Un blog creato da librodade il 26/01/2008

Canto XXXV - Inferno

Donne affette da Endometriosi

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Storia di C. di NapoliSTORIA??? Paola di Prato »

Debora di La Spezia

Post n°502 pubblicato il 17 Marzo 2010 da librodade

Ciao sono Debora, di La Spezia in Liguria, ho deciso di raccontarti la mia storia: ho iniziato ad avere problemi durante le mestruaioni cioè dolori molto forti, con difficoltà durante la defecazione all'età di 17 anni. Ho consultato subito un ginecologo della zona il quale mi ha detto che il dolore era normale e così ho sopportato per molti anni e ho iniziato ad usare la pillola anticoncezionale dall'età di anni 20. Mi sono fidanzata all'età di 16 anni con il mio attuale marito, stiamo insieme ormai da 25 anni. Ho subito il mio primo intervento per endometriosi all'età di anni 32, i medici che mi avevano operato mi avevano assicurato che avrei potuto avere figli, ma non mi avevano spiegato che cos'è l'endometriosi. Dopo pochi anni mi sono sposata ed è iniziata la ricerca di un figlio che non arrivava. Mi sono rivolta ad un centro per l'infertilità di Mantova e li il Professore mi disse lei ha un grosso problema l'endometriosi. Dopo un secondo intervento in laparoscopia eseguito a Negrar (VR) sono stata sottoposta a due FIVET ma senza successo, dopo di che mi sono dovuta fermare perchè le stimolazioni ovariche hanno peggiorato l'endometriosi e i medici mi hanno consogliato di non proseguire oltre e mi hanno consigliato l'ovodonazione.

Io e mio marito ci siamo rivolti quindi ad un centro in Spagna dove ho eseguito due fivet con ovodonazione, ad un costo totale di Euro 30.000, ma anche queste senza successo a loro dire per un problema agli spermatozoi di mio marito. Dopo questi ultimi tentativi ci siamo dovuti fermare. ho sofferto e sto soffrendo ancora molto per non aver potuto diventare mamma, avere una vita che cresce dentro di te, non poter provare mai e poi mai questa gioia è terribile, il sentirsi in colpa per non aver potuto dare un figlio a tuo marito che ami più della tua stessa vita. Ma non mi sono fermata ho deciso di adottare un bambino, dico ho deciso perchè mio marito non era d'accordo per niente, ma dopo qualche tempo si è convinto anche lui. Abbiamo presentato domanda di adozione sia italiana che internazionale, abbiamo seguito tutto il percorso, colloqui con psicologi e assistenti sociali e dopo due anni abbiamo finalmente terminato il percorso.

Sentito il Tribunale dei Minorenni nella persona del Cancelliere questi ci ha riferito: ma sarà molto difficile che vi verrà abbinato un bambino italiano, le liste d'attesa sono di 7 anni circa, è meglio rivolgersi all'estero, dovete iscrivervi ad un'associazione e cercare il paese dove adottare il bambino...... i costi si aggirano dai 20,000 ai 30.000 Euro.

Questa è la mia storia, La stessa mail l'ho inviata a molte trasmissioni televisive sperando di essere contattata, ma questo non è mai successo. Tutti se ne fregano di noi donne affette da endometrosi e di noi future mamme adottive. Nessuno fa niente per aiutare le coppie che hanno deciso di intraprendere questo percorso.

Ho convissuto con l'endometriosi per 22 anni senza mai arrendermi, oggi mi rendo conto che sono molto stanca sia psicologicamente che fisicamente, le menopause farmacologiche continue non mia aiutano ne fisicamente ne psicologicamente anzi negli ultimi tempi mi hanno creato problemi seri fisici, la mia endometriosi e molto attiva e sintomatica, quindi ho deciso per l'intervento radicale, ho 42 anni e voglio vivere la mia vita senza quell'organo "l'utero" che mi fatto così tanto soffrire per così tanti anni.

Grazie per avermi ascoltata.

Debora.

 


Ciao Debora, ora è tutto chiaro. E non mi permetto di pronuciarmi dopo aver letto la tua storia. Ci siamo conosciute ieri sera su Facebook e davanti ad un tuo "ho deciso di farmi togliere l'utero tanto non mi serve più a niente" ... ho avuto paura che la tua fosse una frase "superficiale" dettata dalla non informazione. Terrò in mente la tua storia ... ogni tanto qualche giornalista mi chiede qualche storia significativa da leggere. Il tuo percorso ha toccato aspetti che ritengono siano dei veri e propri PUNTI DEBOLI di questa società, che non ha tempo per soffermarsi ad ascoltare.
Grazie per avermela mandata, grazie anche per aver pensato e tentato l'ovodonazione ... che è un grande gesto d'amore che altre donne fanno per noi.
In bocca al lupo ... aspetto presto una bella foto di famiglia, voglio vedere tanti sorrisi.
Ti abbraccio
Vero

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

IN QUESTO MOMENTO SIAMO IN

web stats