Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Appello di Romano Contra..."FORZA CAMILLA!!!" »

Fratelli d'Italia

Post n°679 pubblicato il 22 Maggio 2008 da vocedimegaride
 

di Enrico Moscarelli


Vorrei che i nostri martiri dell’Unità d’Italia, quelli della bellissima Piazza dei Martiri, risorgessero per vedere lo stato in cui versa il loro paese, sotto cumuli  di spazzatura e ostaggio della camorra che fa affari con gli imprenditori del centro e del nord e che con loro avvelena quelle che furono le terre vergini del Vesuvio. Sono certo che sarebbero loro, quei martiri, a vergognarsi. Loro che, in buona fede e amando una vagheggiata Italia di fratelli, sarebbero costretti a constatare che molti fratelli del Nord, altro non sono che relitti di un’antica barbarie, quella si difficile da estirpare. Perchè questi barbari dicono di sperare, non già di essere pronti a contribuire a risolvere i problemi che essi stessi hanno in gran parte determinato nel Sud alla deriva, quello che dovrebbe essere il Sud di una patria che è anche la loro, ma, per quanto riguarda Napoli, [lo dicono per scherzo, in fondo lo pensano in tanti] sperano in una devastante eruzione del Vesuvio, come possibile soluzione. Ma i barbari scendevano con le armi e non facevano in segreto scempi e devastazioni, come fanno gli affaristi senza scrupoli della ricca Padania. I barbari seri non si proclamavano fratelli di quelli che invadevano, mentre del Meridione, non siamo ormai più chiamati fratelli, bensì parassiti di risorse prodotte al nord dai concittadini di Tanzi e di Gnutti (e non mi dilungo su un elenco che sarebbe cospicuo). Va detto, a onor del vero, che i fratelli del nord, ci lasciano confezionare le mozzarelle, sebbene sembrano pentiti, perché forse già meditano di provvedere a gestirne la vendita in modo televisivamente più efficiente. E che dire, poi, della furbastra guerra mediatica che si fa contro il Sud di uno stesso paese? Qualcuno recentemente ha detto alla tv che il nostro turismo (si fa per dire) si sarebbe avvantaggiato delle numerose testimonianze e lavori televisivi su Napoli. Ma quanto di più si sarebbe avvantaggiato il nostro turismo, se quei mass media ne avessero taciuto, visto come realizzano quei lavori su Napoli, che è quella Napoli che loro immaginano e desiderano che sia. Vero è che Napoli, sebbene il suo nome richiami la polis che era uno Stato indipendente, non è uno Stato, e perciò non può darsi leggi efficaci contro la criminalità o per un piano quinquennale di sviluppo economico. Napoli è solo una città e ad essa non si può chiedere  e non sarebbe consentito di lottare contro i malviventi, che hanno le loro armerie dappertutto, come non si può chiedere ad un condominio un piano di sviluppo industriale. L’unico responsabile della lotta alla criminalità è lo Stato, e se lo Stato non lo fa efficacemente (p. es., non si parla mai di “eliminazione” della criminalità organizzata, ma, nel migliore dei casi, un tempo, si parlava di “maggior contrasto” e, del resto, salvo rilievi con il gesso dopo qualche resa dei conti e qualche mappa territoriale con i nomi dei titolari, non si è mai visto un vero e serio “scontro” tra lo Stato e la camorra o la mafia)  Napoli deve essere considerata città martire di questa Italia, con tutto il Sud, e non deve lasciarsi insultare da beceri imbecilli, che dovrebbero essere, in un paese serio, oggetto di provvedimenti penali da parte della magistratura. Si, perché, come diceva Demostene, l’insulto contro un popolo intero e assai più grave dell’insulto contro un singolo individuo, ciò che d’altra parte prevedono anche le leggi (si fa per dire) in vigore. La spazzatura: non si vedono all’orizzonte soluzioni strategiche del problema, che ha rilevanza nazionale e forse internazionale, mentre si fa da sempre il gioco perverso (v. Commissione Saredo del 1901) di scaricare le responsabilità sulle autorità locali, che sono pur sempre espressione delle centrali romane dei partiti. E questo preannuncia anche in futuro ineludibili e gravissimi scontri fra questa città e questo Stato. Ma i fratelli d’Italia, che si divertono a dire che per Napoli non c’è speranza, non si illudano, la eventuale e auspicata (da loro) distruzione e fine di Napoli comporterà la fine di questa madre matrigna, che è questa Italia.

 

(a proposito di una lettera alla stampa firmata Vittorino Rossi – Brembate Sopra (BG) e di un’altra non meno squallida di Alessandro Tomaselli – Treviso, sotto il titolo “Dal Nord:Napoli sei una schifezza”)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: