UN PEZZO DI UN SOGNO

Con gli occhi aperti continuerò a sognare un mondo mio. Dove c'è solo amore.

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« Messaggio #411Messaggio #413 »

Post N° 412

Post n°412 pubblicato il 26 Dicembre 2007 da Libo81

20 GIORNI DOPO…
(22 DICEMBRE ore 05:55)

Apro gli occhi, il mio treno si è fermato. E’ tornato lì silenzioso e buio per fermarsi solo qualche minuto e poi ripartire. Sei a pochi chilometri da me, che così vicina non lo eri da 13 ore, da un viaggio, da un eternità. Odori e suoni, profumi e parole ogni volta che le mie palpebre non reggevano il passo del buio. Immagini nitide e scene trascorse, ogni volta che da quel buio i miei occhi riuscivano a scorgere qualcosa al di là del finestrino appannato che mi ha tenuto la mano per tutto il tempo, come ad accompagnarmi verso una destinazione che non vuoi…
Dove sei? Se penso a quello che è stato ti sento come una costola, una gamba, come le mie mani… Mi manca una parte di me, mi manca da far battere il cuore così forte che tu possa sentirlo come un tamburo anche da qui, anche mentre stai dormendo, anche quando forse mi stai sognando.
Rincorro i momenti di 24 giorni prima, su quel binario… Rivedo la scena a rallentatore, da spettatore, da malinconico protagonista.


Dove si realizzano attimi di eterno tornerai con la mente per sempre…


Ed io ero lì pellegrino e attonito, incantato da luci normali in una stazione normale, che di normale non avrà più nulla per me. Si trasformerà in odori e suoni, profumi e parole, un abbraccio ed una mano e il corpo che trema, come in bilico ad un burrone. E fu così finché non lasciai la stazione e finché gli occhi non mi si chiusero per continuare il viaggio lontano da te.

Venti giorni dopo la volta in cui tu hai messo piede nella mia casa, c’è rimasta soltanto una scritta, il tuo profumo, e qualche indumento. C’è una foto, una coperta ed un accappatoio. Ma soprattutto c’è un racconto e non un sogno, c’è la vita e non l’illusione. E questa storia, lentamente, ho voglia di raccontare… perché è mia, perché è bella, perché resti…

Venti giorni dopo c’è rimasto anche un punto di partenza di qualcosa di incredibile, di qualcosa che non avrei mai immaginato, di qualcosa che ho sempre sperato accadesse, di qualcosa di vero, puro e semplice e che spero non abbia mai fine.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Libo81
Data di creazione: 15/02/2004
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ESTELLAMELANYraffo81franco_cottafavifosforo1981King_Arthur2ayaxlunetta4eversalzillocostruzioniunamamma1filomena4anima_on_linemiciotta_2eli832girasole1980hismajesty1