Creato da tafazzi_roberto il 28/06/2007
piccole, ordinarie suggestioni
  
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Ultime visite al Blog

malvasia8NINA_Bannachesognatafazzi_robertotempesta_divitamanonsolospineavv_stefano
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Nulla

Post n°18 pubblicato il 17 Dicembre 2007 da tafazzi_roberto

v’è di più saldo e tangibile di un invisibile sentire. Pregno di cose che descrivere sarebbe pressocchè vano. Lo si chiama affetto (amore?), rispetto. Quale che sia il nome o l’etichetta da attribuirgli, resta cosa oggettivamente indicibile. Fortunatamente… Perché è un sentire che nome non ebbe né avrà mai. Perché si modella nell’anima(mente?) di ognuno. E, perciò, è cosa sempre diversa ed unica. Persino la carne gode di ciò. Chè, senza, non potrebbe appieno. Sarebbe solo uno sterile e meccanico agitarsi.

Io lo stringo, questo sentire. Lo coccolo(izzo). Lo preservo. Lo nutro.

Anzi, è d’obbligo la coniugazione al futuro: lo stringerò, lo coccolo(izzer)ò, lo preserverò, lo nutrirò.

Continuerò a farlo.

E non è promessa. Nulla va promesso. Ogni cosa va fatta. Se si desidera farla.

E ciò di cui parlo, rimane mio profondo desiderio che io continui a farlo.

 

Duole gioiosamente il labbro

Si rilassa il costato

Chè poco prima fu compresso

in abbraccio d’intenso sentire

mie braccia ora prive

di sogno da contenere

non sono meste

bensì rinvigorite

da quel sogno che, tuttora,

mescolato al sangue, vi scorre…

 

…e vi scorrerà ancora

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ecco la verità:

Post n°17 pubblicato il 12 Dicembre 2007 da tafazzi_roberto

sfruttamento del lavoro minorile: com’è risaputo, per la fabbricazione dei (cosiddetti) regali, Babbo Natale si serve di manodopera gnomica. Tutti noi abbiamo presente quelle allegre catene di montaggio, costituite da gnomi canterini e gioiosi mentre confezionano doni per tutti… Nulla di più falso! La mia fonte (che ha ispezionato personalmente i luoghi) mi ha descritto una situazione del tutto rivoltante.

“...gli stabilimenti sono sotterranei privi di aerazione e di impianti di condizionamento e, persino, di energia elettrica. Nessun rispetto per le norme di sicurezza sul lavoro (nessuna presenza di estintori o uscite di sicurezza). Nessuna retribuzione. Un solo pasto al giorno (pane raffermo e una tazza d’acqua della palude melmosa di Shynk). Gli gnomi vi operano a prescindere dal compimento della maggiore età. Anzi, il Capodirossovestito preferisce manodopera minorile, giustificando tale circostanza con un laconico “…devono pur imparare un lavoro, nella loro insignificante vita!”. I pochi che hanno avuto il coraggio di ribellarsi risiedono tuttora (vita natural durante) in bare, sepolti nel cimitero di Gnunkh in attesa che passino (è proprio il caso di dirlo) a miglior vita.”

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Su Babbo Natale e altre verità nascoste

Post n°16 pubblicato il 29 Novembre 2007 da tafazzi_roberto

Non v’è nulla di più fuorviante nella realtà, che la realtà stessa. L’esperienza di vita ci insegna che le “certezze” acquisite sono invece labili e traballanti. Destinate, comunque, a sgretolarsi improvvisamente per mostrarci “verità” totalmente opposte a quelle che, fino ad allora, ritenevamo fossero le uniche ed incontestabili verità. Ciò giustifica ampiamente la necessità di coltivare e salvaguardare il dubbio, che fomenta e alimenta la nostra crescita.

Questa premessa nasce dalla ennesima constatazione dello sgretolamento di talune delle mie “certezze”. Ciò, in conseguenza di una  interessante e(d)istruttiva discussione. Il/la mio/a interlocutore/trice (di cui non svelerò l’identità per ovvi motivi di privacy e per scongiurare eventuali rappresaglie a suo danno) è fonte attendibile ed oggettiva. Ogni sua affermazione è indiscutibilmente provata e verificabile. Per quanto sconcertanti ed assurde possano essere le verità rivelate. Tra tutte, la sconvolgente constatazione che “le galline non hanno i seni perché i galli non hanno le manine”.

Ma v’è una verità ancor più sconvolgente, che non va taciuta. Se non altro, per la salvaguardia della specie umana. E riguarda quel buontempone di Babbo Natale... 

Segue la fedele trascrizione delle dichiarazioni, rilasciatemi dalla fonte succitata (cui, per convenzione, attribuirò il nome Connanasaghe).

Il contenuto può ritenersi inadatto ad un pubblico minorenne o ad adulti affetti da patologie cardiache e/o mentali. Siete avvertiti!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Boom! Patapammm!

Post n°15 pubblicato il 28 Novembre 2007 da tafazzi_roberto

Vieni con me, CapoCarismatico. Vieni! Dammi la mano! Chè la tua tra la mia è come quella di una vita appena partorita. Non analogamente fragile.

Dammi la mano, gnomo dispettoso ed elettrizzante compagno d'avventura.

Sappi (e so che lo sai) che mai credetti all'esistenza di siffatta minuscola popolazione. Nonostante la mia natura di sognatore. E' trascorso del tempo da quanto ti intrufolasti tra le pieghe delle lenzuola del mio giaciglio. E non fu mai per indurmi fastidio. Ma per recarmi doni.

Fra tutti, il suo odore.

Ed è la sua scia che seguiremo insieme e che (son certo) a lei ci condurrà.

Boom! Patapammm! Procediamo saltellando. Canticchiando. O ritmando il nostro incedere con filastrocche astruse. Come infanti incoscienti e stupiti (stupidi?) dalla pregna vita circostante.

Guardati intorno, CapoCarismatico. Strabuzza gli occhi. Spalancali! C'è vita su questo pianeta! E, questo pianeta, è Lei!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

E'

Post n°14 pubblicato il 27 Novembre 2007 da tafazzi_roberto

tutto qui. sì, proprio qui. dove, per convenzione, non si pensa che sia. è potente e deflagrante. è sognante. è febbricitante.

scolpisce e colpisce. incessantemente, in maniera esponenziale.

gratta le budella. le contorce.

incita gioia e volo

e, in affanno sorridente, batto le ali

io, che credevo di non averne

e attendo l'equinozio

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »