Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« marcia digitale'O Pazzariello »

La Cina è vicina

Post n°619 pubblicato il 16 Marzo 2008 da vocedimegaride
 

di Marina Salvadore


Si fa presto, cari italioti, a chiedere al Governo di non partecipare, per protesta, alle prossime Olimpiadi in Cina, ritirando squadre ed atleti. Ci si dimentica, sull’onda emotiva elevatasi dai gravi fatti del Tibet – peraltro non nuovi ma staticamente in emergenza umanitaria continua da lunghissimo tempo – che proprio chi è al governo tuttora, nella passata campagna elettorale eppoi, ancora amplificando il concetto de “La Cina è vicina”, nel settembre 2006 con un’inutile carnevalata sul territorio giallo, ridondante di tutto il seguito imprenditoriale e politico italiano, stringeva mani e affari con terribili kapo’ dagli occhi a mandorla, per il ridicolo rilancio di un’economia italiana già defunta ed imbalsamata da anni! Ben prima di quel "prete spogliato" di Prodi anche il vicere’ campano Bassolino – stessa “squola di pensiero” – con un seguito immane di zombies rigenerati dai sepolcri imbiancati dell’imprenditoria napoletana (questa, defunta almeno dal 1861) invadeva la Cina, stringendo anche lui mani e… non si sa bene quali “affari” produttivi per il vicereame, già invaso e ulteriormente devastato, dopo i Savoja, dai cinesi. Da questo foglio abbiamo più volte trattato del profetizzato “pericolo giallo” e, certamente, da buoni “affricani” – come ci definivano i piemontàrd 150 anni fa – scevri da ogni forma di razzismo. Semplicemente, l’attualità sui temi che ci stanno a cuore quali i diritti umani e quelli degli animali, le nostre misere condizioni economiche ed il nostro patrimonio identitario ulteriormente sconvolti da certi usi e costumi dei nuovi invasori cinesi, a cominciare dalla loro MAFIA, ci segnalavano cose orripilanti che avrebbero meritato la censura mondiale, l’embargo; insomma una misura concreta di autorevole fermezza politica che – caso strano – l’occidente con i suoi governi evoluti non ha lesinato ad altri paesi e popoli meno pericolosi e molto più piccoli della sconfinata Cina. Abbiamo trattato e MAI DIMENTICATO delle neonate cinesi, milioni, partorite e gettate in strada a morire con ancora il cordone ombelicale attaccato al cielo d’oriente, dei detenuti cinesi usati come fornitori di organi vitali per trapiantati occidentali a bassissimo costo nelle cliniche a sette stelle dei mandarini… abbiamo detto di interi borghi contadini con la gente dentro, dei quali hanno cancellato la geografia e la vita per deportarne greggi come barboni altrove, soltanto per divergere il corso del grande e fertile fiume giallo con una pericolosissima diga che provocherà futuri disastri eco-ambientali… degli orsi vestiti di una gabbia su misura, attaccati con un grosso ago infilato nell’addome ad una perpetua ricarica automatica di bile, miracolosa per certi farmaci fuorilegge… dei cani scuoiati vivi al mercato per farne pelliccette per i capi più trandy dei nostri stilisti e di quelli vivisezionati nelle cucine dei celebri ristoranti (anche nelle nostre città) laddove i N.A.S. dei Carabinieri impallidiscono quando ci vanno per controlli!… Abbiamo scritto dei tanti piccoli schiavi di 7… 8 anni, che lavorano 18 ore al giorno nei sottoscala dei mille e mille laboratori clandestini sul nostro suolo, colà sopravvivendo, senza mai vedere la luce del sole… dei tanti piccoli artigiani nostrani che hanno dovuto chiudere l’attività perché fagocitati dalla perversa “industriosità” non fiscalizzata dei cinesi di cui prima, con un occhio particolare – tra l’altro – all’elevata letalità di materie prime usate nella produzione di capi d’abbigliamento, calzature, cibi, farmaci e “belletti”. Le antiche glorie del porto di Napoli, grazie all'amministrazione bassoliniana, gettate nella monnezza, ora che il Porto è gestito dai cinesi ed i napoletani vi lavorano da schiavi "camalli", nel più felice connubio criminale che Polizia e GdF faticano ad arrestare.  Ma il governo italiano è cieco: fa le sue belle moratorie umanitarie contro la pena di morte e non sa che in Cina è richiesto ai familiari dei giustiziati, il costo della pallottola adoprata nell’esecuzione della pena!
Ora, fingeranno di schierarsi dalla parte del Dalai Lama, ma solo perché Sua Santità, in virtù della sua fede autenticamente pacifista, animista – come Gandhi, del resto – gli ha tolto il sassolino dalla scarpa, non essendo Egli autorizzato dal suo Bodisattwa a chiedere il boicottaggio delle Olimpiadi o altre misure concrete di reazione o di offesa al nemico. Magari, però, il Dalai Lama – nella sua qualità di Uomo del Tibet e non di Spirito Incarnato – confida sommessamente nell’aiuto di qualcuno… di quelli cui ha dispensato amicizia, bene, pace. In dicembre il Dalai Lama non è stato neppure ricevuto in forma ufficiale dai nostri evoluti, civili, umani “politicanti” di sinistra e di destra… che se la facevano sotto per le eventuali ritorsioni del governo cinese. Vergogna! Dopo tutto ciò, credete voi, ingenui e cazzimmisti italioti, che qualche occidentale “evoluto” si premurerà di prendere posizione contro quell’orribile Impero alieno che è la Cina? Le Olimpiadi sono, sin dall’antichità, il più bel simbolo della concordia tra i Popoli: ad Olimpia, per l’occasione, si sospendevano anche le guerre in corso… Gli atleti, poi, sono ancora quelli del “mens sana in corpore sano”… o sono anche loro prodotti dell’economia nazionale? Ecco, al di là di squallide vicende di doping e sponsors, ci vorrebbe un miracolo prettamente laico: che siano tutti gli atleti del mondo a ritirarsi dalla competizione! Utopia pura anche questa? Sì, lo ammetto! Gli sponsor, collegati all’economia, non perdonano! Allora, chiedo scusa a Gesù Cristo anche se non ve n’è bisogno poiché Egli è uno dei Grandi Bodisattwa reincarnatisi in questa “Umanità”... mi sa che il permesso dovrò chiederlo al Santo di Legge, Pietro... e mi prendo un intervallo dal mio monoteismo, facendomi momentaneamente buddista. Così facciano, s’è vero il battesimo di Carità di ogni monoteismo, tutti i Cattolici, gli Ebrei ed i Musulmani. Siamo o non siamo “spiriti guerrieri”, abituati al sangue e specializzati  proprio in guerre di religione? 
Ovvio, per i più stretti osservanti, se il Dio Danaro acconsente... se la "solidarietà" come l'intendono è pagante!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: