Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Turismo ArcheologicoGiustizia è fatta »

Quando il senso di appartenenza crea disagio

Post n°15 pubblicato il 15 Novembre 2006 da vocedimegaride
 

immaginedi Marina Salvadore

Giuro!... i fuochi d'artificio a siglare un funerale cattolico... non li avevo mai visti... e devo ammettere, non scevra da qualche senso di colpa "identitario",  che mi hanno provocato nauseato stupore. Il martellante reality show a reti unificate sulle esequie di Mario Merola era l'ultima cosa di cui Napoli avesse bisogno in questo momento storico. Non a caso si parla di Mistero quando ci si riferisce alla Morte ed i "misteri" abbisognano di intimità, di sacralità, di meditazione; contrariamente ai prodigi che di norma vanno opportunamente strombazzati a furor di popolo. Certe volte se non sempre " 'a cartulina e ' Napule " risulta piuttosto imbarazzante da inoltrare agli amici, per quei suoi requisiti più che volgari, grotteschi, che nulla hanno a che vedere con l'intelligente autoironia di un popolo che cullò tra le braccia, millenni fa, la Civiltà, la Cultura... l'umano ingegno... l'arte... la filosofia e la poesia della Vita quotidiana. "Chapeau!" all'arte popolare, al mito Merola, che enfaticamente è stato pure insignito dell'onorificenza di creatore della "sceneggiata" (e... non è vero) da qualcuno che, ignaro, forse intendeva definirlo solo più che "interprete". Una estenuante serie di servizi televisivi celebrativi del personaggio, sulle reti nazionali, si preoccupava di accrescere il becero folklore napoletano, inviando immagini ed interviste all'artista sempre ripreso a qualche tavolata, in un'abbuffata, in scene da matrimoni interrotte solo da sorbetti e pignatte di spaghetti, da frutti di mare e ragù, scene di "MALAVITA" e "lacreme napulitane"... senza mai mandare in onda una sua performance, una sua canzone... che forse sarebbe stato l'omaggio migliore. Persino le "facce" scelte dai giornalisti presenti all'evento, pescate secondo la regia delle teorie lombrosiane e dell'estro del compianto Nanni Loi, per far ridondare di ancor più squallida napoletanità i servizi mandati in mondovisione, erano scelte tra volti più somiglianti a quelli di eventuali "zappatori", "figli piezze 'e core", "mamme cu 'e spade 'mpietto", "malafemmene" e "malòmmini", come tratte a forza da un presepe post-moderno di Ferrigno. Mancavano solo la venditrice di uova e il venditore di taralli. immagine Nemmeno Lina Wertmuller avrebbe saputo creare una scenografia così colorita, per raccontare in un film la Napoli americana del dopoguerra; quella di Malaparte... ovvero un nuovo documento su di una Napoli senza Identità; quella già bacata dalle "signurine 'e Capodichino che fanno ammore cu' 'e marucchine"... e... "sigarette, papà... caramelle mammà'"...  "ddoje dollare 'e signurine" in una orgiastica tammurriata che s'è pur vero che ha caratterizzato una realtà cittadina innegabile del secolo orribilis, il '900, ha provveduto anche, egregiamente, a cancellare la memoria, la dignità di una genìa famosa nel mondo per ben altre diverse peculiarità. Nell'antica piazza, quella gran folla baccante tra il sacro e il profano, era calata nei secoli più e più volte per altri eroi: Corradino, Tommaso Aniello, Michele Pezza detto Fra' Diavolo, le cui esecuzioni capitali ed esequie erano servite ad indicare svolte storiche, rivendicazioni, vandee contro lo strapotere straniero... quando Napoli aveva un'anima e un Popolo; oggi, v'è una Napoli virtuale, dimentica di se stessa e quel Popolo fiero si è trascinato man mano nell'anarchia e nella negazione di se', "tirammo 'a campa'",  finendo con l'essere numericamente "popolazione"... divisa in due schiatte: intellettuali giacobini chiusi nei salotti e nei circoli, a praticare lo sport del marketing culturale, fatto di speculazione e finanziamenti, in nome dell'illusoria internazionalità partenopea; dall'altra parte, la schiatta della popolazione di stampo coloniale post-americano, antropologicamente ancora legato per un filo di capello alla becera oleografia "pizza & mandolino", senza più sogni ne' speranze. Ambedue le categorie sanamente ancorate all'individualismo più sfrenato e, spiace ammetterlo, alla bestemmia dei Valori, totalmente assenti. Insomma, se ieri Napoli si rintracciava nel binomio Miseria e Nobiltà, bisogna ammettere che la "nobiltà" è latitante e che la "miseria" è calata come una coltre pesante sugli argenti di famiglia ma anche sulle montagne di monnezza... sui pioppi, sui mirti e sui pini silvestri... sulle cronache cittadine... sul futuro. Se quella folla baccante, che spara fuochi d'artificio e canta alle esequie di un suo figlio, la si potesse vedere anche in corteo contro il malgoverno, contro la camorra, contro il consumismo, contro i mali che affliggono Napoli... allora, sì... ci sarebbe una speranza!               

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: