Un blog creato da librodade il 26/01/2008

Canto XXXV - Inferno

Donne affette da Endometriosi

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Storia di PatriziaStoria di Stefy »

Storia di Lara

Post n°519 pubblicato il 26 Maggio 2010 da librodade

 Carissima Veronica,  solo questa mattina ho cominciato a leggere il tuo  libro
  "CondividEndo". Chiaramente essendo una delle tante donne affette da
  endometriosi mi sono rispecchiata in qualsiasi cosa tu abbia scritto.
  Voglio raccontarti la mia storia e condividere la mia esperienza con
  te e con le donne come noi e non; perché io vorrei che tutte le donn e
  sia quelle affette che quelle non affette sapessero dell'esistenza  di
  questa "cosa" x fare in modo che non sia troppo tardi, come spes so
  accade, x combatterla.
 
  Ho quasi 39 anni ed ho scoperto di avere l'endometriosi intorno ai
  29.Purtroppo le mie storie d'amore, come spesso accade, sono state
  sempre turbolente, mai sincere, fino a quando sono incappata nella
  classica storia con un uomo già sposato con una figlia. Il destino h a
  voluto che x un caso fortuito rimasi incinta....avevo 27 anni. Da una
  parte ero felice e dall'altra mi rendevo conto che la situazione
  sarebbe stata complicata. Quello che mi fece più male furono le sue
  parole, "è imp ossibile che sia mio e comunque non penserai mica di
  tenerlo?" Insom ma, tra i dubbi e la disperazione totale decisi di
  abortire.
 
  Una scelta che mi peserà nel corpo e nell'anima finchè vivrò.
 
 
  Più o meno un anno dopo, ho cominciato ad avere dolori durante e dop o
  il ciclo sia alle ovaie che nella zona del retto.
  Ne parlai con la mia ginecologa (di cui mi fidavo ciecamente) che mi
  fece fare un'ecografia. Il radiologo mi disse che avevo un nodulo,
  secondo lui endometriosi, (io a suo tempo non avevo neanche capito la
  parola e la dimenticai), che lui avrebbe tolto subito, perché tan to
  era impossibile che sarebbe andato via con le cure. La mia dottor essa
  disse che non era così grave e che con delle cure omeopatiche s arei
  stata meglio. Andai avanti così per 3 anni circa... i dolori au
  mentavano sempre più e decisi di chiedere alla mia dottoressa di bas e
  cosa ne pensava. Lei mi disse, dai sintomi che le descrissi, che s
  econdo lei si trattava di "endometriosi".
  Fu la seconda volta che sentii quel termine e dal quel momento non lo
  dimenticai mai più.
 
  Andai a fare un'altra ecografia al Policlinico e il medico che me la
  fece, non fece in tempo ad appoggiare l'ecografo che disse, ma sei
  piena di noduli, secondo me si tratta di endometriosi.
  Da quel momento tutto ebbe inizio...nel frattempo avevo perso quasi
  4 anni.... trovai un ginecologo che mi disse che mi avrebbe operato
  subito.
  Nel 2003 primo intervento il laparotomia per cercare di salvare le
  ovaie. Uscita dalla sala operatoria chiesi se tutti i miei organi
  riproduttivi erano ancora al loro posto e con grande felicità mi dis
  sero di sì. Erano riusciti a salvare entrambe le ovaie e tutto il re
  sto. Dopo qualche mese i dolori ricominciarono...non potevo crederci
  ....
 
  Mi rivolsi ad un'altra dottoressa che mi indirizzo dalla dott.ssa
  Delfini dell'ospedale San Carlo di Nancy. Mi disse che erano
  specializzati e comunque si stavano interessando ai casi di
  endometriosi.
  Nel 2004 durante una vacanza conobbi un ragazzo ed iniziai una
  bellissima storia d'amore. Lui aveva 9 anni meno di me, ma la
  differenza di età non si sentiva e noi stavamo benissimo insieme.
 
  Nel 2005 la dottoressa mi fece ricoverare per fare tutta una serie di
  esami invasivi e non, per capire quale fosse lo stato dei miei organi
  riproduttivi, degli intestini, vescica, retto e quant'altro.
  Furono dieci giorni veramente pesanti sia a livello mentale che
  fisico. Durante gli esami rilevarono noduli nel tratto retto vaginale
  e nella vescica. Ero provata e non facevo che piangere. Ma ricoverate
  con me c'erano altre ragazze che stavano in condizioni anche
  peggiori... quello che più mi faceva stare male era pensare ch e non
  ci fosse una cura, una soluzione a tanta sofferenza. Quando st avo per
  uscire dall'ospedale la dottoressa mi disse che si era liber ato un
  posto per un intervento in laparoscopia, se avessi voluto pot eva
  intervenire subito. Mi feci forza e decisi di rimanere ed affron tare
  anche l'intervento (che comunque avrei dovuto fare non appena c i
  fosse stato posto).
  All'uscita dalla sala operatoria trovai i miei genitori abbastanza
  provati e il mio ragazzo che mi coccolava.
 
  La dottoressa aveva spiegato a tutti quali fossero le mie condizioni.
  Mi disse che il giorno dopo avrebbe spiegato tutto anche a me. In quel
  momento dovevo stare tranquilla e riposare.
  Gli esiti furono che non aveva potuto fare niente se non vedere fino a
  che punto l'endometriosi aveva intaccato i miei organi. Ero piena di
  aderenze ed era complicato rimuovere il nodulo nel tratto retto
  vaginale o nella vescica. Poteva voler dire non riuscire a ricomporre
  il tratto intestino-retto (quindi utilizzare il
  sacchetto) e dover ricostruire una parte della vescica.
  Quindi decidemmo che avrei sopportato i dolori fino a quando non
  sarebbero diventati davvero insopportabili. E mi disse di sbrigarmi a
  decidere di fare un figlio, che di certo mi avrebbe aiutato. Nel
  frattempo più di qualche volta sono corsa al pronto soccorso per i f
  orti dolori, indescrivibili...
  Il mio fidanzato era molto più giovane di me, quindi pensare ad una
  gravidanza era ancora troppo presto. Decisi di continuare a vivere l a
  mia bellissima storia d'amore e di vedere cosa sarebbe successo.
 
  A gennaio del 2008, mi accorsi di un ritardo. Feci il test due volte e
  le lineette erano blu. Naturalmente la mia felicità non poteva des
  criversi. Lui rimase male e mi disse che avrebbe preferito che io ab
  ortissi perché ancora non si sentiva pronto, nonostante sapesse qual e
  fosse la mia situazione. L'egoismo degli uomini non ha limiti....
  Io gli dissi che avrei tenuto il bambino con o senza di lui, perché
  non potevo sapere se avessi mai più potuto rimanere incinta. Ero una 
  donna indipendente economicamente e i miei genitori mi avrebbero ai
  utato con il bambino. La mia ex suocera era felicissima fece ragiona
  re il mio ex ragazzo e alla fine anche lui si convinse.
 
  E' stato il periodo più bello della mia vita. Avevo da pochi giorni
  trovato una casa. Aspettavo un bambino dall'uomo che avrei voluto ac
  canto a me per tutta la vita, avevo una famiglia che condivideva con 
  me la mia felicità. Non si può desiderare altro dalla vita. Finalme
  nte la ruota aveva girato anche per me!
  Peccato che durò poco più di un mese. Fino al 13 febbraio 2008.... i n
  questo giorno, che rimarrà indelebile nella mia mente, cominciai a d
  avere delle perdite; andai al pronto soccorso mi fecero subito un'
  ecografia e mi dissero che non c'era battito. Mi ricoverai il giorno 
  dopo per il raschiamento.
 
  Mi cadde il mondo addosso. A marzo il mio ragazzo decise di lasciarmi
  perché aveva capito che non mi amava più....
 
  Be' dal 28 marzo del 2008 non ho più frequentato gli uomini, né per
  storie serie, né per storie di sesso. Credo sia la paura di ritrovar
  mi nuovamente all'inferno....
  Comunque il mio desiderio di avere un bambino non si è mai placato e 
  così decisi che lo avrei avuto con o senza un compagno.
 
  A gennaio 2009 iniziai il viaggio della fecondazione assistita.
  Mi appoggio in una clinica romana per tutti i vari esami e poi vado
  all'estero per la fecondazione. Da gennaio ad oggi ho fatto già tre
  IUI e una FIVET. La situazione endometriosi peggiora sempre più; ho
  fatto una risonanza che ha rilevato moltissimi focolai, e comincio a d
  avere problemi anche nella produzione di ovuli....
 
  L'ultima FIVET fatta, anche i medici della clinica in cui vado mi
  hanno detto che le possibilità di rimanere incinta sono minime.
  Sono stata malissimo, sto malissimo, ma a settembre vorrei riprovarci.
  Chiaramente diventa anche un problema economico, in quanto nella mia
  posizione non mi passano neanche i medicinali che hanno un costo di
  700 euro a scatola, ma fino a quando mi diranno che c'è ancora una s
  peranza e avrò la forza e la possibilità economica per farlo non mi
  arrenderò.
 
  Forse mi sono dilungata un po’ troppo, ma raccontare a qualcuno che
  veramente mi capisce perché ci è passata mi fa stare meglio. Ne parl o
  anche alle mie amiche che mi dicono di farmi forza e che c'è altro 
  nella vita....parlano bene loro che hanno un marito e dei figli......
 
  Ti ringrazio e spero un giorno di poterti incontrare.
 
  Un abbraccio
 
  Lara

 

Cara Lara, che dire ... che dire degli uomini e del loro egoismo? Non voglio generalizzare ma in argomenti così delicati e di alta sensibilità ci ritroviamo spesso sole a dover decidere, sacrificare, sopportare.
Mi dispiace tantissimo per come sono andate le cose, non posso neanche immaginare cosa voglia dire perdere due figli. Io ti dico solo che ho imparato a SOSTENERE sempre e comunque le scelte delle donne che lottano con i denti e le unghie per riuscire a diventare madri. Inizialmente, non ti nascondo, giudicavo.
Giudicavo usando la parola ACCANIMENTO che oggi trovo tanto odiosa e irrispettosa, perchè dietro a questa parola c'è appunto il giudizio. Accanimento vuol dire che qualcun altro si spinge dove noi ci saremmo fermate.
Ma due gravidanze in particolare, in questi anni, mi hanno fatta riflettere, mi hanno fatto capire che sbagliavo. Ho capito che se una donna se la sente di fare anche 10 fivet è giusto che lo faccia, accettandone i rischi di salute, purtroppo. E proprio per questo merita ancora di più il mio rispetto.
E' diventata mamma la mia Alzata con Pugno di cui parlo in Condividendo nella pagina dei ringraziamenti. E solo Dio sa quanto questa donna l'abbia desiderato e abbia tentato. E' diventata mamma una donna di 43 anni che ogni volta che ascoltavo parlare mi faceva piangere tanto il suo dolore e la sua frustrazione era tangibile.
E cazzo (ci sta vero?) , hanno avuto ragione loro. Alla faccia di chi pensava si accanissero.
Questi due esempi erano coloro che in tutti questi anni "ancora" non ce l'avevano fatta. Ti giuro che non conosco altre donne, per lo meno quelle che sono in stretto contatto con me, che non ce l'abbiano fatta.
Quindi cara Lara, posso solo dirti, di tentare ancora se pensi di poterlo fare, a costo di mangiare pane e cipolla per il resto dei tuoi giorni. Voglio essere ottimista e su questo blog c'è uno spazio per la tua prossima testimonianza positiva.
Te lo auguro di cuore.
Vero

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 
 
 
 
 

IN QUESTO MOMENTO SIAMO IN

web stats