Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« BASTAAAA!!!Eppur si move »

Di monnezza in monnezza - breve break sul caso Contrada

Post n°543 pubblicato il 08 Gennaio 2008 da vocedimegaride
 

Sollecitata da più parti circa le news sul problema annoso della monnezza, bastonata da collaboratori e lettori che chiedono il perchè dell'indirizzo monotematico del giornale sul caso Contrada mentre  a Napoli si è a rischio guerra civile, la redazione  razionalmente fa presente che: a) di monnezza, intesa come rifiuti solidi urbani, ne ha straparlato per anni, da quando c'erano il ministro Bianco ed il solito Bassolino (praticamente, un'era geologica fa) concludendo con una petizione al Parlamento Europeo...che si è persa nei miasmi dei liquami di sversamento; b) che il copione della commedia è in rappresentazione - sempre la stessa - dai tempi di Pappagone ovvero del Rinascimento Bassoliniano che doveva arrivare per "mezzogiorno...ma sono le due...e ancora non s'è visto nessuno"; c) che alla solita solfa dello zampino della camorra non ci crede più...a meno che la classe dirigente non faccia pubblica ammenda (e...non la farà mai); d) che la monnezza giudiziaria sul caso Contrada sia più dinamica , negli ultimi tempi, quindi più avvincente dei soliti dejà-vu della monnezza statica partenopea; e) che comunque parteggia per gli onesti ed innocui cittadini del quartiere Pianura, in attesa che TUTTI I NAPOLETANI RITROVINO L'ORGOGLIO E LA DIGNITA' dei loro più celebri padri, da Masaniello ai partigiani detti "briganti".
Simbolicamente, questa redazione pubblica, condividendola, anzichè le solite cronache monnezzare nelle quali sguazzano tutte le testate locali, nazionali ed estere (che altrimenti non saprebbero di cosa parlare) la lettera di una ex emigrante ns.lettrice appena rientrata a Napoli, inviata al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in data odierna, a chiaro monito per i fortunati, ignavi,  residenti, nel contempo disilludendo la medesima circa un'eventuale risposta dall'illustrissimo COLUI il quale, napoletano di nome e di fatto e all'acme del POTERE, ha preferito lavarsene le mani della tragi-monnezza autoctona, girando al largo da Napoli e dai napoletani di Pianura, per andare a coccolarsi nella status symbol Capri, come un Onassis qualsiasi: "Compagno, tu fatichi ed io magno!

 
"Presidente, trent'anni da emigrante a Milano - un ergastolo - con la sola voglia di tornarmene a casa, nella MIA Napoli. Trent'anni a promuovere nel nord razzista la cultura e l'immagine di Napoli. L'offesa più grande? No, non quando ascoltavo il solito profferir di suoni del volgo locale ai coinquilini del Sud: terrone, mandarino... ma quando al mio orgoglioso declamare nei salotti buoni meneghini "Sono napoletana!", puntualmente le "sciùre" ed i "cummenda" mi rispondevano "Non si direbbe proprio!", lasciandomi annichilita! Trent'anni milanesi..persino indossatrice per l'Anteprima Moda in Fiera, presentatrice e conduttrice di manifestazioni locali molto note, giornalista meridionalista e scrittrice...banchetti in piazza a San Babila, affollatissimi, presso cui presentare la vera storia di Napoli, le bellezze di Napoli, la cultura di Napoli. Meeting lumbàrd sul Mezzogiorno, affollatissimi, con pagine intere sul Corsera e su Il Giornale....Documentari e fotoreportages meridionalisti sull'Arte napoletana. Di tutto: ho scritto e parlato della Napoli che IO CONOSCO. Ora, torno qui,  a Napoli, per eccesso di pucundria, una mano avanti e l'altra dietro, per occuparmi da Napoli di Napoli, per morire qui e rilevo che tutto il mio lavoro è da buttare alle ortiche, stante l'attualità eclatante della MONNEZZA d'animo e di risorsa che chi era preposto alla cura della mia città mentre io ero in esilio a magnificarla da lontano, in terra straniera, mi ha gettato addosso. A me ed a tutte le cose belle e vere che in trent'anni ho "cantato" di Napoli! Senza più Arte ne' Parte mi ritrovo e con un futuro che mi fa rabbrividire. Pretendo il risarcimento del danno biologico, esistenziale e professionale da questi indegni e apocalittici amministratori locali.
Pretendo che Lei li metta all'indice! Pretendo cure amorevoli per la MIA Napoli ferita a morte, non solo dalla camorra ma prevalentemente dalla sua classe dirigente!
Grazie! M.S. "

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: