UN PEZZO DI UN SOGNO

Con gli occhi aperti continuerò a sognare un mondo mio. Dove c'è solo amore.

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« Messaggio #412Messaggio #414 »

Post N° 413

Post n°413 pubblicato il 28 Dicembre 2007 da Libo81

SAREBBE BANALE
(IL SESTO GIORNO – 8 DICEMBRE 2007)

Milano e le sue luci, Milano e il suo Natale speciale con un’atmosfera da film, con quell’aria gelida che ti penetra le ossa, con il calore della tanta gente in strada che non ti fa mai sentir solo, con i negozi pieni di luci e decorazioni, con le bancarelle piene di ogni cosa, con il fascino della grande città…

con te… accanto a me…

Girare mano nella mano rapiti da noi stessi e dalle luci intorno che così belle non si erano mai viste. Ammirare la maestosità del Duomo e fermarsi per un bacio, guardare la maestosità dell’albero di natale posto al centro della piazza e rendersi conto che una scena così bella non c’è mai stata, e rendersi conto che qui tutto è così bello perché ci sei tu…

accanto a me…

Passa nitido il ricordo della notte prima e di quello che c’è stato, delle parole che ti ho detto e che già da qualche giorno avevo paura di dirti, perché non era il luogo giusto, perché in quella casa non c’era l’atmosfera. Eppure non ce l’ho fatta… Il luogo non c’entra e c’entri tu, così tra le mie braccia accarezzandoti la pelle, scavandoti gli occhi per rubarne l’essenza e restituirtela sotto voce… piano piano…

Ti amo…

Sarebbe stato banale avvicinarsi attoniti verso la decorazione di luce più bella che abbia mai visto in vita mia, un cielo stellato, di stelle che brillano sotto la cupola della galleria, di luci come fulmini nel cuore per fermartelo un momento e farlo ripartire più forte di prima, per toglierti il fiato ancora un po’…
Sarebbe stato banale stringerti ancora di più e portarti al centro della galleria, al centro della città, in mezzo a migliaia di persone per fermare qualche secondo il tempo ed unirci a quelle stelle che brillano per baciarti, guardarti e accarezzarti e per dirti per la prima volta che ti amo…
Sarebbe stato banale esserne così convinti da non sentire più niente intorno, da considerare te il mondo e i tuoi occhi la città e quelle sulla cupola le stelle, quelle vere, quelle dell’universo…

Non sarà stato questo il mio primo “ti amo” per te… ma certamente è qualcosa di scolpito nel tempo… un brivido assoluto, una sensazione che cambierebbe la vita a chiunque.
Un sentimento già dentro di me ed esploso qualche ora prima del tempo…
No, non sono pentito per non avere aspettato, non sono pentito di nulla.

Ho voglia di amarti da un cielo stellato ad una notte di pioggia, da una stanza buia ad uno stadio luminoso, dalla piazza più bella del mondo al vicolo più buio, davanti ad un tramonto e fino all’ultima alba e fino all’ultimo secondo in cui i tuoi occhi mi guarderanno lucidi ed emozionati per dirmi ancora nel silenzio di migliaia di persone…

Ti amo anch’io.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Libo81
Data di creazione: 15/02/2004
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ESTELLAMELANYraffo81franco_cottafavifosforo1981King_Arthur2ayaxlunetta4eversalzillocostruzioniunamamma1filomena4anima_on_linemiciotta_2eli832girasole1980hismajesty1