Creato da: languageisavirus001 il 15/07/2005
Eavesdropping on your conversation

Area personale

 

Infetti



The Cats Will Know

poesie, racconti e letteratura postmoderna

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

immagine

 

Ultimi commenti

peccato non leggerti più. saluti, ovunque tu sia
Inviato da: Randle.P.McMurphy
il 20/02/2012 alle 01:18
 
sai cos'è bello? quello che leggo qua.
Inviato da: Blanca_Cruz
il 15/01/2009 alle 12:39
 
a me salutami il Dottor Finch :)
Inviato da: Lutsy
il 04/01/2009 alle 03:13
 
ma non conosci quel vecchio detto: del papavero non si...
Inviato da: Randle.P.McMurphy
il 02/01/2009 alle 19:41
 
salutami bill
Inviato da: sammylele
il 04/12/2008 alle 21:38
 
 

Ultime visite al Blog

Randle.P.McMurphyumamau0allavacicarlosopalmardetlef81MaryReadvaleriapaiuscosertore0dorotessamanugasp75francesca.defendiladymiss00eleonora.itDuchesss
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Messaggio #203Messaggio #205 »

Post N° 204

Post n°204 pubblicato il 05 Agosto 2008 da languageisavirus001

Lasciate stare Frank Sinatra.

Era questa la voce che girava in quei giorni da Los Angeles a Palm Springs tra i membri del suo clan. Frank era senza pace, di cattivo umore, anzi nessuno l’aveva più visto in quello stato da quando si era lasciato con Ava anni prima, e tutti sanno come il divorzio da Ava lo avesse ridotto.

Nemmeno la due giorni a Tijuana era riuscito a distrarlo, troppa confusione; Frank non si trovava a suo agio in quei posti, lui era da Las Vegas, mille luci, lusso e comodità, anche se i “numeri speciali” delle gemelline messicane lo avevano quantomeno incuriosito.

Di sera, prima di cena Frank era silenzioso, lasciava il numeroso entourage e usciva da solo, un bicchiere di whisky in mano, nel patio della sua villa a Palm Springs.

Dentro, dietro le ampie vetrate, i suoi uomini lo osservavano con preoccupazione, nessuno era ancora riuscito a capire la causa di tale malessere e nessuno osava chiederglielo, aspettavano un cenno, una parola da parte sua. Frank camminava a piccoli passi sul bordo piscina vestito di tutto punto, si fermava un attimo a guardare il cielo rosso del tramonto, un cielo che sembrava sanguinare, posava il bicchiere su una delle sdraio bianche e dalla tasca interna della giacca prendeva il portasigarette e se ne accendeva una con l'accendino d'oro Ronson che gli aveva regalato Ava, poi espirava lentamente una lunga boccata di fumo che il vento caldo del deserto spazzava via.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog