Creato da lanimaoscura il 01/02/2009

lillusionista

*niente di vero..tranne gli occhi*

 

 

dato di fatto..

Post n°10 pubblicato il 20 Gennaio 2010 da lanimaoscura

 .

 

 

"Spesso dicevo che la vita era uno schifo.
Anche quella frase mi stava fregando, perché avrei dovuto dire:

"La mia vita è uno schifo".


Allora, magari avrei iniziato a chiedermi se potevo fare qualcosa per cambiarla.
Se era tutta colpa del destino, del caso, della sfortuna, o se invece anch'io ne ero colpevole.

Perché dire che la vita fa schifo è come dire che non c'è niente che si possa fare.
Che bisogna accettarlo come un dato di fatto imprescindibile.
Fortuna che poi ho cambiato idea.
Fortuna che ho capito che la mia vita ha un valore e quel valore glielo do io con le mie scelte e con il coraggio delle mie decisioni.
Ho imparato a pormi una domanda ogni sera prima di addormentarmi: cosa hai fatto oggi per realizzare il tuo sogno, la tua libertà?
Alla seconda sera in cui mi sono risposto: "Niente", ho capito quanto in fondo una parte del problema fossi io.


Quindi, o smettevo di lamentarmi o iniziavo a darmi da fare."

 

La vita non è ciò che ci accade, ma ciò che facciamo con ciò che ci accade.

 

Fabio Volo

 
 
 

???

Post n°9 pubblicato il 24 Giugno 2009 da lanimaoscura

Girovagando per il web..mi sono imbattuto nel classico sfogo femminile...

Sebbene qualcosa di vero ci sarà pure..penso che le donne..

 

Le tipologie maschili:

 

Il simpaticone invaghito: si è invaghito di te e  vuole risultarti simpatico ad ogni costo. Si cimenta dunque in continue battute e freddure con l’espresso proposito di divertirti o impressionarti. Del tipo: “hai visto the hours?” “No non ho avuto le ore”. “Faccio due passi al fresco” “Non in prigione eh!” “Hai internet, hai l’email? Hai hotmail? Hotmail ,lettera erotica” “Perché?” “Hot…mail…” Ecctera ecctera. Se avessi una pistola potresti arrivare a sparargli per farlo tacere.

Punti a sfavore: sembra stupido; difficilmente sopportabile.

Bilancio:negativo

 

Il depresso d’amore: si è lasciato con la donna da poco tempo ed ha deciso che tu devi sapere tutto, tutto, tutto di loro due. Non hai scampo. Ti telefona per parlare da solo, sapere che ci sei tu dall’altro lato è solo  un escamotage del suo cervello per non ammettere che sta talmente male da parlare da solo. Puoi posare la cornetta del telefono, andare in cucina, farti i piatti, poi pulire il bagno, i sanitari ecc, tornare dopo 40 minuti al tel. Lui non si sarà accorto della tua assenza, starà ancora parlando da solo, giuro; prova! E' logorroico e tu sei la sua psicologa, il suo muro del pianto. Non credere che ti abbia scelto come confidente perché ha stima di te, ti accorgerai che il depresso cronico parlerà del suo dramma con chiunque abbia l’occasione di incontrare, perfino con estranei. Quando avrà finito con la depressione amorosa inizierà con la depressione lavorativa.

Punti a sfavore: è egoista perché usa gli altri solo come sfogatoio; non ha alcun controllo sulla propria mente; è ammorbante e devi combattere per preservare il tuo tempo. Bilancio:negativo

Consiglio: presentagli la tua amica depressa cronica, forse insieme si tireranno su , oppure decideranno di suicidarsi insieme e tu così potrai andare ad un solo funerale, invece di due.

 

L’opportunista scaltro: crede di potere ottenere dei favori da te o dalle tue amicizie e ti chiama soltanto ed esclusivamente quando ha bisogno di qualcosa, fingendosi amico.

Punti a sfavore : non è interessato a te ,ma soltanto a quello che vuole ottenere da te; sovente è sleale, inaffidabile, insensibile,egoista, concentrato esclusivamente su se stesso.

Bilancio:negativo. Consiglio: non dare mai molto peso a quello che dice.

 

Il macho più vecchio: è più grande di te, di molto o di poco…Anche quei  4 o 5 anni in più se è predisposto possono bastare per farlo diventare più rompicojoni e fargli sviluppare la convinzione di essere il più. Il più bravo, il più intelligente, il più capace, il più figo ecc. Più anni ha e più è convinto di sé, la pesantezza è esponenziale all'età anagrafica. Ha una convinzione specifica,che espliciterà a parole o con i comportamenti. L’assunto è che tu ,femmina, sei nata stupida. Siccome sei giovane poi sei doppiamente stupida: perché femmina e perché giovane. Ti guarderà  con aria di sufficienza e di supponenza della serie vediamo cosa dice e cosa fa  ora questa stupidina. Se un uomo dice la stessa cosa che hai detto tu, lui guarderà l’uomo in modo normale e te con aria supponente, perché per lui il timbro di voce femminile è in se stesso dimostrazione ed espressione di stupidità indipendentemente dai contenuti. Resterà meravigliato di qualsiasi azione tu compia dimostrando di non essere handicappata- senza offesa per gli handicappati-e ti dirà per questo: “sei davvero una ragazza speciale...”o, variante "hai capito la ragazza..."

Se conoscete una ragazza ingegnere, brava e molto bella, lui dirà: “a vederla non gli daresti una lira",poi con aria sorpresa proseguirà: "Invece è brava.” Lui a vederla non le aveva dato una lira perché ancora è rimasto ai tempi delle lire e perchè è femmina, è giovane ed è carina, quindi automaticamente incapace.

Solitamente è forte solo con le donne, con tutti gli altri è un debole.

Punti a sfavore: come il macho coetaneo; in più vuole prevaricare con ogni mezzo; è noioso,vuole per forza primeggiare e non sopporta che tu sappia fare nulla meglio di lui,  nemmeno in cucina. Sa cucinare, sa le ricette e le ricette che sa lui sono le migliori! (Almeno nella sua convinzione è così.)

Bilancio : negativo.

 

Il Tattico:è colui che si studia ogni mossa per compiacerti ed ottenere quello che vuole. Te ne accorgi perché cambia sempre e facilmente versione su un determinato argomento. Poiché parla per compiacerti o per colpirti, sovente dirà cose contrarie alla logica (perché in contraddizione con quanto detto poco prima , quando credeva di colpirti in un altro modo);  Un minuto dice A ed il minuto dopo dice l'esatto contrario di A. Se è intelligente sa raccontare bene le bugie,ma se non ha una  memoria impeccabile e non se le annota su un block notes,se le dimentica e quindi lo sgami.

Punti a sfavore: è bugiardo,falso e prevedibile, dunque noioso.

Bilancio:negativo.

 

Il Timido:  se  non siete solo amici e gli piaci te la fa credere e non credere. Dice e non dice, guarda e non guarda, sa e non sa.

Punti a sfavore: non è semplice capire cosa pensa realmente;ci mette moltissimo a fare la prima mossa ; non ti fa capire chiaramente se gli piaci o meno.

Bilancio: in pareggio. Timidezza non è una discriminante né un merito.

 

Il Pettegolo: il pettegolo sa vita , morte e miracoli di tutti. Amici e conoscenti. Sa chi  ha tradito con chi, sa che quello si è lasciato con la tipa perchè era impotente, quell'altro ha le emorroidi, quell'altro ancora finge di avere le emorroidi ma in realtà lo usa come scusa; quell'altro ancora è povero e incapace di amministrare i suoi beni,oppure è ricco e tirchio.

Punti a sfavore: a volte può trasmettere notizie false, può involontariamente o volontariamente seminare zizzania; non si fa mai i fatti propri; come racconta a te i fatti degli altri può raccontare agli altri i fatti tuoi.Non ti fidare.

Bilancio: negativo.

 

Il Vanitoso: passa ore al bagno a prepararsi davanti allo specchio. Si fa le sopracciglia con le pinzette, la ceretta sul torace- o si toglie i peli con la lametta-, va spesso dal parrucchiere e quando non va dal parrucchiere passa il doppio del tempo a sistemarsi i capelli davanti allo specchio. Impiega ore a studiare come vestirsi.Non esce di casa se non è perfetto come un manichino. Spesso ha un vezzo, qualcosa che lo contraddistingue: ad esempio la fissa per i cappelli, portati di giorno e di notte -in tal caso avrà il suo cappello preferito-,o per le bandane, o per le collanine...

Punti a sfavore: se devi dividerci il bagno è un problema;è troppo preciso e ti fa sentire in disordine; quando si toglie i peli del petto con la lametta e poi ricrescono sono inestetici e fastidiosi al tatto;

 

Il Contorto: usa giri di parole per dirti quello che ti vorrebbe dire ,ma

 crede di non poterti dire. Crede che tu voglia dire l'opposto di quello che hai detto, per vedere la sua reazione, che sarà l'opposto di quella che vorrebbe avere perchè ragiona su quella che deve avere che è l'opposto di quella che vorresti tu.Quello che vorresti fare tu è il contrario di quello che dice di volere fare lui e quello che si consiglia di fare lui è l'opposto di quello che dovresti fare tu.

Punti a favore e sfavore: e chi ha capito niente?

Bilancio: per carità, ho mal di testa!

 

Il molto diretto: è colui che ci prova immediatamente , appena ti vede ti individua come preda e si siede al tavolo con la tovaglia apparecchiata come Bugs Bunny che aspetta il passaggio di Wil il Coyote per inforchettarlo.

bilancio:negativo.

 

Il super direttissimo: è colui che ci prova immediatamente e subito dopo averti dato il primo bacio pretende di venire a letto con te e ti dice : “voglio fare l’amore con te” o “perché non vuoi fare sesso con me?” Nel caso in cui tu non avessi capito. Se è anche squilibrato ti dirà subito "ti amo".

Punti a sfavore: è pesante, è aggressivo e molto probabilmente è abituato ad andare con le prostitute e potrebbe attaccarti delle malattie.

Bilancio:negativo.

 

Se manca qualcuno… 

 

le donne...

 

 

 

.

 

 
 
 

a volte..sono solo sensazioni a pelle..

Post n°8 pubblicato il 08 Giugno 2009 da lanimaoscura

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Certe volte i pensieri si disegnano nella testa sotto forma di immagini.

Si proiettano come un film a tre dimensioni,

un ologramma in movimento senza bisogno di schermo.

La vista, l’olfatto, i sensi continuano a funzionare

all’esterno del volto, a registrare azioni e sensazioni,

 ma dietro gli occhi, in quello spazio ovale

racchiuso tra le tempie e la nuca, lì, sotto la calotta cranica,

agiscono i pensieri.

A volte guidate, costruite, a volte da sole,

come i sogni, le immagini si formano e si muovono,

quella donna, quell’uomo, quel luogo,

hanno rumori, musiche e parole che esistono anche se non si sentono,

odori e consistenza che arrivano fino alla pelle e

provocano reazioni vere, vere sensazioni.

Quando succede non tornano indietro,

non si riavvolgono come la pellicola di un nastro,

ma accadono di nuovo, si ripetono dal nulla,

identiche, oppure cambiano,

si restringono a particolari che riempiono tutto il campo,

deviano in altre facce, altri corpi, altri movimenti.

 

 

Quando nascono dal nulla, le immagini si chiamano fantasie.
Quando sono già accadute si chiamano ricordi.

 


(“Un giorno dopo l’altro” di Carlo Lucarelli)

 

 

.

 

e ti rimane la sensazione che sia terminato..tutto.. troppo in fretta..

 

 

 
 
 

nell'oggetto..

Post n°7 pubblicato il 29 Aprile 2009 da lanimaoscura

 

.

 

"Certo un oggetto può piacere anche per se stesso, per la diversità delle sensazioni gradevoli che ci suscita in una percezione armoniosa; ma ben più spesso il piacere che un oggetto ci procura non si trova nell'oggetto per se medesimo.

 

La fantasia lo abbellisce cingendolo e quasi irraggiandolo d'immagini care.

 

Né noi lo percepiamo più qual esso è, ma così, quasi animato dalle immagini che suscita in noi o che le nostre abitudini vi associano.

 

Nell'oggetto, insomma, noi amiamo quel che vi mettiamo di noi, l'accordo, l'armonia che stabiliamo tra esso e noi, l'anima che esso acquista per noi soltanto e che è formata dai nostri ricordi"

 

 

Pirandello, da “Il fu Mattia Pascal”

 

 
 
 

oltrepassare

Post n°6 pubblicato il 16 Aprile 2009 da lanimaoscura

 

.

 

 

è strano come le cose possano cambiare..

davvero strano..

conosceva da tempo quella barriera

e mai..

gli era passato per la testa di oltrepassarla..

quella sera..qualcosa cambiò..

la curiosità..la tentazione..

sempre più persistente..

 

andava vinta.. in un modo o nell’altro..

gli girò intorno piacevolmente..dolcemente..

troppo, forse troppo..

 

il traguardo era maledettamente diverso..

un cammino difficile, un’ardua impresa..

un terreno arido..

quel faticoso cammino..davvero non se lo aspettava.

 

e raggiunta la meta..dovette tornare indietro..

 

"I piaceri semplici sono l’ultimo rifugio della gente complicata" Oscar Wilde

 

 
 
 
Successivi »
 

 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

cinziafestiemozionami1960giuliocrugliano32mivuoimantenerelubopoElinaSapphomabel7777yes69SexAndTheCitydglPallidoRaggioDiLunapinomarikGIO_ONAMORsaveria86orintia
 

 

 

 

 
 

FACEBOOK