Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Appello a SarkozyComici ... da far piangere! »

Onore a Bruno Contrada!

Post n°734 pubblicato il 09 Luglio 2008 da vocedimegaride
 

di Marina Salvadore

Non ha torto l’avvocato Lipera nel non voler adire per Bruno Contrada la Corte per i Diritti Umani di Strasburgo: ci vogliono anni per addivenire ad una sentenza e, nel caso del vecchio ed ammalato Prefetto, una riabilitazione postuma sarebbe squallidamente ridicola: questa cosa andava fatta, volendo-potendo, ai tempi della carcerazione pseudo-cautelare del suo assistito; un’ ignobile carcerazione “congelata”, prolungata, contro ogni principio etico e normativo… ma a quei tempi e per le modalità di quell’arresto gli avvocati non avevano la possibilità di accennare brillante aggressività alcuna, talmente potenti erano i pupari che tiravano i fili dell’utile marionetta Contrada… ed ha ragione anche il vecchio leone che dall’angusta gabbia del Circo di Stato ov’è recluso si affanna cortesemente a chiedere ai denigratori ed ai “Robespierre” dell’ultim’ora di leggersi per bene tutti gli atti di quindici anni di processo, prima di sputare sentenze a vanvera. Hanno ragione anche alcuni Magistrati (non tutti i magistrati sono uguali, per grazia di Dio) autentici uomini di Legge, come uomini di Legge erano gli abusati Falcone e Borsellino, nel suggerire l’anticostituzionalità del procedimento Contrada, suscettibile di denuncia presso l’Alta Corte Internazionale di Giustizia de l’Aia: cosa che andrebbe immediatamente fatta, considerato anche che i numerosissimi sostenitori di Contrada da sempre si battono per la sua piena riabilitazione e non per l’elemosina di una “dolce morte assistita”, com’è d’uso nei feuilleton romantici dell’800! Noi, qualche carta processuale l’abbiamo letta… ed anche tanta letteratura su Bruno Contrada. Per fortuna, ci spinge l’onestà intellettuale ch’è una “polverina magica” capace di far incontrare nella stessa landa, nel bel mezzo della singolar tenzone, cavalieri lancia in resta, altrettanto solitari e… coraggiosi, come il giornalista pioniere del caso Contrada, Salvo Giorgio, come alcuni colleghi dell’ex gloriosa squadra mobile di Palermo, come alcuni autorevoli personaggi dei quali non ci è possibile fare nomi e cognomi, per evitargli grane. Perché adire la Corte Internazionale di Giustizia e far sanzionare l’Italia per le modalità dell’assurdo processo Contrada è presto detto, fatta salva la libertà di opinione di chi scrive e prende su di se’ la piena responsabilità di ciò che scrive, perché è l’ora di uscire allo scoperto, fuori dal tunnel dell’ipocrisia, liberi dal retaggio di un’ oscura dittatura, responsabile di stragi e malaffare, di ingiustizia e strapotere occulto che ancora si consente di trattare come imbecilli nati i sudditi di questo Paese, nato 150 anni fa sulla delazione e la menzogna risorgimentale, tra le confortevoli braccia del Potere e pasciuto a balia dalla Criminalità Organizzata (i due storici “sbarchi in Sicilia” la dicono lunga). Il giudice Ingroia P.M. del processo Contrada, nel suo delirio giustizialista ha omesso di accogliere agli atti le numerose prove a favore dell’imputato e, nel suo delirio di onnipotenza, è stato anche poco furbo e molto narciso dall’ammetterlo, in dichiarazioni rilasciate alla stampa e diffuse ovunque. Rileggete con attenzione, per esempio, un tassello del pregevole dossier “I Due Poliziotti ”realizzato dall’impareggiabile Lino Jannuzzi : “…Il caso del "pentito" Francesco Marino Mannoia è ancora più clamoroso e scandaloso. Nel corso del processo di primo grado Mannoia depone che Contrada e Riccobono facevano i confidenti l'uno dell'altro", e Contrada viene condannato. Al processo di appello gli avvocati di Contrada scoprono che esistono i verbali di due precedenti interrogatori di Mannoia, dove il "pentito", richiesto dai pm se sa e può dire qualcosa di Contrada, dichiara di non saperne assolutamente nulla. Il presidente della Corte d'appello, la prima, quella che assolverà Contrada, domanda ai pm perché i verbali di quei due interrogatori sono stati nascosti e non sono stati portati al processo. Il pm Antonio Ingroia gli risponde che non hanno portato quei verbali perché "li avevamo ritenuti irrilevanti perché non riferivano alcuna circostanza a carico di Contrada" e perché l'accusa "è interessata solo ai documenti che sono a sostegno delle tesi accusatorie". Lo Stato di diritto e la Costituzione si declinano così nella cultura dei professionisti dell'antimafia. Persino Mannoia, mafioso e delinquente e assassino, dimostrerà di avere più senso della giustizia degli inquisitori della procura di Palermo, e in particolare di questo Ingroia che nasconde i documenti della difesa e si esalta solo con quelli che accusano…” . Nel procedimento di stile anglosassone, di recente invocato a singhiozzo anche in Italia, il P.M. è obbligato a richiedere alla Polizia Giudiziaria prove a carico MA ANCHE A DISCARICO dell’imputato… ammesso e non concesso – come direbbe Totò, il principe della risata – che Contrada sia stato effettivamente condannato su prove certe, certificate e documentate; cosa che non ci pare essersi verificata nel caso in questione, se c’è stato chi, indegnamente rivestito di una sacra toga ed in nome del Popolo Italiano, la delazione e la calunnia le ha acquisite agli atti! Non mi è proprio il linguaggio giuridico ma se la LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI vuol dire che si esprime nella lingua nazionale, comprensibile a chiunque… La LEGGE, appunto… non la “GIUSTIZIA”! Sarà mai possibile far luce sui MISTERI d’ITALIA – perché di questo si tratta – sulla eterna gestione-ombra di questo Stato moralista e gigione, patria di naviganti subacquei? Partiamo da questa piccola opportunità, dall’Alta Corte di Giustizia de l’Aia, scopriremo, poi, perché Bruno Contrada che in quella vigilia di Natale del ’92 stava per diventare un EROE NAZIONALE (perché probabilmente stava per arrestare la primula rossa PROVENZANO) fu invece incarcerato come il peggior traditore e criminale di Stato!
Le date! Tenete d'occhio le date degli avvenimenti della Saga Mafiosa in Sicilia, delle stragi, dei cambi al vertice del Governo, della vicenda  Contrada!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: