Creato da dona.gi62 il 15/11/2011

ALLURE

" Gli uomini potevano chiudere gli occhi davanti alla grandezza, davanti all'orrore e turarsi le orecchie davanti a melodie o a parole seducenti. Ma non potevano sottrarsi ai profumi. Poiché il profumo è fratello del respiro. Con esso penetrava gli uomini, a esso non potevano resistere, se volevano vivere. E il profumo scendeva in loro, direttamente al cuore e là distingueva categoricamente la simpatia dal disprezzo, il disgusto dal piacere, l'amore dall'odio. Colui che dominava gli odori, dominava il cuore degli uomini" Del libro Il profumo di Patrick Süskind

 
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

 

« DomenicaPensiero.. »

Le stelle marine

Post n°85 pubblicato il 19 Giugno 2012 da dona.gi62

 



Una tempesta terribile si abbattè sul mare.

Lame affilate di vento gelido trafiggevano l'acqua e la sollevavano in ondate gigantesche che si abbattevano sulla spiaggia come colpi di maglio, o come vomeri d'acciaio aravano il fondo marino scaraventando le piccole bestiole del fondo, i crostacei e i piccoli molluschi, a decine di metri dal bordo del mare.


Quando la tempesta passò, rapida come era arrivata, l'acqua si placò e si ritirò. Ora la spiaggia era una distesa di fango in cui si contorcevano nell'agonia migliaia e migliaia di stelle marine. Erano tante che la spiaggia sembrava colorata di rosa.
Il fenomeno richiamò molta gente da tutte le parti della costa. Arrivarono anche delle troupe televisive per filmare lo strano fenomeno.


Le stelle marine erano quasi immobili. Stavano morendo.


Tra la gente, tenuto per mano dal papà, c'era anche un bambino che fissava con gli occhi pieni di tristezza le piccole stelle marine. Tutti stavano a guardare e nessuno faceva niente.
All'improvviso, il bambino lasciò la mano del papà, si tolse le scarpe e le calze e corse sulla spiaggia. Si chinò, raccolse con le piccole mani tre piccole stelle del mare e, sempre correndo, le portò nell'acqua. Poi tornò indietro e ripetè; l'operazione.


Dalla balaustrata di cemento, un uomo lo chiamò: "Ma che fai ragazzino?".
"Ributto in mare le stelle marine. Altrimenti muoiono tutte sulla spiaggia" rispose il bambino senza smettere di correre.


"Ma ci sono migliaia di stelle marine su questa spiaggia; non puoi certo salvarle tutte. Sono troppe!" gridò l'uomo. "E questo succede su centinaia di altre spiagge lungo la costa! Non puoi cambiare le cose!".
Il bambino sorrise, si chinò a raccogliere un'altra stella di mare e gettandola in acqua rispose: "Ho cambiato le cose per questa qui!".


L'uomo rimase un attimo in silenzio, poi si chinò, si tolse scarpe e calze e scese in spiaggia. Cominciò a raccogliere stelle marine e a buttarle in acqua. Un istante dopo scesero due ragazze ed erano in quattro a buttare stelle marine nell'acqua.
Qualche minuto dopo erano in cinquanta, cento, duecento, centinaia di persone che buttavano stelle di mare nell'acqua.


Così furono salvate tutte.


(dal web)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/luccicante/trackback.php?msg=11395347

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
nogherazza
nogherazza il 20/06/12 alle 06:39 via WEB
Ciao stella! Quando avrai letto questo messaggio cancellalo. Hai la casella della posta ricevuta piena, cancella un pò di messaggi altrimenti non posso scriverti! Approfitto per augurarti una buona giornata Michele
 
 
dona.gi62
dona.gi62 il 20/06/12 alle 20:59 via WEB
Ciao Michele, grazie per avermi avvisato, liberata la messaggeria. buona serata.
 
Federicavega
Federicavega il 20/06/12 alle 16:13 via WEB
Ciao Dona, è molto bello questo racconto......qui è tutto come prima sembra che il tempo si sia fermato ad un punto preciso e si rimane sospesi così.......ad aspettare che qualcosa smuova questo tempo che sembra infinito.....ti mando il mio augurio di ogni bene perchè è sempre la cosa migliore....un abbraccio da Fede.
 
 
dona.gi62
dona.gi62 il 20/06/12 alle 21:02 via WEB
Oh, Fede. mi spiace ti tengano così in ansia...è già così difficile stare in attesa per cose di ben altra importanza immagino come puoi stare,...è una tortura infinita, speriamo si decidano e facciano quello che si deve. Per il momento ti ringrazio di essere passata ad aggiornarmi. Un bacione e stai serena il più possibile, arriverà il momento....tranquilla :)))
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.