Creato da mantica_occulti il 10/03/2010

Mantica

Un piccolo spazio dove postare i miei appunti.

 

 

« EstasiSiate coscienti »

Definisci al meglio il tuo essere

Post n°141 pubblicato il 13 Novembre 2012 da mantica_occulti
 

 

Vorrei trovare un momento, quello giusto per cambiare il mondo, vorrei trovare un cielo, per volare libero come il vento, vorrei trovare un pensiero, per vedere cosa sono i sogni, vorrei trovare un mondo pieno di felicità, vorrei trovare un mondo che si prenda cura di te, vorrei trovare tante piccole cose, che a guardarle potrebbero essere insignificanti, come anche ad usarle... vorrei tornare all' inizio, agli albori, alla semplicita di quando non sono ancora nate nemmeno le idee, e veder germogliare dai cuori della mente tante dolci idee, a portata di chiunque, vorrei donargli un cuore tanto grande da ospitare tutti, sia persone che animali, che piante, senza aver tutti i vizi che si hanno intorno oggi e tenere solo il necessario, ho scritto solo il necessario...

Mi piacerebbe, e credo che piacerebbe un po' a tutti trovare un mondo dove tutti con coscienza pensano a tutto ciò.

Hai visto com' è facile fare un mondo? Hai visto come è facile cambiarlo? Od anche semplicemente osservarlo. Pensiamoci sopra... dalle frasi che mi echeggiavano nella mente mentre guardavo il tramonto da casa mia, ho riecheggiato i punti di vista del sognatore, del cosciente, e dell' adulto. Perché non c' è più successione nella gente? Cosa è morto? Cosa è sparito? Cosa si è nascosto? O cosa ci nascondiamo? Perché non inseguiamo più ciò che un tempo era in noi, ciò che abbiamo pensato, ciò che abbiamo provato, ciò che abbiamo vissuto... Perché si rifanno soltanto alcuni tipi di esperienze piuttosto che altre? E perché dovrei trovare una risposta a tutte queste mie domande?

Dove sono le folle quando ciascuno di noi vien chiamato? Perché ci si allontana da se stessi? Perché ci si fa questo torto? È così allettante l' illusione di aver illuso? È così redditizia l' illusione di se stessi? Perché si prova ad illudere un mondo credendo di poterlo migliorare, e credendo di poter migliorare il suo habitat, quando invece si mutano soltanto le condizioni base di esso stesso?

Perché volete farvi così male? Non capisco questa scelleraggine di cui vi circondate, non capisco tutta quest' insistenza ad avere il mondo che si vuole, il mondo che fa gola, il mondo che non si sa dove trovare ma si pensa di poter creare?

Cominciamo a non illuderci la prima volta di essere più infinti dell' infinito... date spazio, lasciate spazio, a chi di dovere, a chi c' è, a chi può, a chi vorrebbe ma non osa, a chi ha le capacità ma non le usa, a chi può insegnarle queste capacità ma non vien chiamato, o peggio ancora vien nascosto, escluso, estraniato.

Mi date una vita? Mi date un soffio? Mi date anche solo un respiro? Questo mormorò il piccolo pesce al suo pescatore. l' uomo di gran cuore all' inizio lo tormentò,  gli diede aria, ma non respiro, gli diede calore, ma non ambiente, gli diede il palcoscenico, ma non la libertà. Subito dopo, preso tra i suoi già mille pensieri, gli torna in mente il solito discorso complesso, la sua morale quotidiana, i suoi pensieri che non trovavano risposta oramai da diversi anni, circa tre decenni oramai... quell' attimo fuori dall' acqua, in quel momento con la vita in mano del destino... il pesciolino si mise a pregare con tutta la sua forza d' animo con tutto il suo spirito, di poter decidere consapevolmente che cosa farne della sua vita. Pensò perché capì che il cambiamento che lo stava aspettando non era voluto, e lo poneva in un'unica condizione. Pensò così tanto e così forte che in quell' attimo si rese conto delle grandi capacità avute.

L' uomo si turbò assillato da se stesso, dai suoi pensieri, generati dalle sue azioni, generati dalle sue conoscenze, generati da ciò che ha vissuto sino ad allora... il pesciolino chiese di poter respirare consapevolmente, chiese di aver la capacità di decidere della sua vita proprio in quell' istante... decise di non voler provare a respirare un' aria che non c' era, di non voler nuotare in un mare che esisteva, di non voler andare a vivere in un mare che era solo illusione. La sua forza è talmente alta e concentrata che il suo voler respirare consapevolmente arrivò all' orecchio dell' uomo, che lo passo alla mente, e stentò a tenerlo. Finchè arrivò dritto al cuore, in quell' uomo che stava pescando, per nutrire i suoi figli, per nutrire il suo corpo, e per poter nutrire altre persone. Quante non importava, non importa più dopo che si è riusciti a pensare per sé stessi e realizzare qualcosa per qualcun altro.

L' uomo in un istante si inginocchiò davanti a sé stesso, si mise a piangere, e si diede la possibilità di donar la libertà a sé stesso, la libertà di scegliere senza dover far conto con la ragione.

Spero di aver dato un' idea abbastanza ampia ed ancora di larga manica di come sta progredendo l' utilizzo medio della coscienza nella mente tra di noi, l' umanità non il mondo.

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: mantica_occulti
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 122
Prov: EE
 

DIALOGHI

Sei dubbioso, titubante, indeciso, c' è qualcosa che non ti torna, qualche discorso che ti sembra essere nascosto, qualche atteggiamento che non riesci a capire? Hai bisogno di parlare con qualcuno, hai un dubbio e vuoi un parere?

Scrivimi pure nella mail cliccando nel box contatta l' autore. Ti risponderò appena controllo, di norma cerco quotidianamente od ogni 2/3 giorni controllo.

Non chiedo nessun ricompenso in denaro, al contrario di chi offre anche solo 2 chiacchiere come un servizio a pagamento, io metto a Vostra disposizione il mio tempo per leggere, pensare e rispondervi. A volte poche parole bastano per esprimere anche infiniti pensieri.

Sta a te poi saper usare la comunicazione nel migliore dei modi.

 

KHEPER

 

 

AMARE SE STESSO PER AMARE GLI ALTRI

A chi è duro, sciogligli il cuore

A chi è insensibile, donagli l' affetto

A chi è in balia del vento, fallo fermare ad ascoltare

A chi è a testa bassa, sfioragli il mento e vedrai che sorriderà

A chi tiene il cuore in mano, aiutalo a rimetterlo al suo posto

A chi piange, fagli trovare l' amore ovunque

A chi guarda gli altri, fallo guardare dentro a se stesso

A chi sta già guardando dentro a se stesso, fallo aprire come un fiore

A chi è aperto come un fiore, salvalo dalle intemperie

A chi scappa una lacrima quando sente qualcosa che gli ricorda l' Amore, donagli unità e pace

A chi riesce a stare in mezzo alla gente e regalare un sorriso col cuore, donagli la forza per sorridere nuovamente

A chi ama, e a chi non sa più se ama, amali

Perché il loro amore è tutto ciò che può dare vita anche a te stesso

Ama, sappi cos' è l' amore dentro te, perché quando ti verrà donato saprai riconoscerlo ed amarlo.

Ama il cuore, ama l' amore, ama la vita e tutto ciò che ti circonda

Una cosa sola c' è dentro di te, donala incondizionatamente e verrai riempito subito e costantemente dello stesso Amore che saprai dare.

 

MANTICA OCCULTI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CONTATORE VISITE ESTERNO

 

CANTO DIFONICO - CANTO DEGLI ANGELI