Lucky_borsa

finanza, borsa e dintorni

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

DISCLAIMER

Non intendo sollecitare investimenti.
Chiunque utilizzi spunti derivanti dalla mia analisi  agisce a proprio rischio e pericolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« E tempo di ricoprire gli Shorts?G7/ Scatta reazione a nu... »

Come l’Europa può (e alla fine vorrà) evitare il collasso

Post n°711 pubblicato il 09 Settembre 2011 da Lucky340
 
Foto di Lucky340

A questo punto, il fattore principale che sta guidando la crisi in Europa è il panico nei mercati obbligazionari. Non è il debito, non è il deficit, non è il piano fiscale. E 'l'azione sui mercati obbligazionari che ha il controllo degli eventi.

C'è un modo per mettere fine a questo mercato  che alimenta la crisi in un colpo solo. Ed è così facile, eppure così efficace, che è difficile da credere.

La Soluzione

La soluzione: La BCE annuncia, con effetto immediato, che  eserciterà l'autorità illimitata per l'acquisto del debito sovrano dei paesi membri nel mercato secondario come è necessario per portare i tassi di interesse in linea con i fondamentali sottostanti.

Fine della crisi. E così semplice.

Con la promessa di acquistare tante obbligazioni quante sono necessarie per mantenere i tassi di interesse a livelli ragionevoli, la minaccia di default sovrano è messa fuori dai giochi. L'implicita "put option" che ciò rappresenterebbe garantirebbe domanda sufficiente per tutti i bond dell'area euro sovrani e le garanzie per tutti gli stati membri.

In sostanza,  buttando la minaccia di default fuori dal tavolo, la minaccia esistenziale per l'area dell'euro è messa fuori gioco.

L'euro può sopravvivere con un po 'di inflazione. Anche con una grande quantità di essa. L'euro non può sopravvivere  con il default degli Stati membri.

Perché la BCE aspetta?

Se la soluzione è facile come nella mia ipotesi, ci si può chiedere perché la BCE non lo abbia già fatto. In realtà, la BCE ha già iniziato ad acquistare titoli di Stati membri sul mercato secondario. Infatti, il suo recente intervento in questo senso si è dimostrato altamente efficace nel senso che ha portato i rendimenti dei titoli spagnoli e italiani a scendere nonostante una spesa relativamente minore da parte della BCE.

Il problema è che la BCE sta facendo questo su una scala del tutto inadeguata e senza alcun impegno a lungo termine.

Il semplice annuncio che la BCE ha adottato un impegno a lungo termine per tenere i rendimenti delle obbligazioni sovrane a livelli ragionevoli causerebbe un rally nelle obbligazioni sovrane in Europa con  i rendimenti in caduta libera.

E 'questo un pranzo gratis? No. Ci sono problemi di azzardo morale. L'inflazione potrebbe anche crescere. Tuttavia, questo è chiaramente un piccolo prezzo da pagare rispetto al non  permettere il collasso dell’euro .

Quindi sorge di nuovo  la domanda: perché non è la BCE non sta già facendo questo?

La prima ragione è l'opposizione ideologica. La maggior parte degli europei, e soprattutto i tedeschi, hanno una tendenza molto ortodossa per quanto riguarda le questioni monetarie e sono pertanto contrari  allo stile USA QE. Funzionari europei hanno ripetutamente detto che acquisti di obbligazioni di questo genere avrebbero danneggiato la credibilità della BCE.

Il problema è che questo argomento è diventato sempre più debole. L'esperienza degli Stati Uniti ha chiaramente dimostrato che gli acquisti di obbligazioni sovrane da parte di  una banca centrale non deve essere seguita per forza  da inflazione o da una perdita di fiducia. L'inflazione americana è bassa e il prezzo dei buoni del tesoro sono a livelli record (e dei loro rendimenti ai minimi record). Le preoccupazioni dei banchieri centrali europei sono completamente fuori luogo: Hanno bisogno di capire che il non l'acquisto di titoli di stato al fine di stabilizzare i mercati obbligazionari sta portando ad una  crisi esistenziale dell'euro.

La seconda ragione per cui il QE non è stato fatto è  più  politica. Gli europei, e tedeschi in particolare, sono molto restii a tirare fuori dai guai i paesi percepiti come immeritevole di aiuto. In questo contesto, è difficile per la BCE andare direttamente contro la volontà del pubblico. La BCE non vuole essere vista come antidemocratica o non rappresentativa per intraprendere azioni che il democraticamente eletto parlamento  europeo non sia disposto a prendere.

Detto tutto questo, bisogna riconoscere che l'opposizione al massiccio intervento della BCE sui mercati obbligazionari sovrani è più ideologica e politica che giuridica o costituzionale - anche se c'è un certo grado di ambiguità su questo punto.

Per esempio, il presidente tedesco Christian Wolf ha apertamente messo in discussione gli acquisti recenti da parte della BCE di obbligazioni spagnole e italiane. Parlando in un forum di economisti a Lindau, nel sud tedesco, Wulf ha commentato: "Considero l'enorme buy-up dei titoli dei singoli Stati da parte della BCE sia legalmente che politicamente discutibile. L'articolo 123 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea vieta la BCE direttamente da acquistare strumenti di debito, al fine di salvaguardare l'indipendenza della banca centrale ".

Il problema con l'interpretazione Wulf è che l'articolo 123 vieta soltanto "direttamente" gli acquisti di obbligazioni dalle tesorerie dei paesi membri. L'articolo non vieta gli acquisti sul mercato secondario. Alcuni potrebbero sostenere che questo è un tecnicismo e che l'acquisto della BCE costituirebbe una violazione dello spirito della legge. Tuttavia, tale argomento è di poco conto dal punto di vista giuridico.

Il nocciolo della questione è che se arriva il momento critico, la BCE ha il potere di acquistare  delle obbligazioni quante ne desideri sul mercato secondario. E 'già stata data  attuazione a  questa politica su piccola scala. E, se necessario, può farlo su larga scala. La legittimità di uno o l'altro è lo stesso - o entrambe le azioni sono  illegali o entrambi sono legali. La questione è un po 'come essere "metà in stato di gravidanza." O è o non è legale. E una semplice lettura dell'articolo 123, dimostra che acquisti di obbligazioni secondarie non sono illegali. Sono legali.

Conclusione

La BCE avrebbe dovuto intervenire in modo aggressivo sui mercati obbligazionari molto tempo fa. La crisi attuale non avrebbe mai raggiunto il suo stato attuale. Anzi, potrebbe essere giustamente detto che il fallimento della BCE di intervenire sui mercati obbligazionari è diventata una delle principali cause dei disavanzi di bilancio in Europa - e  i deficit di bilancio sono la radice della presunta crisi. Alti tassi di interesse  sui nervosi mercati obbligazionari hanno  arrestato la crescita economica e quindi ridotto le imposte in tutti i paesi europei. Hanno  anche fatto salire i costi del debito. Se la BCE avesse messo un tetto massimo sui tassi nei mercati delle obbligazioni sovrane, annunciando l'intenzione di intervenire senza limitazioni, il danno fatto dagli  alti tassi di interesse, liquidità inaffidabili e le incertezze relative alle fonti di finanziamento sarebbe stato eliminato molto tempo fa.

I Funzionari della BCE non vogliono fare il  QE. La loro reticenza può essere compresa, da un certo punto di vista. Tuttavia, la loro inazione,  sta consentendo inutili danni economici e finanziari.

Alla fine, tutto questo spettacolo di "disciplina" da parte della BCE sarà per nulla. sarà ricordato nella storia come solo in modo  per  spargere molto sangue.

Alla fine della giornata, il mercato forza il problema, e la BCE ha poca scelta,  per  impegnarsi in aperti acquisti di obbligazioni sovrane. Qquesta supposizione deriva dalla legge di autoconservazione. Purtroppo, per motivi ideologici e politici, i mercati azionari e obbligazionari dovranno soffrire una inutile carneficina prima che i funzionari della BCE finalmente entrino in azione e il grande istituto acquisti le obbligazioni sovrane.

Ma quando la BCE finalmente entrerà  in azione, la crisi dell’ euro sarà finita.

Un po di inflazione, o addirittura una grande quantità di essa, non è una minaccia l'euro. I Default minacciano l'esistenza della moneta unica. Per questo motivo, gli amministratori  dell’euro alla fine lo salveranno con l'acquisto di altrettanti titoli di stato come è necessario per porre fine a questa crisi  a cui è già stato concesso di trascinarsi troppo a lungo.

La certezza virtuale che la BCE - se arriva il momento critico – metterà un fermo alle spalle di tutto il debito sovrano della zona euro, è un motivo importante per non trascinare una tendenza al ribasso sulle azioni  degli Stati Uniti e gli ETF come AAPL , MSFT , CSCO , SPY , DIA e QQQ .

Disclosure: Io sono lungo  con  Put su SPX.

libera traduzione da  James A. Kostohryz

 

Ps_

interessante come Questo trader arrivi alle conclusioni di molti economisti progressisti europei  come  Paul de Grauwe , non si capisce questi signori della BCE a che gioco stanno giocando, vedi le forti tensioni interne alla Banca centrale europea. Tensioni che sono state confermate oggi, con le dimissioni del membro tedesco del board della Bce, Juergen Stark.Pomo della discordia, il programma di acquisto di titoli di stato italiani e spagnoli da parte della Bce, come riporta Reuters. Finora, la Bce ha confermato le dimissioni e con un comunicato stampa ha confermato che Stark rimarrà fino a quando il suo successore sarà nominato, dunque entro la fine dell'anno. Ma vogliono fare la BANCA CENTRALE o cosa?

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Lucky340
Data di creazione: 04/05/2010
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Lucky340FLORESDEUSTADcarlopicone1960surfinia60Lady_SeleKtaattimi_preziosi1fra19572mauriziocamagnapoeta_semplicecuoioepioggiacassetta2amorino11alogicoercontrosoffittatore
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom