Creato da: Sembrava_Impossibile il 08/06/2004
...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

venere_privata.xcassetta2RiflessoNelWebSembrava_ImpossibileMarialuisaSantina89Justine.00angi.iurlo5028csbrpatrichtremanzoitalianotrimgel2mblteo70nero425l.portone
 

Ultimi commenti

La lettura di questo commento è riservata agli utenti...
Inviato da: cassetta2
il 25/02/2021 alle 19:29
 
Buon Anno!
Inviato da: Coulomb2003
il 30/12/2008 alle 13:49
 
Mi manchi! :o(
Inviato da: alundrina
il 04/11/2008 alle 08:25
 
A distanza di un anno lascio un saluto.
Inviato da: Coulomb2003
il 31/10/2008 alle 11:57
 
Quand'è che ti deciderai a fare quell'annuncio? :P
Inviato da: Fayaway
il 30/04/2008 alle 20:52
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« FESTE E DINTORNIMessaggio #206 »

Post N° 205

Post n°205 pubblicato il 03 Gennaio 2007 da Sembrava_Impossibile

Credo che certe cose possano capitare solo qui. Ho iniziato a scrivere il mio blog due anni e mezzo fa. Un blog nato come sfogo a delusioni e a sofferenze che credevo di poter sopportare in maniera più virile. I miei primi post oggi mi appaiono patetici, anche se forse più veri di adesso, alleggeriti da un velo di ironia e autoironia che è tuttora la mia unica ancora di salvezza.

Eravamo in pochissimi due anni e mezzo fa. Abbiamo imparato a conoscerci attraverso le parole scritte, che, per chi è in grado di apprezzarle, sono molto più penetranti del discorso del più eloquente degli oratori. Chi mi conosce sa che, già scottato, ho sempre tenuto a una certa distanza i contatti nati qui sul blog: per evitare complicazioni, per paura, per incostanza, per bisogno di concretezza, per pigrizia e demotivazione. In realtà per tutto questo tempo è bastato semplicemente scrivere e leggere per avere la sensazione di essere accompagnato da qualcuno di veramente speciale, sempre presente con tatto e discrezione. Due anni e mezzo sono tanti: cambiano le situazioni, le persone, ma queste righe hanno avuto il merito di avvicinare le anime nella maniera più sincera, più pura, più pulita, più bella.

E dopo due anni e mezzo capita di vincere le ultime ritrosie, e ci si ritrova, nella nebbia della Bassa Padana, a parlare per ore davanti a un bicchiere (vabbè… più d’uno) di lambrusco e a un piatto di tortellini, di quelli fatti a mano però, a passeggiare per Piazza S. Stefano, Piazza Maggiore, a osservare da una prospettiva “insolita” il Nettuno, come vecchi amici che si conoscono da un’eternità. E capita di improvvisare una visita all’amica a Venezia per un semplice caffè (perchè non si vuol disturbare troppo in casa marito e figlia)… e di ritrovarsi a tavola davanti a un piatto di gnocchi fumanti, a parlare di noi, a ridere, a brindare, guardandoci negli occhi e associando finalmente visi, espressioni e sorrisi a storie, racconti, ed emozioni riversate per tanti mesi in un blog. E a condividere, finalmente, un momento di vita insieme.

Prima di Natale avevo semplicemente bisogno di cambiare aria. Invece ho fatto il pieno di umanità, disponibilità, semplicità e tanta, tanta signorilità. Sono stato meglio che a casa mia. Tutto ossigeno per la mia affettività disastrata. E alle domande di chi mi chiedeva dove fossi stato, davo l’unica risposta possibile: “tu non puoi capire”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog