Creato da: kallida il 25/03/2009
viaggiando si impara
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autreleope4fiomerocassetta2natalydgl7giuseppepaola2001tuffituEteroclitobruno911kallidailike06EasyTouchtayuonWebcomeasurpa.ro.le
 

Tautogrammi

 

 

 
« san valentino agghiacciante...cheffoni... »

Rigurgito fascista.

Post n°364 pubblicato il 19 Febbraio 2013 da kallida

 

Il fascismo è presente in ognuno di voi, che ci piaccia  o no. E’ la parte oscura, più istintiva, meno evoluta.

E’ facile essere fascisti e da pure belle soddisfazioni.  Affermare e credere in alcune regole di base della sopravvivenza eliminando del tutto secoli di storia, di cultura e di civilizzazione ti fa sentire appagata. E ancora di più il sentimento del piccolo io, del mio orto, dei miei affari, quando viene legittimato da una pseudo ideologia politica si inorgoglisce e si corrobora. Davvero acquietante, per così dire.

Io per esempio sostengo con forza la necessità di tornare al voto plurimo, ma non concordato sulla base del patrimonio materiale, bensì concesso secondo canoni di patrimonio culturale. Per esempio tu hai tre lauree, tre voti. Tu hai letto Musil e Proust allora 4 voti. Tu hai letto Moccia -4, cioè puoi votare una volta ogni quattro previo esame di idoneità psicologica. E mi perdo pensando a quanto potrebbe essere bello portarsi dietro questa responsabilità civile così stabilita. La massa non capisce niente, è per definizione stupida e sorda. Il popolo è ignorante, non capisce nemmeno da dove è venuta la sovranità di cui è portatore! Ecco, avete visto che acido destrorso? Davvero penso queste cose, solo che … solo che i libri, la scuola, gli studi, le esperienze tra le persone mi hanno portato a stare sempre e comunque dall’altra parte. Dalla parte che si apre e che accoglie e che progredisce e che è morta affinché io potessi scrivere tutte queste cazzate! Il socialismo mi commuove, mi ha sempre commossa per il motivo che non è una religione ma ha avuto un’etica di profilo superiore, oserei dire. Dare la possibilità a tutti di essere felici, e di avere le stesse opportunità stabilito per legge, e non per sentimento, mi è sempre sembrato un miracolo. Perciò , sebbene mi infastidiscano le masse e le loro dinamiche collettive penso comunque che sia giusto e soddisfacente portare avanti la bandiera dell’umanità sempre, nonostante i rigurgiti…

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog