Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Tributo d'onore alla Re...Dobbiamo SEMPRE distinguerci! »

'O jettatore

Post n°269 pubblicato il 17 Aprile 2007 da vocedimegaride
 

di Clara Negri

immagine

Chi non ha mai sentito parlare di iettatura? E chi non ha mai avuto un moto di timore o di fastidio nell’incontrare lo sguardo, vagamente sinistro e malinconico, dell’individuo che considera iettatore? La iettatura è una parola napoletana che deriva dal latino iactare, gettare (il malocchio) ma resta una credenza antichissima, non soltanto accettata dalla regione d’Italia che alcuni definiscono “ignorante e terrona”, bensì in ogni tempo e in ogni paese del mondo. In molti musei si possono ancora ammirare amuleti egizi, babilonesi, greci o romani, cinesi o giapponesi, atti a proteggere dallo sguardo malevolo e potente di colui che, consapevolmente o meno, ci vuole male. Buona parte di tali oggetti scaramantici ha forma appuntita e lunga, come i corni (chi non ne ha mai indossato uno?), i chiodi, la manina chiusa che presenta solo l’indice e il mignolo eretto, il ferro di cavallo, la lucciola e così via. La forma appuntita è però quella che più garantisce la protezione, sia perché la punta attrae le energie cosmiche facendole scaricare su di sé - basti pensare al parafulmine - sia perché è un simbolo fallico, quindi in analogia con la fertilità e con la nascita. Benché la iettatura venga sovente considerata una forma di superstizione e di ignoranza, molti sono pronti a giurare che il fenomeno è reale e, nel contempo, a raccontare episodi incredibili, sempre particolarmente incresciosi, sopravvenuti poco tempo dopo l’incontro col malcapitato che gode fama di iettatore. Ecco perché, a parte amuleti e portafortuna vari, vi è anche tutta una serie di scongiuri che servono a neutralizzare le nefaste influenze di chi, a torto o a ragione, ha la ventura di portare disgrazia al prossimo. Il famoso scioglilinguaimmagine napoletano: “Occhio, malocchio, corno, bicorno, aglio, fravaglio, fattura che non quaglia, ” è una filastrocca che il popolino garantisce valida grazie al suono cantilenante che può neutralizzare il danno d’uno sguardo capace di avvizzire in un fiat una rosa in boccio. Ed è tanto connaturata nei semplici la tradizione dello scongiuro che ancora oggi, in chiesa, è facile vedere una popolana che, dopo aver intinto nell’acqua santa la mano destra, si fa il segno della croce e poi si bacia l’indice destro piegato ad uncino. L’implicito riferimento sessuale dello scongiuro si spiega con la diffusa credenza che tutti coloro, o tutte le cose, che si trovano in una fase di vita in sboccio, risveglino invidie ed hanno quindi bisogno di essere protette; ecco perché la tradizione popolare attribuisce anche alle vecchie, oramai sterili, e ai preti, che hanno fatto voto di castità, il titolo di menagramo potenzialmente capaci di provocare persino la siccità nei campi e la scarsezza del raccolto.In base a questa teoria, si debbono riguardare particolarmente dal malocchio gli innamorati, le donne incinte, i bambini e gli agricoltori che vivono dei prodotti della terra perché lo iettatore provoca dovunque sterilità e morte. La tradizione, oltre che all’uomo, attribuisce anche ad alcuni animali la capacità di portare male, come il gatto nero, il gufo o la civetta, animali notturni la cui voce lugubre sarebbe annunciatrice di morte. Ma che aspetto ha lo iettatore, quest’individuo dalla fama così sinistra? Lo iettatore tipico è magro, di colorito giallastro, naso affilato o adunco, sguardo sfuggente, occhi di colore indefinibile. Non è sposato (o non è sposata) e non ha figli. Talvolta ha un visibile difetto fisico che imbruttisce, in particolare se coinvolge lo sguardo, perché il “diverso” ha sempre provocato diffidenza e paura. Poiché sono numerosissimi gli individui che attribuiscono una sorta di malaugurio a persone o cose che, subito dopo averle incontrate sembrano aver scatenato avvenimenti sgradevoli o penosi, alcuni studiosi, costretti ad accettare la realtà del fenomeno, ne spiegano l’effetto malefico con una qualche energia sconosciuta emessa dallo iettatore, nociva per chi lo accosta. Altri invece, non potendo smentire il fatto, lo giustificano con la sincronicità yunghiana, insomma con qualcosa che sembra esercitare un’influenza su un’altra soltanto grazie alla peculiarità di presentarsi qualche momento prima della seconda, senza alcun rapporto di causa-effetto. Oltre alla iettatura vi è pure il maleficio, parola che proviene anch’essa dal latino, “malum facere”, e che intende la possibilità di provocare il male con l’ausilio di forze demoniache o soltanto superiori all’uomo. Maleficio o fattura possono venir considerati sinonimi giacché la volontà di nuocere viene attuata attraverso particolari suoni, parole, simboli, rituali o oggetti, come candele o bamboline di cera usate da sedicenti streghe e stregoni, naturalmente previo lauto compenso, per nuocere o legare il prossimo. Ecco quindi le fatture d’amore, per ottenere con la magia chi non ci ama, o per separare, sempre con la magia, una persona che ne ama un’altra, ed ecco ancora i malefici o le fatture ostili, allo scopo di danneggiare la salute o la posizione sociale di chi odiamo o, in ultimo, la terribile (sul piano morale) fattura a morte, per eliminare fisicamente chi avversiamo. Per difenderci da questo pericoloso attacco di forze invisibili, se non ci siamo inutilmente suggestionati, non sarà più sufficiente lo scioglilingua napoletano o l’amuleto ma occorre l’acqua santa, il crocifisso, la medaglietta della Vergine Maria e, nei casi eccezionali, il mago o l’esorcista capaci di togliere la fattura.  Benché nella maggioranza dei casi gli individui che si dichiarano capaci di fare o togliere malefici siano semplici millantatori o esaltati, in realtà il fenomeno esiste, e per togliere la fattura occorre anche distruggere - ovviamente dopo averli ritrovati - gli oggetti utilizzati per nuocere, come ad esempio il limone o la patata trafitta da spilli, la bambolina di cera, gli intrecci di piume o gli spaghi annodati e nascosti nelle abitazioni dei malcapitati. Però, se ci si vuol proteggere da qualsiasi influenza negativa esercitata dagli altri, occorre per prima cosa non aver paura, perché il timore indebolisce i nostri poteri di difesa fisici e mentali. Chi assume invece atteggiamenti positivi e fiduciosi verso la vita e verso il prossimo non sa che così forma attorno a sé una barriera invisibile ma efficacissima contro ogni negatività, accidentale o intenzionale. Indipendentemente dallo iettatore, pare che esistano persone che risultano biologicamente tossiche per alcune altre; potrebbero essere queste a spiegare la fama di iettatrici? Ad esempio, alcuni casi di malessere, febbriciattola, depressione, apatia, da alcuni medici sbrigativamente definiti malattie da virus stagionali, da altri sono state poste in relazione con gli effetti del malocchio. Insomma qualche medico più sospettoso è arrivato a notare che le infezioni da virus molto spesso assomigliano agli effetti provocati dal cosiddetto iettatore.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: