Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« La voce del profondo SudValsa de Euridice »

Un anno fa, l'11 agosto, ci lasciava Giacinto Auriti

Post n°421 pubblicato il 10 Agosto 2007 da vocedimegaride
 

di Antonio Pimpini - presidente Associazione Culturale “Giacinto Auriti”

E’ trascorso un anno dalla scomparsa del prof. Giacinto Auriti ed è come se fosse avvenuta oggi. Il vuoto che ci ha lasciato è ancora più evidente se si tiene conto dell’attualità delle sue idee, dell’anelito di giustizia che caratterizzava tutte le sue azioni ed attività e della sua grande umanità. Le domande e le questioni che lui aveva posto sono sempre più attuali e la sua Teoria, inizialmente ritenuta una utopica espressione di uno stravagante professore universitario, pian piano assume i contenuti di una verità in divenire per fatti concludenti. Aleggia sul terrazzo di Guardiagrele della sua Casa Natale, da pochi giorni riaperta per il periodo estivo dalla moglie e dai figli, la domanda “L’euro di chi è?”. Quello striscione, collocato in bella vista sulla piazza centrale di Guardiagrele, attende ancora una risposta e, nel contempo, rappresenta un monito per tutti coloro che lo conobbero ed anche per chi non ebbe tale fortuna, per non dimenticare e, nel contempo, per diffondere la grande verità della “proprietà popolare della moneta”. Il suo ricordo è indelebile per noi, ma al ricordo occorre coniugare il segnale della continuità, per far sì che la lotta di oltre cinquanta anni di vita del prof. Auriti, dedicati alla servizio della collettività e al bene comune, non vengano dispersi. Ed allora queste brevi righe vogliono porre l’accento su entrambi i profili: ricordo e divulgazione della teoria. In riferimento al ricordo, che guarda al passato come monito per il presente e si attua con segnali tangibili, mi rivolgo al Sindaco di Guardiagrele, affinché, oltre alla targa sulla Casa Natale (che è, poi, una scelta insindacabile della Famiglia), sostenga l’iniziativa di molti guardiesi di vedere un busto del prof. Auriti collocato ad imperituro ricordo in una zona del centro storico. Ma al Sindaco stesso devo rivolgermi per sollecitare anche l’altro profilo, quello dinamico della divulgazione della teoria, ricordando a me stesso che si fece promotore, con grande sensibilità ed onestà culturale e con lo spirito critico – conoscitivo di chi è aduso all’utilizzo della ragione, della creazione di una scuola, sotto l’egida e il patrocinio del Comune di Guardiagrele, per comprendere, diffondere e sottoporre a vaglio dialettico le tesi del prof. Auriti. Solo così il ricordo non avrà mai la peggio dinanzi all’ingiuria del tempo e le future generazioni, che saranno loro malgrado poste dinanzi al problema della grande usura e della truffa dell’emissione monetaria, saranno dotate di armi e strumenti per comprendere la rilevanza vitale della questione e per volgere lo sguardo al bene comune in luogo di quello di pochi eletti o iniziati. E’ di questi giorni la dibattuta questione della vendita dell’oro accumulato presso la banca d’Italia, non – si badi – della banca d’Italia. Se la grande truffa dell’emissione monetaria ha fatto sì che l’istituto di emissione, oggi BCE, la vera spektre dei giorni d’oggi, si arrogasse senza titolo e legittimazione la proprietà della moneta al momento dell’emissione, costituisce naturale corollario che l’oro, che precedentemente costituiva la riserva fittizia, non può essere liberamente dismesso ed i relativi proventi incamerati dallo Stato, in rappresentanza organica di tutti i cittadini, perché il grande usurario lo ritiene di sua proprietà, in barba all’interesse nazionale e collettivo. Quell’oro, bottino del reato – per vero marginale rispetto a quello derivante dal signoreggio –, è di tutti i cittadini italiani. Quanto avevi ragione prof. Auriti! L’assassino può forse smettere di delinquere, lo strozzino no, perché la sua è malattia morale e culturale. Pertanto, per porvi rimedio è necessario eliminare l’oggetto del desiderio: la proprietà della moneta. Con l’introduzione della proprietà popolare della moneta il grande usurario è fuori dal gioco e tornerà ad essere quello che da sempre doveva essere il suo ruolo: il tipografo della moneta. Nonostante la nostra disorganizzazione e finanche la disomogeneità di coloro i quali hanno ricevuto i Tuoi insegnamenti, questo non lo dimenticheremo mai e, per quello che ci hai dato, non Ti dimenticheremo mai, perché non per noi non sarai “mai morto e mai ferito”.
Sabato 11 agosto 2007, alle ore 18,30 presso la Chiesa di S. Chiara in Guardiagrele vi sarà una Messa in suffragio. (fonte www.abruzzopress.info)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: