Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« LUIGI ROTUNNO - la madre...LE SOLITE SORPRESE NELL... »

Ciao, Romano !

Post n°1838 pubblicato il 07 Aprile 2014 da vocedimegaride
 

di Marina Salvadore

"Saglie 'n'cielo
e 'ncielo sénteno
tutt'e stelle
'a voce mia"

Siamo stati, per anni, concentrati sul dramma giudiziario dell'UOMO Bruno Contrada, sulla sua persona pubblica e privata e non abbiamo avuto la minima attenzione per il  più sensibile e provato Romano, suo dolcissimo fratello che in prima persona, senza "luci del varietà" che ha dato notorietà a tutti, sostenitori e detrattori, con coraggio estremo e grande pena nel cuore - già minato gravemente nella salute - tracheomizzato, urlava senza voce più degli altri, fuori dal coro, chiedendo verità e compassione per Bruno, offrendo se stesso, rinunciando persino, come accadde nel 2008 e ne fui testimone, alle cure salvavita pur di riportare a casa, ai suoi affetti, il fratello. Romano non c'entrava niente con questo lercio "sistema", con questo " im-mondo " ... era un poeta e sopravviveva tenacemente al soffocante grigio plumbeo della saga di famiglia, nelle albe e tramonti della sua Napoli, nei sogni e speranze dei suoi congiunti più giovani; quelli che avrebbero avuto diritto ad un presente, opportunamente riscattato dal prezioso dolore della sua interiorità e dignitosamente non manifesto, in generoso rispetto degli altrui, diversi, dramma esistenziali. Era riservato e pudico, Romano, ma c'era sempre e si sforzava, spesso, di partorire un sorriso, pur non avendone voglia, per asciugare pena, delusioni e rabbia dagli animi di parenti, amici e semplici conoscenti... invece, il vaso di cristallo tra i tanti di ferro era lui! L'unica cosa che mi rinfranca è il ricordo di averlo rasserenato, qualche volta, colloquiando con lui al telefono nonostante egli fosse convinto che per il suo male alcuno potesse farlo: si sentiva menomato... ma, credetemi, non ho mai incontrato nella vita un essere che sapesse andare oltre il suo handicap, fingendo di dimenticarlo, per non "urtare" la sensibilità dei più fortunati. Al di là delle scuole di pensiero sulla maledetta vicenda che vide protagonista il suo amato fratello Bruno, è doveroso ricordare che tutta la famiglia Contrada, per il solo fatto di chiamarsi Contrada, subì angherie terribili ed umilianti verifiche. Ricordo perfettamente le penose processioni di questa famiglia - cui, spessomi unii -  i cui componenti erano già molto attempati e stremati, sotto il Tribunale di Sorveglianza di Napoli, sotto il padiglione Palermo dell'ospedale Cardarelli, in carcere a S.Maria Capua Vetere, dopo essere stati rivoltati come calzini e ridotti nel fango delle illazioni e del sospetto - marchiati di infamia; loro, la cui memoria ereditaria di dignitosa buona famiglia, con una storia alle spalle, salvaguardavano religiosamente. Anche oggi, alla notizia del suicidio di Romano Contrada, l'eco funesta di quell'odio ideologico e ben orchestrato da più illustri personaggi, tra pendagli da forca e rampanti togati politicizzati ormai privi di "allure", incombe sulla cronaca e Romano Contrada è stato ancora una volta spodestato dal più illustre fratello, nei titoli di stampa e soprattutto nell' "anti-socialnetwork", dove una pletora di caproni ignoranti, protetta dallo schermo di un computer e sotto falsa identità, sta vomitando di tutto, tranne che quella Pietas dovuta ad un comune cittadino disperato, non diverso dai "disperati" dell' "Agenda Monti" e agende successive; un uomo che "ha deciso di decidere" della sua vita e non a caso ha scelto di farlo in strada, all'aperto, in un viale detto Liberazione! Neppure quest'ultima onta è stata risparmiata al nostro Romano Contrada ed è proprio questo, paradossalmente, a dargli ragione del suo coraggioso Grande Rifiuto, come un eroe da libro di scuola, col suo urlato "IO NON CI STO!", così manifestamente dignitoso e diverso da quell'altro "Io non ci sto!" di un nostro presidente della Repubblica; quello eletto alla chetichella nel '92, sugli umori dei cadaveri ancora caldi di Capaci!...
Ora che Gli hai restituito la sua voce e che, probabilmente, sta già intonando delle bellissime canzoni napoletane, "l
'eterna GIOIA dona a Romano, Signore! Splenda ad egli la LUCE PERPETUA della Nuova Vita. Riposi nella Tua LETIZIA. Amen!"

...ancora un po', eppoi ci rivedremo!

foto: 1) Romano Contrada; 2) I nove fratelli Contrada 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: