipanti (circa 30 persone) si sono dimostrati molto interessati. L'analisi degli antichi manoscritti (Vangeli canonici e apocrifi) che è stata affrontata durante il convegno ha visto emergere la  figura di Maria Maddalena come guida spirituale di primaria grandezza. Dalle antiche leggende medievali si è potuto constatare come Maria Maddalena fosse stata innalzata a grande Santa, eremita, asceta e predicatrice, in quel periodo fu venerata dalle masse popolari di tutta Europa e la Chiesa si adeguò nel favorire questa devozione, spargendo presunte reliquie appartenenti alla Santa in moltissime chiese europee. Ma chi era veramente Maria Maddalena? Molte ipotesi sono state formulate da altrettanti studiosi e biblisti di fama mondiale. Adesso vi propongo un breve estratto del mio intervento: "Maria Maddalena da sempre affascina teologi, storici e studiosi delle religioni e da sempre è fonte di polemiche e di controversie. In questi ultimi anni è stato scritto moltissimo riguardo a Maria Maddalena e sull’onda del Codice da Vinci, sono stati diffusi moltissimi testi sul Santo Graal e Maria Maddalena e su tutti i presunti misteri a lei collegati. Perché “il Codice da Vinci” di Dan Brown ha avuto un così grande successo di pubblico? Probabilmente perché, i complotti, i misteri, l’occultamento da parte della Chiesa di antiche verità, il volto nascosto di Dio, cioè l’unione sacra tra l’uomo e la donna, il cui culto si perde nella notte dei tempi, sono certamente gli ingredienti adatti per un romanzo di successo. Se vogliamo dare un merito a Dan Brown, è quello di aver riportato alla ribalta la figura di Maria Maddalena. Da quei pochi versi presenti nei Vangeli canonici e nei pochi e frammentari vangeli apocrifi. Maria Maddalena risulta una seguace di Gesù e a Lui molto vicina. L'immagine che viene fuori dai Vangeli canonici sembra offuscata, nascosta dalla preponderante presenza degli apostoli, tranne per il fatto che Maria Maddalena sia stata la diretta testimone della resurrezione di Gesù e colei che annuciò agli apostoli questa grandiosa notizia. Questa testimonianza le fece guadagnare il titolo di "Apostola degli apostoli". La Maddalena che emerge dai vangeli apocrfi è invece una figura importante, un leader spirituale di primaria grandezza. Analizziamo adesso il Vangelo di Maria; si tratta di uno scritto gnostico che fu rinvenuto nel cosiddetto Papiro 8502 di Berlino, di cui si hanno notizie dal 1896, ma che fu pubblicato solo nel 1955. La Maria a cui è attribuito è Maria Maddalena. Questo scritto attribuisce una importanza fondamentale alla figura di Maria Maddalena, come discepolo che Gesù avrebbe anteposto persino ai suoi apostoli maschi.  Il Vangelo gnostico di Maria, è un’antico manoscritto copto, e né esiste soltanto una copia frammentaria. Il frammento si compone di due parti: nella prima Gesù risorto risponde alle domande degli apostoli e affida loro la missione della predicazione del Vangelo, mentre la seconda si apre con l'intervento di Pietro affinché Maria Maddalena riveli le parole dette a lei da Gesù.Maria Maddalena potrebbe essere stata uno dei discepoli di Gesù,  un leader spirituale e comunque una donna molto vicina a Gesù, tanto da finanziare il nascente movimento cristiano con i suoi beni. (Lc 8, 2-3) La figura di Maria Maddalena ha subito numerose manipolazioni, il ruolo di “peccatrice redenta” con il quale è stata identificata dalla Chiesa per quasi 1.500 anni è stato utilizzato per  promuovere la penitenza e quindi la richiesta di remissione dei peccati  di cui la Chiesa si propone come intermediaria verso Dio e per contrapporre Maria Maddalena alla Vergine Maria madre di Gesù, che è invece caratterizzata dalla purezza, dall’assenza di peccato. Maria Maddalena fu presto destituita dal suo ruolo originario di discepola e di depositaria degli insegnamenti di Gesù o di “apostola degli apostoli”, appellativo che Maria Maddalena si guadagnò perché fu la prima testimone della resurrezione di Gesù e che annunziò questo evento agli apostoli. (Gv 20, 11-18 Mt 28, 9-10 Mc 16, 9-11)  La Maddalena è sempre stata fonte di agitazioni per la cristianità, è una figura controversa che ha originato numerose e assai differenti interpretazioni teologiche. Nel convegno si è anche affrontata la religione primordiale, il culto femminile della grande madre, partendo da una affermazione forte ma vera: in principio Dio era donna e sono moltissimi gli archeologi e gli studiosi che hanno confermato questo assunto. La Dea Madre ed i culti a lei legati, hanno caratterizzato  la storia della spiritualità umana. Questi culti affondano le loro radici nel periodo preistorico e si sono diffusi tramite le cultura assiro-babilonese, egiziana, romana e nel nord Europa dai Celti e dai popoli nordici. Ma di questo ne parlerò in un altro post. Come scrive il Dott. Mario Arturo Iannaccone nel suo libro "Maria Maddalena e la Dea dell'ombra" "E' sotto gli occhi di tutti, la Maria Maddalena, santa e asceta, della tradizione cristiana viene oggi insidiata, soprattutto nella cultura popolare, da un'altra Maddalena, una nuova Maddalena, di volta in volta strega, sacerdotessa, iniziata a grandi segreti, associata alla Dea Madre, alle Madonne Nere, alla sophia gnostica, al femminino sacro, alla neostregoneria e al  matrircato."[1]  

La Maria Maddalena che è emersa dal convegno è una grande Santa, un guida spirituale di primaria grandezza, un'icona femminile universale dotata di grandissima carica spirituale e soprattutto una Maria Maddalena tutta nuova e non convenzionale. Questa figura ci indica una  strada spirituale diversa, un'alternativa alle offerte spirituali delle religioni convenzionali che in questo secolo non attraversano un buon momento. L'umanità risente di questa mancanza spirituale e corre verso nuove alternative, abbandonando le religioni istituzionali perchè  spesso chiuse, introverse e rissose tra loro. Che la riscoperta di figure come Maria Maddalena possa illuminare sempre la nostra vita. 

1] Mario Arturo Iannaccone, Maria Maddalena e la Dea dell'Ombra, Sugarco Edizioni  

 
Rispondi al commento:
AlessioFerrazzoli
AlessioFerrazzoli il 15/01/09 alle 16:11 via WEB
Cara sofia38, la Maddalena non era affatto una prostituta e quindi non aveva nulla di che pentirsi. Oggi il relativismo è il pensiero dominante, quindi le risposte a certe domande cerchiamo di darcele da soli e come meglio crediamo.Grazie del commento. Un saluto e a presto. Alessio
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: AlessioFerrazzoli
Data di creazione: 25/11/2007
 

TORRE MAGDALA, RENNES-LE-CHÂTEAU

 
 

CHIESA DELLA MADDALENA, RENNES-LE-CHÂTEAU

 

CHIESA DELLA MADDALENA, RENNES-LE-CHÂTEAU.

Il demonio Asmodeo, sostiene l'acqua Santa
 

LABIRINTO, CATTEDRALE DI CHARTRES

 
 

SAN GALGANO, SIENA

L'abbazia di San Galgano, dalle marcate caratteristiche architettoniche gotico-cistercensi, fu costruita a partire dal 1218 e poco lontano dalla Rotonda. L'edificio è imponente e testimonia, così, la diffusione ed il grande seguito del culto di san Galgano. L'abbazia raggiunse, nel XIV secolo, una grande potenza, anche grazie alle immunità ed ai privilegi concessi da vari imperatori, tra i quali Federico II, ed alle munifiche donazioni ricevute; a ciò si aggiunse l'esenzione dalla decima da parte di papa Innocenzo III. La ricchezza raggiunta nel Cinquecento fu tale da scatenare una contesa tra la Repubblica di Siena ed il Papato, che portò nel 1506 ad un interdetto del papa Giulio II contro Siena, che resistette ordinando ai sacerdoti la celebrazione regolare di tutte le funzioni liturgiche.

 

CATTEDRALE DI SANTIAGO

 

CHIOSTRO, CATTEDRALE DI SANTIAGO DE COMPOSTELA

 

ABBAZIA DI CASAMARI

 

L' Abbazia di Casamari è uno dei più importanti monasteri italiani di architettura gotica cistercense. Fu costruita nel 1203 e consacrata nel 1217. Si trova nel territorio del comune di Veroli, in provincia di Frosinone.

 

CORO DELL'ABBAZIA DI CASAMARI

 
 

BASILICA DI COLLEMAGGIO, L'AQUILA.

 

INTERNO DELLA BASILICA DI COLLEMAGGIO,(AQ)

 

PIETRA DEI COSTRUTTORI, COLLEMAGGIO, (AQ)

 

SAN PIETRO AD ORATORIUM, CAPESTRANO, (AQ)

La chiesa di San Pietro ad Oratorium, si trova nel territorio di Capestrano, a sinistra del fiume Tirino, nella valle Tritana, fu fondata da Desiderio, ultimo re dei Longobardi verso la fine del 756 d. C. Il re Desiderio, donò all'abate di allora, Attone, molti beni e possedimenti perchè vi edificasse anche un monastero da dare ai monaci. La chiesa che oggi vediamo, è un rifacimento del 1100 come si legge dall'iscrizione sul portale. Nell' VIII secolo fu uno dei principali monasteri di tutto l'Abruzzo e godeva di particolari privilegi, rinconfermati successivamente anche da Carlo Magno nel 775 e da re Pipino, Ludovico, Lotario I e II. Pochi monasteri, furono così celebri, Papi, imperatori, re, cardinali, granduchi e in specialmodo i Medici di Firenze, lo resero celebre con la loro protezione e questo condizionò profondamente la vita delle popolazioni della valle Tritana.

 

SATOR, SAN PIETRO AD ORATORIUM, CAPESTRANO (AQ)

 

ARCHEOLOGIA E MISTERI

EGITTO 2007

 

ULTIME VISITE AL BLOG

giada816lactranslunasmastros_lsfede.ale2005cristi700antoninodicolaill.mocatsergintgigici20ospite100Ri.emersakingianeecosiarch.antoniolombardotheSaint74
 

ULTIMI COMMENTI

Nadir certo che si possono fare ipotesi sul significato...
Inviato da: Ettore
il 02/10/2017 alle 02:47
 
P.S.: la traduzione da me prospetatta spiega anche perché...
Inviato da: Nadir
il 21/04/2017 alle 15:32
 
Salve, ROTAS non significa "le ruote" bensì...
Inviato da: Nadir
il 21/04/2017 alle 15:23
 
bello questo post. Buona giornata da Artecreo
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 10/09/2016 alle 11:12
 
Ciao mi chiamo luca e per lavoro cammino molto,un giorno...
Inviato da: luca
il 20/04/2016 alle 09:01
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom