Bibliodiario

Libri, film e non solo...

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG AMICI

 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

vamm.vendingcecicocribenso20violetta54nicoletta.polliottoannacristina.gallotylerwrooddefrancesco.danielaRicky6877rosanna.chinegoziosatricoevamastroliacris83_cnicoladipasquale1983bibliofilis
 

STATISTICHE

 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« L-O-V-E di Nat King Cole"Amore a prima vista" di... »

Olive Kitteridge di Elizabeth Strout

Post n°328 pubblicato il 03 Marzo 2011 da bibliofilis
 

Mi sono avventurata nella lettura di questo libro con molto entusiasmo viste tutte le persone che lo avevano considerato il migliore letto nel 2010. Purtroppo sono rimasta molto delusa ma ritengo sia soprattutto colpa dei miei gusti: non mi piace la letteratura nord-americana. Ne avevo già avuto il sentore con Frenzen e Zadoorian e con altri scrittori canadesi. Non so perché ma il loro cinismo mi dà l'ansia e mi fa rabbia!

Il libro è ben scritto e ben strutturato: Olive Kitteridge é una signora non simpatica, che compare in ognuno dei racconti del libro che narrano le vicessitudini e soprattutto i drammi familiari della popolazione di una piccola cittadina del Maine (a me è venuta subito in mente la Cabot Cove della Signora in giallo!!). In uno di questi racconti, il figlio depresso della protagonista sposa un' avvocata rampante di città che ovviamente non intesse buoni rapporti con la suocera. Olive ritiene che Miss perfezione possa far sentire inadeguato il figlio e per questo nel giorno delle nozze, trovandosi nella loro camera, istintivamente nasconde scarpe e abiti di lei...

"...l'aiuta sapere che perlomeno ora ci saranno momenti in cui Suzanne dubiterà di se stessa. -Crhistofer sei sicuro di non aver visto la mia sciarpa?- Cercherà in mezzo al bucato, nel cassetto della biancheria, mentre una lieve ansietà le palpiterà dentro. -Non so più dove ho la testa, non riesco a trovare niente...mio Dio cos'è successo al mio maglione?- E non lo saprà mai vero? Perché chi mai scarabocchierebbe un maglione, ruberebbe un reggiseno, porterebbe via una scarpa?"

Chi? Una suocera malata in questo caso! peccato per lei che abbia fatto male i suoi conti visto che la moglie del figlio lo convincerà a trasferirsi sull'altra costa degli States!!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/librincontri/trackback.php?msg=9950718

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
maricadigi
maricadigi il 03/03/11 alle 21:40 via WEB
mi fai pensare che dovrei iniziare a leggere un po' di letteratura americana...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: bibliofilis
Data di creazione: 21/10/2007
 

READING

IN LETTURA

 

 

READ

LETTI DI RECENTE

  

 

 

  

 

 

PROMEMORIA

PROSSIMI IMPEGNI:

Mirò

Dalì

Guggheneim