Creato da luloca il 10/03/2006

Liberi come l'aria.

In questo blog sono graditi tutti gli interventi, se in tema con l'argomento del post. Potete dire qualunque boiata, purché non lo facciate in maiuscolo o in grassetto. La prima regola del vivere civile é quella di non prevaricare gli altri, e chi lo fa,oltre a non meritare la mia stima, si rivela solo un gran cafone.

 

 

« In televisione non si pu...La necessità di essere p... »

Quando si parla del passato é perché il presente non ci piace.

Post n°226 pubblicato il 23 Marzo 2010 da luloca

Ieri sera ho incontrato Claudio, un mio vecchio amico di quando avevo 20 anni. Non lo vedevo da altrettanti anni, non so neanche il motivo, anche perché viviamo nella stessa città, che non é certo Pechino, o Città del Messico. Si é già sposato tre volte, ha messo al mondo 4 figli, sparsi tra Pavia, Domodossola e Catania. Fà il pizzaiolo, guadagna molto bene, ma non tanto da mantenere tre famiglie e due anziani genitori un po' malandati. A giudicare dal fare nervoso, dai tic, dall'ansia che comunica, non mi é sembrato nella sua forma migliore.

All'epoca vivevamo in una specie di comune: tutti insieme in una vecchia casa semi diroccata, con tanto terreno intorno, in mezzo a due viadotti autostradali.
Nella comune, di fissi, eravamo in 6: Manduga (che ero io), Ari, Scopetto (l'amico che ho incontrato), Frisby, Giovannona e Pelé, seguiti a vista dalla cognolina Micetta (strano nome per un cane!). Alternativamente, al gruppo, si univano altre persone, spesso stranieri di passaggio. Tra tutti, mi ricordo un poeta indiano, che oggi al suo paese é diventato molto famoso, due immancabili ragazze tedesche (di recente ne ho ritrovata una su facebook), un ungherese scappato dal suo paese, una ragazza americana (bellissima!) e tanta tanta altra gente di cui non mi é rimasto che qualche ricordo vago.
Noi fissi della comune, mettevamo proprio tutto in comune... dalle sigarette, ai pochi spiccioli circolanti. Per tirare avanti e pagare l'affitto e l'energia elettrica, speravamo nei frutti dell'orto, ma si rivelò più proficuo scaricane camion ai mercati generali. Quando c'era un problema, ci si riuniva e si discuteva (si discuteva, si discuteva e si ridiscuteva!). Spesso erano problemi di lana caprina, ma il bello era proprio quello, di problemi seri non ne avevamo mai.
A parte qualche ora di lavoro la mattina presto, per il resto oziavamo molto e ci dedicavamo alla nostra occupazione preferita... scopare come i ricci e arrotolare dei cannoni da guinness dei primati.
Io rimasi con loro per quasi un anno, dopo presi la mia strada che per ragioni affettive mi portò lontano.
La comune sopravvisse ancora altri due anni, e a quanto pare furono in molti, in vece mia, ad alternarsi a curare l'orto e a turare le crepe sui muri.
Bei tempi!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/luloca/trackback.php?msg=8599352

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
piandeloa
piandeloa il 25/03/10 alle 08:16 via WEB
"a 20 anni è tutto chi lo sa"...io credo - ma forse è solo la mia esperienza che mi fa pensare così - che il bello dei 20 anni non sia in ciò che si fa, ma sia in quello che diceva Guccini: a 20 anni tutto è possibile. Vorrei avere la stessa prospettiva adesso, e mi sforzo di farlo, ma non ce la faccio proprio.
 
 
luloca
luloca il 25/03/10 alle 09:58 via WEB
E' vero. Il bello dei 20 anni , é che tutto é possibile, si guarda con un altro occhio al futuro. Io mi arrabbio molto, quando i ragazzi della palestra che frequento si sentono già sconfitti. Ho comunque la giusta maturità per capire che ogni età é bella, o può esserlo. Oggi non so se riuscirei a fare la vita che facevo allora, ma sono sicuro che il mio spirito di avventura non mi ha mai abbandonato.
 
   
piandeloa
piandeloa il 26/03/10 alle 08:38 via WEB
sono d'accordo con te - d'altra parte, raramente non lo sono -, infatti, se dovessi ripetere una decina d'anni ripeterei i 40, non certo i 20.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: luloca
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 53
Prov: EE
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

cartmanzonifederica.trontimariafrancesca.mfMarco_heavendavidecredsimoninissil81bseleonora.grazianiolgapaltrisalve600Jim223silvanobrubadreligion78liberto732007ericadt
 

ULTIMI COMMENTI

Magnetic powder core Powder core Soft Magnetic Powder...
Inviato da: bamboo furniture
il 21/08/2013 alle 08:08
 
Crystal Candle Labra Crystal Candle Holder Crystal Flower...
Inviato da: bamboo furniture
il 05/06/2013 alle 09:15
 
Plastic Tube Cosmetic Tube Cosmetic Packaging Cosmetic...
Inviato da: bamboo furniture
il 27/03/2013 alle 02:41
 
Anche io per un bel po' non ho avuto niente da dire....
Inviato da: ventididestra
il 10/01/2013 alle 13:19
 
China ear thermometer China infrared ear...
Inviato da: bamboo furniture
il 31/10/2012 alle 02:59
 
 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

UNA PROFEZIA DI PIER PAOLO PASOLINI.

Alì dagli Occhi Azzurri uno dei tanti figli di figli, scenderà da Algeri, su navi a vela e a remi. Saranno con lui migliaia di uomini coi corpicini e gli occhi di poveri cani dei padri sulle barche varate nei Regni della Fame. Porteranno con sè i bambini, e il pane e il formaggio, nelle carte gialle del Lunedì di Pasqua. Porteranno le nonne e gli asini, sulle triremi rubate ai porti coloniali. Sbarcheranno a Crotone o a Palmi, a milioni, vestiti di stracci asiatici, e di camice americane. Subito i Calabresi diranno, come malandrini a malandrini: «Ecco i vecchi fratelli, coi figli e il pane e formaggio!»
 

FACEBOOK

 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom