Creato da ilbaggese il 05/08/2010
blog mega di milano ORARIO DI RICEVIMENTO... previo appuntamento telefonico (3402707829--3394523017-0287392826)

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultime visite al Blog

acronlusdifatto19acrilmilaneseilbaggeseacrilsanremeserioerepo2RIO4658ketti1dglsergiomerzario19Da_Beef_Eateramorino11fante.59moacer.250anima_on_lineElemento.Scostante
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« la prossima semifinale d...il baggese »

u.e. di crv-acr baggese

Post n°233 pubblicato il 25 Dicembre 2017 da ilbaggese
 

 

Ultimi dati Eurostat sull'occupazione

 

Nel terzo trimestre 2017 l'occupazione è aumentata dello 0,4%nella zona euro e dello 0,3% nell’UE-28 rispetto al trimestre precedente edell'1,7% e dell'1,8% rispettivamente rispetto al terzo trimestre 2016. Nelsecondo trimestre del 2017 l’occupazione è aumentata dello 0,4% nella zona euroe dello 0,5% nell’UE-28 (dati destagionalizzati), e rispettivamente dell'1,6% edell'1,7% rispetto al secondo trimestre 2016.

La Commissaria per l’Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori, Marianne Thyssen, ha dichiarato: "Il tasso di occupazione non è mai stato così elevato nell’ U E e nella zona euro. La creazione di posti di lavoro è stata la priorità assoluta di questa Commissione e i nostri sforzi stanno dando buoni frutti. Dall'insediamento della Commissione Juncker nel 2014 sono stati creati 9 milioni di posti di lavoro.Dobbiamo garantire che questi posti di lavoro restino posti di lavoro di qualità e che i lavoratori occupati in nuove forme di occupazione siano tutelati a dovere. Per questo motivo la settimana prossima presenteremo una proposta volta ad aumentare l’equità e la prevedibilità delle condizioni di lavoro."

Secondo le stime dei conti nazionali pubblicate dall'ufficio statistico dell’Unione europea, nel terzo trimestre 2017 il numero di persone            occupate è aumentato dello 0,4% nella zona euro (ZE-19) e dello 0,3% nell’ U E-28 rispetto al trimestre precedente, per un totale di 236,3 milioni di uomini e donne occupati nell’ U E-28 e 156,3 milioni nella zona euro. Si tratta dei livelli più alti mai registrati in entrambe le zone (dati destagionalizzati).

Un comunicato stampa dell' Eurostat è disponibile online.

 

(Per ulteriori informazioni: Christian Wigand – Tel.: +32 229 62253;Sara Soumillion – Tel.: +32 229 67094)

.. pubbl. gratuitamente acura di acr il baggese e www.acraccademia.it

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ilbaggeserorepo/trackback.php?msg=13593592

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
acronlusdifatto19
acronlusdifatto19 il 05/01/18 alle 12:28 via WEB
Ciao e Saluti da http://www.acraccademia.it/index.html
(Rispondi)
acrilmilanese
acrilmilanese il 18/01/18 alle 18:50 via WEB
Sant'Antonio abate senza donna come fate... Con quelle due miei amici... cerco di passare i giorni.. felici'.
(Rispondi)
acronlusdifatto19
acronlusdifatto19 il 22/01/18 alle 15:16 via WEB
Marco Granelli 20 gennaio alle ore 19:06 · METROPOLITANA M1, AL VIA LE PRIME ANALISI SUL TRAGITTO DEL PROLUNGAMENTO DELLA LINEA Incontro fra Milano, Cesano Boscone, Settimo Milanese e MM Milano, 20 gennaio 2018 - Si è svolto il primo incontro tra gli amministratori locali dei Comuni di Milano, Cesano Boscone, Settimo Milanese e MM sul prolungamento della linea 1 della metropolitana da Bisceglie a Baggio fino alla tangenziale ovest. La progettazione, affidata a MM e finanziata con 8 milioni di euro da parte del Governo messi a disposizione nel Patto per Milano, dovrà elaborare le proposte sul tragitto dell’opera e metterle in relazione con il rapporto ‘costi-benefici’, oggi fondamentale per intercettare le risorse nazionali necessarie alla realizzazione dell’opera. Le prime ipotesi erano già indicate nel Piano urbano della mobilità sostenibile (PUMS) attorno al quale ora sta lavorando MM e prevedono un prolungamento lungo l’asse di via Parri, con interazione con i quartieri di Baggio, Valsesia, Olmi alle porte di Muggiano ma anche con i Comuni di Cesano Boscone e Settimo Milanese. Il prolungamento della ‘rossa’ deve tenere conto delle esigenze dei quartieri milanesi e dei due comuni, ma anche della presenza dei poli commerciali esistenti, del sistema dei servizi sociali, sportivi, formativi e sanitari come quello della Sacra Famiglia sul confine tra Cesano Boscone e Milano. Fondamentale sarà raggiungere la tangenziale per intercettare alle porte della città il traffico automobilistico e spostarlo sul trasporto pubblico. Per questo dovrà essere previsto un parcheggio di interscambio. Con l’Agenzia di bacino del TPL si sta ragionando sulla connessione fra il nuovo capolinea della ‘rossa’ e i bus del trasporto pubblico della città metropolitana. Il progetto prevede anche un nuovo deposito, essenziale per la linea M1 e l’aumento dei suoi passeggeri. Concordi tutte le istituzioni coinvolte che hanno ribadito quanto il prolungamento della linea sarà fondamentale per dare più servizi e soprattutto spingere fortemente verso l’utilizzo del trasporto pubblico e quindi contrastare la congestione e l’inquinamento dell’aria. Il lavoro condiviso fra Milano, i comuni limitrofi e la Città metropolitana, con il contributo di risorse del Governo, è teso a potenziare il trasporto pubblico sui territori della periferia milanese e sui comuni a ridosso ed è determinato a migliorare la qualità della vita dei cittadini e a rendere sempre più competitivi, anche per il tessuto imprenditoriale, queste aree.
(Rispondi)
acrilmilanese
acrilmilanese il 10/04/18 alle 11:34 via WEB
Fatto il nuovo Governo Regionale Lombardo... clicca quì x vederlo! http://www.acraccademia.it/Il%20Vallassinese%20pag%202.html
(Rispondi)
ketti1dgl
ketti1dgl il 13/01/19 alle 21:14 via WEB
Ci sarà tempo fino al 31 dicembre 2019 per tutti i giornalisti pubblicisti che intendono avviare il percorso di ricongiungimento di accesso all’esame di idoneità professionale. Non si tratta di una generica sanatoria e non sostituisce i canali di accesso tradizionali, né tantomeno interferisce con le norme che regolano il riconoscimento dei pubblicisti nei singoli Ordini regionali, quanto piuttosto di una presa d’atto da parte del Consiglio nazionale di una situazione, quella del mondo editoriale, che sta vertiginosamente cambiando e che nel dicembre del 2013 ha ridefinito la delibera sul “Ricongiungimento”, riconoscendo il diritto di accesso all’esame professionale ai pubblicisti che esercitano esclusivamente l’attività giornalistica ((Delibera del Comitato Esecutivo n. 266-2017, ratificata dal Consiglio Nazionale il 13/12/2017). La legge del 3 febbraio 1963 n. 69 istituiva l’Ordine dei Giornalisti prevedendo due distinti elenchi: Professionisti e Pubblicisti fornendo una definizione distinta delle due figure: i professionisti, coloro che esercitano in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista e i pubblicisti, coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi. In questi 55 anni il quadro è mutato ed oggi sono sempre più i pubblicisti che svolgono solo attività giornalistica, e spesso sono colleghi che con il loro lavoro, il più delle volte “sottopagato”, riempiono ogni giorno le pagine delle testate giornalistiche cartacee e web e gli spazi di telegiornali e radiogiornali. In una trasformazione del mondo editoriale continua e vertiginosa, che rischia di stravolgere tutto, si è reso necessario trovare una modalità d’accesso all’esame per queste “nuove figure”. Il Consiglio ha quindi deciso di curare anche un corso di formazione a distanza, che si potrà frequentare sul web. Il corso, congiuntamente a quelli che saranno curati dagli Ordini regionali, rappresenta il tirocinio teorico finalizzato all’acquisizione dei fondamenti necessari per accedere all’esame da professionista. Elisabetta Cosci Vicepresidente Consiglio nazionale Ordine dei Giornalisti
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.