Creato da kimberlynn il 11/03/2007

Il profumo di casa

I pensieri, i sapori, i colori ...di casa

NEL LIBRO TROVATE....

Ecco alcuni dei miei dolci presenti nel libro, se volete farvi un regalo o farlo ai vostri amici golosi, contattatemi.


 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

METEO

Clicca per il meteo
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CLAIR DE LUNE - DEBUSSY

Splendida musica!!

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

 

immagine


Il più bello dei mari

 

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo. Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello che vorrei dirti di più bello non te l'ho ancora detto.

                
      
Nazim Hikmet

----------------------------------

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

blaskina88mariomancino.mrenzozanellaS_I_RNoemiEcc.45foladachefrenchefrencarrieridomitkimberlynnInvisible_Typer86zanellininolusentipieleonardis.luciadavidemilonedottorsport
 
Citazioni nei Blog Amici: 76
 
 

ULTIMI COMMENTI

 

IL FUMETTO DI PESCE

 

Il fumetto di pesce è quell’ingrediente in più che serve ad insaporire tutti i piatti a base di pesce.

Ecco come farlo:

Scaldare dell’olio e unire gli scarti del pesce (anche pelle, lische, ecc..).
Poi si possono aggiungere un porro, una cipolla, una carota, una costa di sedano e della salsa di pomodoro:
A questo punto possiamo aggiungere a piacere un po’ di spezie: zafferano, timo, alloro, prezzemolo, sale e allunghiamo tutto con dell’acqua calda e un bicchiere di vino bianco, facendo sobbollire per una mezz’ora.
Il fumetto quasi pronto andrà poi filtrato e ristretto a fiamma moderata, per un’altra quindicina di minuti.
Sarà questa, quindi, la nostra base di partenza per la preparazione dei nostri piatti a base di pesce.
 

_____________________

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

COPYRIGHT

Qualora la pubblicazione di foto o di talune informazioni tratte da Internet e pubblicate su questo Blog violasse eventuali diritti d'autore, vogliate cortesemente segnalarlo e saranno subito rimosse.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

PREGI E DIFETTI - ZELDA

Caricamento...
 

SPERANZA

Caricamento...
 

MONDO LIBERO

Caricamento...
 
 

 

« Come utilizzare i fondi ...Formaggio spalmabile fat... »

New York cheesecake

Post n°971 pubblicato il 22 Giugno 2014 da kimberlynn
 

 

 

Ingredienti per 8 persone:
 
300 g di biscotti
80 g di burro
1 cucchiaino di miele
cannella qb
400 g di robiola
300 g di ricotta
200 g di zucchero
40 g di yogurt
150 ml di panna fresca
la scorza di 1 limone
1 baccello di vaniglia
4 uova
1 cucchiaio di farina
4 cestini di fragole
200 g di marmellata di fragole e fragole fresche.


Frullare i biscotti con il burro fuso, il miele e la cannella. Distribuire il composto ottenuto sul fondo di uno stampo a cerniera ricoperto con la carta forno, compattandolo bene, in modo da formare il guscio della torta. 

Preparare la crema mescolando in una ciotola i formaggi con lo zucchero, la panna e lo yogurt; unire la scorza di limone, la polpa di vaniglia, le uova e per ultima la farina. 

Versare il composto nel guscio e cuocere a 165° per un’ora. Fare raffreddare il cheesecake, completarlo con la marmellata e guarnire con le fragole tagliate a fettine e ciuffi di panna montata.


  

Commenti al Post:
cara.calla
cara.calla il 22/06/14 alle 22:35 via WEB
buona e serena settimana ti lascio un sorriso Carla
 
 
kimberlynn
kimberlynn il 24/06/14 alle 18:01 via WEB
Altrettanto a te Carla, un abbraccio :)
 
anna1952b
anna1952b il 18/07/14 alle 15:08 via WEB
Buon fine settimana a te...questo dolce è una meraviglia già fatto è stato un successo.Anna
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Alessandra Gandini il 26/07/14 alle 01:40 via WEB
Che carino questo sito, Adriana! E anche utile! Complimenti! Un saluto. Alessandra Non dimenticate i fratelli Gandini sotto estorsione mafiosa da generazioni e sempre in pericolo di vita. Grazie! Sito: alessandragandini.blogspot.com
 
RicamiAmo
RicamiAmo il 31/07/14 alle 09:59 via WEB
Salve, un sito molto bello complimenti, serena giornata delia
 
anna1952b
anna1952b il 21/08/14 alle 11:46 via WEB
Adriana quando posti una nuova ricetta...ti aspetto con curiosita ti auguro una splendida giornata.Anna
 
panpanpi
panpanpi il 01/10/14 alle 12:56 via WEB
io sono stata via tanto....... ma tu mi batti!
 
atlantide28
atlantide28 il 02/10/14 alle 11:51 via WEB
 
kimberlynn
kimberlynn il 05/10/14 alle 01:14 via WEB
Un saluto a tutti e grazie per essere passati, a breve arriverà una nuova ricettina: :)
 
panpanpi
panpanpi il 28/10/14 alle 10:51 via WEB
oggi fa freddo ma ilmio saluto è .... caloroso!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

NO ALLA PEDOFILIA

 
 

AREA PERSONALE

 

 

 

LA CROCE NON OFFENDE

         

 

TAG

 

PIÙ LO MANDI GIÙ ...

immagine

 

FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE

COME LEGGERE LE ETICHETTE DELLE UOVA

 

Il primo numero in etichetta indica il tipo di allevamento:
- 0 corrisponde all’allevamento biologico,
- 1 quello all’aperto,
- 2 a terra,
- 3 in batteria.

Lo 0 del biologico
indica sia l’alimentazione della gallina che lo spazio (tanto!) che essa ha a disposizione per razzolare:

All’aperto con sistema estensivo : 1 gallina per 10 metri quadrati di terreno all’aperto con vegetazione

All’aperto: 1 gallina per 2,5 metri quadrati di terreno all’aperto con vegetazione

A terra : 7 galline per 1 metro quadrato con terreno coperto di paglia o sabbia, ecc.

In voliera : 25 galline per 1 metro quadrato con posatoi che offrono almeno 15 cm per gallina.

Le uova scadono 28 giorni dopo la deposizione. Sulla confezione troverete solo la data di scadenza, per cui potete risalire alla deposizione sottraendo un mese scarso. Il periodo durante il quale le uova restano “Extra fresche” è di nove giorni dalla deposizione e sette dalla data di imballaggio.

Le uova fresche (da bere) se immerse in un bicchiere di acqua salata (con almeno 25 gr di sale da cucina) si adagiano sul fondo. Un uovo che abbia dai 2 ai 20 giorni si posiziona a diverse altezze nel bicchiere, un uovo vecchio (da buttare) galleggia in superficie, sporgendo dall’acqua.

 

SMALTIRE I RIFIUTI PERICOLOSI

 

Si parla molto di raccolta differenziata e di rifiuti riciclabili,  in ogni casa vengono prodotti anche in piccola percentuale, ma non per questo meno importante, i rifiuti cosiddetti ‘pericolosi’, la cui raccolta e separazione è assolutamente necessaria e che vanno smaltiti negli impianti autorizzati.

Ecco allora come fare per smaltire in tutta sicurezza i rifiuti speciali:

Batterie per auto

Vanno portate all’isola ecologica o presso il raccoglitore del Consorzio batterie usate più vicino. Anche i rivenditori di batterie mettono a disposizione degli acquirenti un contenitore per la raccolta.

Pile esauste

Le Pile esauste devono essere raccolte in modo differenziato utilizzando gli appositi contenitori normalmente disponibili presso i punti di vendita delle pile stesse. Le pile contengono sostanze chimiche che, se non vengono trattate in modo corretto, sono molto inquinanti.

Oli alimentari

Se il comune ha avviato la raccolta differenziata degli oli utilizzati in cucina si possono portare all’isola ecologica. Questi oli infatti possono essere completamente recuperati. Dopo aver fritto gli alimenti, lascia raffreddare l’olio e versalo in un contenitore da 5 litri posto sotto il lavello. Quando è pieno portalo al centro ecologico.

I Farmaci scaduti

I farmaci devono essere possibilmente depurati dagli involucri in cartone per evitare costi inutili di smaltimento che avviene normalmente a peso. I farmaci scaduti vengono raccolti dalla farmacie o dalle isole ecologiche, da cui si attende di aver raggiunto un quantitativo di materiale sufficiente da poterlo trasportare ad un impianto di smaltimento autorizzato.

Altre sostanze

Vernici, acqua ragia, diluenti, solventi non vanno assolutamente dispersi nell’ambiente perché contengono sostanze molto inquinanti e pericolose. Bisogna quindi portarli all’isola ecologica di zona, dove saranno avviati allo smaltimento.