Ricerca Spirituale

centro per la ricerca della consapevolezza

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

 

per chi ha bisogno di idee veg ma anche per chi vuole sperimentare cucina priva di alimenti animali

Post n°6 pubblicato il 11 Luglio 2013 da shanti.om
 

https://www.facebook.com/pages/Ricette-Vegane-by-Shanti/328066057284415

 
 
 

Olodanza ed il disturbo dell'alimentazione incontrollata

Post n°5 pubblicato il 13 Dicembre 2011 da shanti.om
 
Foto di shanti.om

La danzaterapia è una disciplina che utilizza la musica per stimolare il movimento e la libera espressività a scopo terapeutico al fine aiutare l’individuo a ritrovare la propria unità psicocorporea, il proprio benessere e migliorare la qualità della vita.

 

La danzaterapia può rappresentare una tecnica molto utile con persone affette da disturbi alimentari. In tali casi, questa disciplina può costituire un’attività utile e positiva perché promuove il piacere funzionale (la capacità di percepire sensazioni piacevoli), offre un sollievo alle tensioni ed alle rigidità, migliora la funzionalità delle articolazioni, riattiva la circolazione sanguigna, stimola il tono muscolare e migliora alcune capacità di coordinazione, precisione e sincronizzazione dei gesti e si ritiene possa attivare processi psicodinamici in un orizzonte linguistico possibile, con il duplice obiettivo di generare una nuova esperienza di sé a livello del simbolismo corporeo, per facilitare l’accesso al livello simbolico-elaborativo.

Nell’ Olodanza® l’obiettivo dell’attività non è  l’interpretazione dell’espressione ma l’intensificazione del vissuto, in modo che il valore dell’essere si dispieghi nel modo più convincente.

Attraverso lo stimolo al fluire dell’energia vitale, Olodanza® promuove inoltre l’espressione delle emozioni, migliora le relazioni interpersonali e l’immagine di sé, accresce la propria autostima, promuove dei cambiamenti di umore, aumenta la fiducia in se stessi e permette di allentare il senso di apatia, allontanamento dalla vita e solitudine. 

Metodologia

Il quadro di riferimento teorico a cui la conduzione dei laboratori di danzaterapia si ispira è rappresentato dai principi generali del metodo Olodanza®, elaborato dal Dott. Romano Sartori. Il metodo si basa su esercizi di mobilizzazione energetica, respirazione, sensibilità, gestualità, utilizzo della voce, relazione interpersonale, rilassamento e meditazione.

Ogni laboratorio è strutturato in quattro momenti: una fase iniziale di riscaldamento, un momento centrale di proposta dello stimolo danzaterapico, un momento di rilassamento e una fase finale di verbalizzazione.

Nella fase iniziale, il conduttore accoglie il gruppo e lo guida ad entrare nella seduta; fa ascoltare musiche e guida i partecipanti a movimenti dolci per cominciare ad attivare la muscolatura e riscaldare il corpo.

Nel momento centrale, il conduttore propone uno o più stimoli che servono per attuare uno specifico lavoro espressivo: la scelta della musica avviene in funzione della situazione e delle possibilità motorie del gruppo e il tutto è accompagnato da suggestioni visive e immaginative guidate da parte del conduttore. Viene stimolato inoltre il gioco, l’incontro e la relazione tra i partecipanti.

Nel momento di rilassamento, il conduttore propone uno o più esercizi per indurre i partecipanti a rilassarsi e scaricare eventuali tensioni.

Nella fase finale di verbalizzazione, il conduttore dà la possibilità, ai partecipanti che lo desiderano, di esprimere verbalmente quanto vissuto o percepito a livello di sensazioni e/o emozioni nel corso della seduta. Questa fase permette al soggetto di esternare i propri vissuti nonché di rafforzare e consolidare il gruppo.

 
 
 

PERUGIA - GIORNATA NAZIONALE DEGLI ABBRACCI

Foto di shanti.om

ABBRACCI A PERUGIA IN PIAZZA 4 NOVEMBRE

DOMENICA 16 OTTOBRE 2011 -. ORE 10,00

Umani in Divenire inaugura la PRIMA GIORNATA NAZIONALE DEGLI ABBRACCI.

L'energia che si genera in un luogo  in cui si regalano abbracci ai passanti è qualcosa di straordinario che solo chi ha vissuto può comprendere.

Chi lo ha già sperimentato sa bene quanta energia si sprigiona quando le anime si aprono, abbracciandosi.

L'intento deliberato di un tale evento congiunto che sfocia in un abbraccio collettivo che coinvolge l'intera nazione, ha degli effetti così potenti da generare un gigantesco campo di energia unificato capace di frantumare molte barriere inducendo così molti ad aprirsi.

A chi è rivolto questo messaggio?

A Te che hai desiderio di attivarti

A Te che non aspettavi altro che un'occasione per fare la tua parte

A Te che sei abituato a lamentarti perchè le cose vanno male

A Te che a furia di condividere frasi e citazioni su come cambiare il mondo hai dimenticato il sapore del contatto con gli esseri umani 

A Te che hai calcificato il sedere sulla sedia del pc sperando che accada qualcosa di magico che cambi le cose.

Adesso abbiamo un'occasione straordinaria per generare qualcosa che non ha precedenti e che sarà il preludio di una svolta!

Inoltre questo evento ci permetterà di incontrarci, sentirci, ri-conoscerci, amare ed amarci, favorire sincronismi, generare sinergie,  nuove idee, potenziare concretamente l'Unione e renderci conto che siamo TANTI  e che insieme possiamo ogni cosa!

nella stessa data avrà luogo una meditazione mondiale con l'energia preghiera focalizzata sull'Italia per alzare il livello vibratorio degli Italiani favorendo l'apertura delle emozioni di coloro che si incontreranno quel giorno. Tra gli oltre due  milioni di disha giver nel mondo che aderiranno e le associazioni che collaborano con Umani in divenire, stimiamo di superare ad oggi  i  3 milioni di partecipanti.

Ciascuno si adoperi per diffondere l'evento in ogni dove per avere  il massimo afflusso.

MATERIALE OCCORRENTE:

tutto Te Stesso con la gioia nel cuore per incontrare ed abbracciare con Amore

 

Referente per Perugia:  IO (Shanti.Om)

 
 
 

OLODANZA®

Foto di shanti.om

L’Olodanza è una forma globale di danzaterapia che alla libera espressività corporea evocata dalla musica, unisce il lavoro ispirato ai principi della bioenergetica e della meditazione, per contribuire a ritrovare e mantenere benessere psicofisico, vitalità e gioia di vivere.
per info: www.motoriamente.altervista.org
www.olodanza.it
motoriamente@yahoo.it

Ora
07 novembre 2010 · 9.30 - 11.30

LuogoPALAZZETTO DELLO SPORT
Monteleone d'Orvieto, Italy

Le attività dell'olodanza si possono riunire in quattro forme: energia, espressione, relazione interpersonale, meditazione, anche se queste non sempre si possono distinguere nettamente e in diverse occasioni si compenetrano. Diciamo che nei quattro momenti indicati certi aspetti sono semplicemente predominanti su altri.  

 

Il ragionamento di base è il seguente: prima di tutto risvegliare la propria energia e rendersi sensibili alle sue varie modalità, poi esprimerla in varie forme coinvolgendo sentimenti e  immagini, poi condividerla con gli altri partecipanti al gruppo, e infine, in modo autonomo, individuare la propria centratura ed evidenziare la propria spiritualità.

 

Nel lavoro sull’energia pratichiamo esercizi di mobilizzazione energetica, che richiamano anche esercizi specifici di respirazione (notando subito che nella pratica respiratoria c’è il momento stimolante, in quanto intenso e abbastanza veloce, e quello, ben diverso in quanto lentissimo, meditativo). 

Alla parte dinamica segue un approfondimento della sensibilità riguardante aspetti fondamentali del corpo/mente, come il radicamento a terra, la sensualità, il potere personale, il sentimento, l’intuizione.

 

Nell'olodanza sono  attività più specificamente espressive la danza, nei suoi aspetti di danza delle zone corporee, di visualizzazione, di relazione e danza-trance, la gestualità, intesa come flusso di movimenti espressivi non ritmici soprattutto focalizzati sulle braccia, e l’uso della voce, impostato sulle vibrazioni sonore di base, sul canto pieno che accompagna brani melodici e sul canto dei mantras.  

 

Quanto alla relazione interpersonale, ci sono situazioni di relazione in senso generale, sia attraverso il movimento che con la parola, e di contatto fermo e nutritivo o in forma di massaggio, viste anche come mezzo di reciproco ascolto profondo.

 

Importanti anche i momenti di rilassamento come abbandono fiducioso alla terra.

 

La consapevolezza, benché necessaria anche nelle fasi precedenti, è indispensabile e centrale nella meditazione, vista come possibilità di dare fondamento stabile, ispirazione e luce alla nostra vita. Le pratiche meditative sono di tipo essenziale e non si riferiscono ad alcun contenuto religioso convenzionale.

 Nel corso di ogni singola lezione, che dura circa due ore, non ci sono sempre tutti i tipi di esercizi. La lezione ha una struttura che normalmente rispetta la successione indicata sopra, in modo però piuttosto libero, puntando non solo sulla validità oggettiva delle proposte ma anche sugli elementi dell’interesse e della varietà. Ritrovare gli stessi elementi di fondo in forme varie e attraenti aiuta a capire bene l’essenziale. 

 

E’ importante che la lezione abbia una sua completezza e che tocchi comunque le quattro forme indicate all’inizio con un approccio di tipo terapeutico ma anche artistico e gratificante.

 

OLODANZA PERCHE’

 

Ci si potrebbe chiedere perché questo metodo è stato chiamato olodanza, dal momento che la danza occupa in esso uno spazio delimitato. Il fatto è che stiamo parlando, sì, di danza nella sua accezione più comune, ma non solo. Parliamo dell’esistenza, della vita come danza, in quanto nella danza è contenuto il tema della gratuità. Quando danziamo non lo facciamo con l’obiettivo di terminare quello che stiamo facendo - sarebbe assurdo -; danziamo per apprezzare della danza ogni singolo momento; ed è questa la dimensione ideale della vita: riuscire a trovare in modi diversi, in forme mutevoli, un appagamento costante. “Danza” è una parola che si addice un po’ a tutte le attività qui proposte, in quanto si cerca in ogni singolo aspetto, in ogni singola funzione psico-corporea la sua godibilità, il suo ritmo particolare, la sua forma fruibile nel miglior modo possibile. 

 

In ogni caso all’aspetto della gestualità espressiva e della danza viene riservato un ruolo predominante. In linea di massima prima della danza c’è una mobilizzazione e una sensibilizzazione, poi c’è il movimento gestuale e la danza e poi c’è un raccogliere e condividere i risultati di quanto è stato fatto stando in posizione ricettiva, lasciando rifluire nel corpo e ascoltando quanto è stato mobilizzato e stimolato.

 

Quanto al prefisso “olo”, ci dà l’idea della globalità della danza, non intesa soltanto come movimento classico, ma anche come danza più delicata, più sottile, più sfumata: quella che avviene all’interno del corpo/mente, perché anche le sensazioni, le emozioni, le immagini, i pensieri che si formano nella mente quando seguono un flusso armonioso si può dire che danzano. 

 

La respirazione a sua volta può essere fatta ad un livello di eleganza, essere tanto piacevole da risultare elegante. E anche il risveglio delle vibrazioni nel corpo è fatto di bioenergia “danzante”.

 

L’olodanza è qualcosa di razionale in quanto c’è un ordine logico nel quale vengono disposte le esperienze, ma è anche qualcosa di intuitivo nel senso che si lascia comunque un grande spazio per sfogare immaginazione e creatività, all’interno di una struttura sensata. 

 

Quindi c’è rigore nell’attenzione; però questa non è contratta, bensì rilassata, e c’è anche grande apertura a qualcosa che non si può ricondurre ad evidenza logica. 

 

Possiamo ragionevolmente guidare il nostro modo di sentire ed agire senza esagerare nel controllo, lasciando che il sapore delle esperienze sia libero e aperto a suggestioni che non possono essere racchiuse in pensieri troppo determinati.

 

L’elemento razionale viene utilizzato soprattutto nel programmare gli incontri e nella condivisione verbale al termine degli stessi, dove si parla delle esperienze vissute in termini  personali, lasciando spazio anche a considerazioni generali di tipo riflessivo.

 

 

L'olodanza serve

a chi vuole migliorare:

- il benessere e il piacere di vivere

- la sensibilità artistica e le capacità espressive

attraverso il movimento e la voce

- l’empatia con gli altri

- l’esperienza dello stato meditativo 

 

 

 

 
 
 

la truffa di ewrite

Post n°2 pubblicato il 21 Marzo 2009 da shanti.om
 

Guadagnare soldi su internet?? non esiste!! il sito promette guadagni e compensi se arrivi alla soglia dei 25 euro per la pubblicazione di guide da inserire nel sito. A parte il fatto che devi inserirne almeno 200 se ti va bene,in quanto te le valutano in media 20 centesimi,  e qualcuno ci è arrivato, ma di quei miseri 25 euro neanche l'ombra perchè i signorotti del sito se ne guardano bene dal dare approvazione alle guide che potrebbero condurlo alla meta, e se qualcuno si lamenta allora o ti bannano o ti tolgono l'uso della parola (a me hanno tolto la possibilità di inserire commenti, altre persone che hanno osato scrivere quello che succedeva sono state cancellate direttamente).

Ho scritto loro per far cancellare la mia iscrizione ma ho preteso che cancellassero pure le mie guide approvate ed in stato di approvazione. Unica nota positiva: sono stata accontentata.

Non è per i soldi che ho protestato, è per il modo subdolo di voler guadagnare sull'ingenuità delle persone. Le persone vanno sempre rispettate,sempre!

Se avessero creato un sito dove permettere alla gente di pubblicare le proprie guide dicendo chiaro e tondo che nessuno avrebbe guadagnato niente, io sono sicura che avrebbero trovato utenze lo stesso, in quanto, alle persone piace e trova gratificazione nel mettere a disposizione degli altri le proprie competenze e così non avrebbero gabbato nessuno e loro avrebbero guadagnato lo stesso attraverso i clic.

L'idea era buona, ma il Dio Denaro è proprio una bestiaccia... che peccato ...

perfavore, se qualcuno ha ancora un pò di dignità personale, faccia girare la notizie e sopratutto, NON visitate quel sito!

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: shanti.om
Data di creazione: 19/10/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

almatalelleffe62equnozio7matteoepicicloantitodo6CalleDeLaVida0Les_fleurs.du_Malvizio_assurdolost.dreameruncuoredafornaionickenoraxxsnakecoilsqasertyalitarpate0soltanto_unsogno
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom