« Varsavia, una lezione per noiMons. Luigi Santa spiato... »

Vaticano-Polonia, di chi le colpe?

Post n°197 pubblicato il 10 Gennaio 2007 da monari


In margine al caso di Stanislaw Wielgus, il vescovo-spia licenziato dal papa al novantesimo minuto (se non ai tempi supplementari), si possono fare tre osservazioni. Le prime due sono relative alla realtà polacca, e sono rispettivamente di tipo politico e religioso.
Aspetto politico. Il racconto che trapela dalle cronache circa una sorpresa papale davanti al frastuono provocato dalla nomina di Wielgus ad arcivescovo di Varsavia, non regge al confronto con la tradizionale prassi vaticana che raccoglie oculatamente dossier su dossier attorno ai propri «funzionari».
Dietro il racconto della sorpresa papale c’è l’affermazione della manovra antireligiosa, espressa dal portavoce vaticano padre Federico Lombardi. Il quale ha denunciato «una strana alleanza fra i persecutori di un tempo ed altri suoi avversari».
Padre Lombardi sa bene (e qui passiamo al versante religioso del problema), che ogni sacerdote dev’essere pronto a donare se stesso a Cristo sino all’effusionem sanguinis, cioè al sacrificio della vita. La promessa di fedeltà spirituale al Vangelo mal si concilia con i compromessi politici sia nell’Italia fascista sia nella Polonia comunista.
Accertato che le notizie che circolavano «contro» Stanislaw Wielgus non erano frutto di invenzioni ma erano state dall’interessato stesso confermate, il Vaticano avrebbe dovuto essere più attento allo spirito religioso della Chiesa che alla propria presunzione politica di fare un’azione di rivalsa contro chi diffondeva quelle informazioni «contro» Wielgus.
Da Varsavia padre Adam Boniecki, amico di papa Woityla, dichiara: «Non so chi, ma qualcuno ha disinformato papa Ratzinger». Chi ha disinformato Benedetto XVI abita a Roma od a Varsavia?
Impensabile che la Curia romana non sapesse. Quindi, non si possono attendere colpi di scena clamorosi contrari alla tradizione dei sacri Palazzi. Il caso è politicamente risolto. Sotto il profilo religioso resta come un ammaestramento profondo a non ridurre le cose dello Spirito a semplice gestione mondana e burocratica degli uffici e delle relative nomine.
Terza ed ultima osservazione. Se la Curia romana ha agito sapendo e tendendo all’oscuro il papa, il fatto in sé non meraviglia ma preoccupa per gli effetti collaterali che personalmente collego all’Italia. La scorsa estate abbiamo visto trionfare il Cavaliere tra i ciellini del meeting di Rimini dove è di casa anche “fonte Betulla”, simbolo di una politica antiprodiana come se il professore di Bologna fosse un pericolo bolscevico. Se tutto ciò faceva sorridere (od anche ridere del tutto) sino all’altro ieri, oggi non è più così. Il problema (per Roma o Varsavia secondo in casi) è lo stesso: dove la disinformazione si ferma e non si trasforma in uno strumento di pressione politica ben mirata verso scopi altrettanto ben precisi?
Non per nulla altri recenti attacchi bolognesi contro Prodi sono partiti ‘attraverso’ ambienti giornalistici attigui a quelli religiosi ufficiali. Le successive vicende «al polonio» hanno poi dimostrato che si è tentato di accreditare Prodi come agente del Kgb.
Abituata a trasformare tutto in operetta, la maggior parte dei commentatori politici ha preso sottogamba la questione. Ma la vicenda Wielgus può sollecitarci ad essere meno superficiali ed a prendere in maggior considerazione certi risvolti politici della vita religiosa, ben chiari a Varsavia ma trascurati a Roma. Dove il Tevere in questi anni si è fatto sempre più stretto a danno dello Stato laico, contro lo stesso Vangelo che obbliga a distinguere Cesare da Dio.
Il papa non ignorava la gravità di questa crisi, scrive Le Monde (8 gennaio) in una nota che parla della responsabilità del nunzio Joseph Kowalczyk (nominato nel 1989 da Giovanni Paolo II), di un errore commesso dal Vaticano con il comunicato di sostegno a Wielgus (21 dicembre, «Le Vatican indiquait avoir "pris en compte toutes les circonstances de la vie" du prélat désigné, y compris son passé, et affirmait que le pape avait "toute confiance" en lui»), e di una terza sorpresa, la fretta di accettare le dimissioni del neo arcivescovo di Varsavia da parte di Roma. Scritto appunto che «Le pape n'ignorait pas la gravité de cette crise», il quotidiano francese osserva che nella visita a Varsavia dello scorso anno, Benedetto XVI «avait admis la présence de "pécheurs" dans l'Eglise et les "échecs du passé", mais demandé au pays "de ne pas jeter à la légère des accusations sans preuve".
Una citazione italiana, da www.lettera22.it:
«Proprio un bel pasticcio. Il nuovo anno non inizia sotto i miglio auspici per il Vaticano, agitato dalla ambigua vicenda del vescovo Stanislaw Wielgus, dimessosi all'ultimo minuto, prima di insediarsi alla sede arcivescovile di Varsavia, dove il papa lo aveva nominato. Wielgus era un prete corrotto, che negli anni della guerra fredda è stato informatore e complice dei servizi segreti comunisti polacchi. Il suo curriculum era macchiato da uno dei delitti peggiori, specialmente pensando alla statura di Karol Wojtyla che, come ha ricordato ieri il suo ex portavoce Navarro-Valls, prima di diventare papa aveva resistito alle lusinghe alle minacce del regime. Il giorno dopo la chiusura (almeno momentanea) della spinosa vicenda, in Vaticano l'aria è piuttosto pesante e l'atteggiamento verso la chiesa polacca - fino a ieri indicata come modello, nuovo polmone cristiano in grado di ossigenare l'intera Europa - è di un crescente scetticismo. Si fanno strada dubbi sull'affidabilità di preti e vescovi polacchi, mentre la strategia già avviata da Ratzinger, di bloccare l'ascesa di prelati polacchi all'interno della curia romana (a favore del personale tedesco) trova conferme sempre più nette.»
Altre citazioni utili a comprendere megli il discorso:
Da www.ilgiornale.it:
«Era perciò noto da due anni che Wielgus, all'inizio del 2005 già vescovo di Plock dopo essere stato a lungo stimato rettore dell’Università cattolica di Lublino, aveva avuto a che fare, nel bene o nel male, con i servizi segreti. Era stato spiato o era divenuto suo malgrado, più o meno consapevolmente, una spia. Un particolare che di per sé avrebbe dovuto consigliare qualche approfondimento, nel momento in cui Wielgus, da pastore di una piccola diocesi della periferia polacca, veniva candidato alla guida della diocesi della capitale, quale successore del cardinale Glemp.
Se la nunziatura di Varsavia o la Conferenza episcopale polacca avessero promosso un’indagine, che cosa sarebbe emerso? La risposta non è facile. Infatti, tutti i dossier cartacei riguardanti Wielgus e pure i microfilm che li riproducevano, sono andati distrutti dopo il 1989 e la caduta del regime. Come e perché, allora, sono emerse le pagine relative all’arcivescovo eletto di Varsavia? Chi le ha tirate fuori? La disgrazia di Wielgus è dovuta a un refuso, a un errore dell’archivista, come ha confermato ieri lo storico Ian Zaryn, che studia i dossier dell’Istituto per la memoria nazionale: catalogando il microfilm, infatti, il nome di Wielgus era stato storpiato in «Welgus». Mancava una «i», che invece c’era, regolarmente, in tutti i documenti attribuiti al sacerdote e futuro vescovo.»
Da qn.quotidiano.net:
«Un dossier di 80 pagine tradotto in tutta fretta dal polacco in tedesco e recapitato via e-mail alla Santa Sede ma, soprattutto, la mossa disperata con cui monsignor Wielgus ha tirato in ballo lo stesso Benedetto XVI («Ho raccontato tutto al Papa», come dire: lui sapeva tutto), hanno convinto il Vaticano a chiudere l’ombrello con cui aveva deciso di proteggere il neoarcivescovo di Varsavia.
[...]
Il 6 dicembre Wielgus viene nominato vescovo; il 20 dicembre un giornale lo accusa di collaborazione con i servizi segreti; il giorno dopo la Santa Sede emana un nota in cui si sostiene che i fatti relativi a «tutte le circostanze della sua vita» sono stati presi in considerazione e il neonominato ha la fiducia del Papa. In effetti non era chiaro il livello del coinvolgimento e, soprattutto, ci si fidava dei fatti raccontati dall’interessato e riportati nelle schede arrivate dall’episcopato polacco. Wielgus intanto si difende maldestramente e tenta di negare. Il 4 gennaio nuova pubblicazione di elementi d’accusa; il 5 la presa di possesso canonica con la confessione pubblica; il 6 le dimissioni, accettate.»

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

 

Contatta l'autore

Nickname: monari
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 78
Prov: RN
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

ilriminoPeter0panluloski1vivaiopesaresiriminimontanariantoniog.marchisellachiacristofagraKobletassibolognaLordGrenville1Silvy_A68bonato.gianniniclasignal2weahzzu
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom